Crea sito

Pasta con le sarde e il finocchietto selvatico alla siciliana

Pasta con le sarde e il finocchietto selvatico alla siciliana.
La pasta con le sarde è un piatto poverissimo della tradizione siciliana, preparata con pesci umili e comuni come le sarde e arricchita con il finocchietto  selvatico, tipica piantina spontanea che da marzo a settembre si trova un po’ ovunque.
Pur trattandosi di un piatto tradizionale, è anche vero che ogni zona della Sicilia ha la sua versione e pur mantenendo uguali gli elementi base, alcune differenze nella preparazione ci sono, la mia versione è quella alla catanese, che prevede l’aggiunta del pomodoro o del doppio concentrato. Aspetto che accomuna comunque tutte le versioni a parte sarde, finocchietto e uvetta è l’utilizzo nella finitura del pangrattato tostato.
Il pangrattato “atturratu”, aromatizzato con le acciughe rappresenta nella tradizione il formaggio dei poveri e proprio per questo è un elemento presente in molte ricette, soprattutto comunque nella pasta con le sarde.
Ma vediamo un po’ come si prepara.

Pasta con le sarde e il finocchietto.
  • DifficoltàBassa
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni6 Persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 400 gbucatini (o la pasta che preferite)
  • 500 gsarde (freschissime)
  • 30 gPinoli (O mandorle tritate al coltello)
  • 30 gUva passa (Ammollata)
  • 80 gPolpa di pomodoro (Cotta e ristretta o 1 cucchiaio di concentrato)
  • 1cipolla (Media)
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale
  • 100 gfinocchietto selvatico (Lesso e strizzato o quello che avete)
  • 100 gPangrattato
  • 4acciuga sotto sale (filetti o sott’olio)
  • 15 gcapperi (dissalati)

Preparazione

  1. Pulite il finocchietto ricavandone solo i germogli più teneri al centro e i ciuffetti esterni, eliminando i gambi coriacei e filamentosi. Lavate bene il tutto e lessatelo per una trentina di minuti, scolatelo, strizzatelo e tagliatelo finemente.

  2. Preparate il pomodoro: fate cuocere in una padella circa 200g di polpa di pomodoro fino a che non sarà ben ristretta, aggiustatela di sale e e se occorre un po’ di zucchero. In alternativa utilizzate direttamente il concentrato, darà un colore più intenso.

  3. Rosolate le acciughe in olio finché non si saranno disfatte, unite il pangrattato e girando sempre con il cucchiaio, aspettate che si tosti diventando scuro, “atturrato” come il torrone.

  4. Quando acquistate le sarde, chiedete al pescivendolo di privarle di testa e lisca e di aprirle a portafoglio, a casa eliminate le code e sciacquatele bene per eliminare anche le squame, quindi tagliatele a pezzetti.

  5. Affettate una cipolla e rosolatela in olio abbondante. Unite le sarde, i capperi, i pinoli o le mandorle tritate (per dovere di cronaca devo dire che la ricetta prevede i pinoli, io spesso sostituisco con le mandorle molto più economiche), cominciate a far disfare i pesci e subito dopo unite due cucchiai del sugo di pomodoro che avete preparato (o un cucchiaio di concentrato), il finocchietto e l’uvetta ammollate e strizzata.

    Mescolate, diluite con u po’ d’acqua di cottura del finocchietto, lasciate andare una decina di minuti e spegnete.

  6. Preparate la pasta, potete aggiungere all’acqua di cottura anche l’acqua di bollitura del finocchietto. La tradizione richiede i bucatini, ma sinceramente ritengo che qualunque tipo di pasta che possa catturare bene il sugo possa andar bene.  Scolatela, unitela al condimento e saltatela in padella insieme alle sarde e un po’ d’acqua di cottura, aggiungete un po’ di pangrattato, impiattate subito e cospargete di “muddica atturrata”, cioè pangrattato tostato.

Note

Se vuoi restare aggiornato sulle mie ricette, seguimi su:

facebook pinterestinstagramtwitter.

Da qui, potrai tornare alla HOME e scoprire le nuove ricette!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ilcaldosaporedelsud

Salve, mi chiamo Fernanda, sono siciliana di Catania e sono nata nel 1980. Ho uno splendida brigata composta da mio marito e tre meravigliosi figli. Quando mi annoio o sono triste non perdo tempo, faccio le svolte alle maniche e poi di corsa in cucina a preparare qualcosa di buono e sfizioso. Nel mio blog troverete un ampia varietà di ricette, dalle più semplici alle più elaborate, dalle più golose a quelle più giornaliere per approntare un pasto in maniera semplice, pratica e gustosa, ma troverete anche ricette light per quando occorre rimettersi in forma... Insomma, un diario di cucina adatto ad ogni esigenza, che aspettate allora? Andiamo in cucina e prepariamo insieme qualcosa di buono!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.