Poesie sul cibo in dialetto napoletano

Cari gastronauti, oggi condivido con voi qualcosa di particolare: profumato e saporito come una pietanza, ma privo di calorie! ^_^ Si tratta di alcuni versi di poesie sul cibo scritte in dialetto napoletano. Interamente ispirate al mondo culinario, i versi di queste poesie catapultano il lettore nell’antica realtà delle cucine delle nostre nonne! A mio parere sono testimoni del patrimonio culinario italiano. Mi auguro vi piacciano!

Cucina campana ‘A RIGGINA ‘E NAPULE

(‘a pummarola)

Ce ne stanno riggine ncopp’ ‘a terra,
ca fanno bene a chesta umanità
ca so’ carnale e ca nun fanno ‘a guerra,
ma ‘a riggina cchiù ricca è chesta ccà!

Quanno ‘o sole addeventa na furnace,
essa spanne ‘int”e ccase addore e gusto,
cchiù zucosa addeventa e cchiù te piace
quanno nfoca ‘a cuntrora ‘o mese austo.

A Napule che regna? ‘A pummarola!
Aggarba ‘o maccarone e ‘a mulignana,
chesta riggina ‘ve fa cunzulà.

Quanno ‘a spremmite dint’ ‘a cassarola
o pappea p”o rraù dint”a tiana,
pure a nu muorto fa risuscità.

Alfredo De Lucia

Ragù alla napoletana‘O ‘RRAU’

‘O rraù ca me piace a me
m’ ‘o ffaceva sulo mammà.
A che m’aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
io nun songo difficultuso;
ma luvàmmel’ ‘a miezo st’uso

Sì,va buono:cumme vuò tu.
Mò ce avéssem’ appiccecà?
Tu che dice?Chest’ ‘è rraù?
E io m’ ‘o mmagno pè m’ ‘o mangià…
M’ ‘ a faja dicere na parola?…
Chesta è carne c’ ‘ a pummarola

Eduardo De Filippo

pizzetta napoletana‘A PIZZA

Pizzaiuo’, mi ‘he a fa ‘na pizza
muzzarella e pummarola….
Ma ll’he a fà cu ‘e mmane, ‘o core
e.. ‘a fronna ‘e vasenicola.
Falla bbona!
Mana grassa a muzzarella,
miette ll’uoglio, miette ‘o ssale…
Falla fà chiù arruscatella:
quanno è cotta nun fà male…..
Cotta bbona!

E vullente, ‘a dint’ ‘o furno,
nun l’he a’ mettere ‘int’ o piatto
ca si no perde ‘o sapore…..
Io m’ ‘a piglio e a chiejo a libretto…
Quant’è bbona!

E cu famma e devuzzione
magno primma ‘o curnicione…
‘O profumo è sapurito!
Mentre magno sto abbuccato
p’ ‘o vestito.

Comme coce! E quant’è bella!
Comme fila ‘a muzzarella!
Muorzo a muorzo ‘haggio magnato….
Pizzaiuò he a campà cient’anne!
Pizzaiuò me so sfizziato!!!!!…

Lello Lupoli

Pastiera napoletana‘A PASTIER

“Currite, giuvinò! Ce stà ‘a pastiera!”
E’ nu sciore ca sboccia a primmavera,
e con inimitabile fragranza
soddisfa primm ‘o naso,e dopp’a panza.
Pasqua senza pastiera niente vale:
è ‘a Vigilia senz’albero ‘e Natale,
è comm ‘o Ferragosto senza sole.
Guagliò,chest’è ‘a pastiera.Chi ne vuole?
Ll’ ingrediente so’ buone e genuine:
ova,ricotta,zucchero e farina
(e’ o ggrano ca mmiscato all’acqua e’ fiori
arricchisce e moltiplica i sapori).
‘E ttruove facilmente a tutte parte:
ma quanno i’ à fà l’imposto,ce vò ll’arte!
A Napule Partenope,’a sirena,
c’a pastiera faceva pranzo e cena.
Il suo grande segreto ‘o ssai qual’è?
Stu dolce pò ghì pure annanz’ o Rre.
E difatti ce jette. Alludo a quando
il grande Re Borbone Ferdinando
fece nu’ monumento alla pastiera,
perchè facette ridere ‘a mugliera.
Mò tiene voglia e ne pruvà na’ fetta?
Fattèlla: ccà ce stà pur’ a ricetta.
A può truvà muovendo un solo dito:
te serve pe cliccà ncopp ‘ a stu sito.
Màngiat sta pastiera,e ncopp’ a posta
dimme cumm’era: aspetto  na’ risposta.
Che sarà certamente”Oj mamma mia!
Chest nunn’è nu dolce: è na’ poesia!”

Alla prossima! ^_^

Valeria

Precedente Pasta choux per bignè, eclairs e zeppole Successivo Pizza di scarole

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.