Crea sito

Arrosto di tacchino farcito per il Ringraziamento

Domani sarà il Giorno del Ringraziamento e quest’anno ho deciso di preparare la mia versione del tacchino farcito. Ovviamente non ci penso minimamente a preparare un intero tacchino, non avrei neanche il posto nel forno per cuocerlo, anche se non nego che aver sempre voluto preparare “il vero pranzo del Ringraziamento”! Così ho deciso di festeggiare questo giorno così importante con il mio arrosto di tacchino farcito, accompagnato da zucca e castagne. Queste ultime sono presenti anche nel goloso ripieno.
L’ho poi tagliato a fette e servito con le verdure e il sughetto. Per una volta non ho fatto le classiche patate.
Amate come me la zucca? In questa raccolta vi propongo tante ricette tutte da provare.

Arrosto di tacchino farcito
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura50 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per l’arrosto di tacchino farcito

  • 3 kgfesa di tacchino (disossato e aperto a libro)
  • 200 gsalsiccia
  • 200 gcastagne, arrostite
  • 60 gpane bianco (circa 1 panino)
  • 2uova
  • 1/2 bicchierelatte
  • 100 mlvino bianco secco
  • 80 gpancetta (tesa)
  • 4 spicchiaglio
  • 1 ramettorosmarino
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.sale e pepe

Per il contorno

  • 100 gcastagne arrostite
  • 400 gzucca delica (già pulita)

Strumenti

  • spago da cucina

Preparazione dell’arrosto di tacchino farcito

  1. Tagliate il panino a pezzetti e ammollatelo nel latte.

    Versate in una ciotola il pane ammorbidito, le castagne arrostite a pezzettini, la salsiccia spellata e le uova. Aggiungete un pizzico di sale.

    Mescolate tutto con cura formando una sorta di polpettone.

  2. Stendete il petto di tacchino, che vi siete fatto preparare dal macellaio, sul piano di lavoro. Io di solito lo appoggio su un foglio di pellicola trasparente o di carta forno, che mi saranno utili in fase di chiusura.

    Appoggiate il ripieno appena preparato al centro del petto, formando un grosso salsicciotto e, aiutandovi con la pellicola o la carta, arrotolate l’arrosto.

    Compattatelo con le mani, togliete la carta o la pellicola e stendete la pancetta tesa sulla parte superiore.

    Legate per bene con lo spago l’arrosto di tacchino farcito in modo che in cottura non si apra. Adagiatelo al centro della teglia unta con un filo d’olio extravergine di oliva.

  3. Tagliate la zucca a cubotti e disponetela attorno all’arrosto, aggiungendo anche le castagne arrostite.

    Pelate gli spicchi d’aglio e disponeteli nella teglia insieme al rametto di rosmarino.

    Condite con un abbondante giro d’olio extravergine di oliva e salate leggermente la zucca e le castagne.

    Versate il vino bianco e infornate a 170° per circa 50 minuti.

  4. Controllate durante la cottura che l’arrosto di tacchino non si asciughi troppo, eventualmente aggiungete un pochino di acqua bollente.

  5. Una volta cotto, toglietelo dal forno e lasciate riposare l’arrosto cinque minuti prima di tagliarlo a fette.

    Servitelo accompagnandolo con le verdure arrostite.

Il giorno del ringraziamento

La prima volta che venne festeggiato il Thanksgiving Day (Giorno del Ringraziamento) in Nord America, fu nel 1578 quando l’esploratore inglese Martin Frobisher arrivò nel nuovo continente e ordinò una cerimonia per ringraziare Dio per la protezione data al suo gruppo durante la lunga e pericolosa attraversata oceanica. Tuttavia, gran parte dei moderni nord-americani associano la tradizione della Festa del Ringraziamento ai Padri Fondatori.

Nel 1621, un anno dopo l’arrivo nel nuovo mondo a bordo del Mayflower e nel seguente inverno rigido, in cui molti di loro perirono a causa delle malattie, gli abitanti delle colonie celebrarono il successo del loro primo raccolto organizzando una festa di ringraziamento alla quale invitarono i Nativi americani.

Nel menù di quel primo Ringraziamento americano ci fu sicuramente qualche pietanza che divenne tradizione per le feste – tacchino e zucca – insieme ad altre carni bianche, carne di cervo, ostriche, molluschi, pesci, torte di cereali, frutta secca e noccioline.

Gli americani celebrano la festa del Ringraziamento il quarto giovedì di Novembre  perché il presidente Abraham Lincoln dichiarò questo giorno come festivo, nella sua famosa Proclamazione di Ringraziamento del 1863.

Pranzo del Ringraziamento

Il tacchino ripieno è ancora l’orgoglio del pranzo per il Ringraziamento. Solo negli Stati Uniti, più di 40 milioni di tacchini sono consumati durante il weekend festivo. Differenti sono i ripieni che variano a seconda della località.

Nella costa est il ripieno di ostriche è tradizionale, in passato i crostacei erano economici e abbondanti nel mare. Nel sud si trova un ripieno di focaccia al granturco, mentre negli stati del nord si può trovare il Wild Rice (spezia nordamericana) tra gli ingredienti del tacchino.

La salsa di mirtillo è irrinunciabile, preparata sia con bacche fresche o congelate, unite alle immancabili patate dolci.

Chiude il pranzo la tradizionale torta di zucca accompagnata da un goloso ciuffo di panna fresca.

Seguimi anche sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Ferri Micaela

Chimico con la passione della cucina! Vi porto in giro per il mondo e vi faccio conoscere le mie ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.