Sgombro all’acqua pazza, datterini e patate al vapore

Perchè scegliere per l’acqua pazza, sempre orata, branzino o altri pesci pregiati? Anche l’umile e salutare sgombro può essere cotto all’acqua pazza e il risultato è veramente ottimo! Ho scelto la cottura in padella visto che lo sgombro cuoce in tempi molto brevi e l’ho accompagnato a patate a vapore che intingendosi nel sughetto del pesce acquistano profumo e gusto……

Sgombri all'acquapazza e datterini-Così cucino io

Ingredienti:(2 persone)

2 sgombri freschissimi

6-8 pomodori datterini

uno spicchio d’aglio

2-3 cucchiai di olio extravergine di oliva

sale e pepe

mezzo bicchiere di vino bianco (io pinot grigio)

qualche cucchiaio di acqua

prezzemolo tritato

2-3 patate

Sgombri all'acqua pazza-Così cucino io

Mettere nella padella qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva, l’aglio, aggiungere gli sgombri  puliti dalle interiora e ben lavati (io, per comodità, ho tolto la testa, ma si può anche lasciare…)

Lavare e tagliare a spicchi i pomodorini e unirli nella padella attorno e sopra il pesce.

Insaporire con sale e pepe, bagnare con il vino e qualche cucchiaio di acqua (attenzione: il liquido non deve coprire il pesce).

Coprire la padella con il coperchio e mettere sul fuoco, far raggiungere il bollore, coprire con il coperchio solo a metà e cuocere per 15 minuti circa.

Il sugo deve rimanere liquido, altrimenti che “acqua pazza” è?

Accompagnare con patate tagliate a dadi e cotte, a vapore, senza pelle, sul cestello della pentola a pressione, per 10 minuti dal sibilo.

Spolverare di prezzemolo trito e servire caldo.

Buon appetito!

Sgombro all'acqua pazza-Così cucino io

Precedente Pan d'arancio, ricetta di stagione senza burro Successivo Risotto mimosa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.