Crea sito

La pastiera napoletana

Print Friendly, PDF & Email

La pastiera è uno di quei dolci intramontabili, consumati ormai per tradizione sia a Pasqua che a Natale. La sua origine risalirebbe, secondo un’antica leggenda, alla stessa sirena Parthenope (divinità acquatica fondatrice della mitica città di Parthenope, poi diventata Neapolis nel 4° a.C). La bellissima sirena avrebbe dettato gli ingredienti della pastiera ad un abitante del luogo e da allora il “dolce divino” sarebbe entrato nella storia come status symbol della cucina partenopea. E’ un dolce delicato, a base di ricotta, grano ed essenza di fiori d’arancio adagiati su una base di pasta frolla. Prepararla richiede molta cura ed attenzione, ma il risultato è fenomenale. La pastiera, più passano i giorni,  più si insaporisce. Resiste fino ad 8 giorni.

Tempo di preparazione: 1 giorno

Tempo di cottura: 1 ora

La pastiera napoletana

LA PASTIERA

INGREDIENTI

  • 700 gr di pasta frolla
  • 400 gr di ricotta
  • 350 gr di zuccchero
  • 2 uova intere
  • 2 tuorli di uova
  • 1 scorza di limone
  • 100 gr di cedro, arance e canditi misti
  • 1 fiala di 25 gr di fiori d’arancio
  • 1 cucchiaio di cannella in polvere
  • 30 gr di burro/ o strutto
  • 350 gr di grano precotto
  • 250 cl di latte
  • 1 bustina di vaniglia

PREPARAZIONE

FASE 1- IL COMPOSTO A BASE DI GRANO

Un giorno prima fate cuocere in una pentola con il latte: il grano, la buccia di arancia, lo strutto o burro, lo zucchero, la vaniglia a fuoco basso per circa 4 ore. Questo procedimento permetterà agli ingredienti di amalgamarsi e mescolarsi in modo delicato e cremoso. Girate al centro il composto con l’aiuto di un mestolo di legno. Quando il grano si sarà aperto e il latte evaporato, spegnete e lasciate raffreddare. Se non vi piacciono i pezzi interi di canditi e grano, potete frullare tutto con un mixer ad immersione per pochi secondi.

FASE 2- L’AGGIUNTA DELLA RICOTTA

Una volta che l’impasto è pronto ed amalgamato potete passare la ricotta al setaccio e aggiungere un po’ per volta lo zucchero, il grano, il resto dei canditi e la cannella con i fiori d’arancio e le uova intere e poi gli albumi montati a neve.

FASE 3- LA PASTA FROLLA

La pastiera prenderà forma su un letto di pasta frolla dallo spessore di 1 cm. Se non vi va di farla da sole, potete comprare quelle già pronte e congelate. Usate solo i 2/3 di frolla, l’altra vi servirà per le striscioline del decoro. Stendetela e lavoratela con un matterello. Adagiatela in una teglia da 24 cm e bucherellatela sul fondo con una forchetta.

 

FASE 4- RIEMPIMENTO E COTTURA DELLA PASTIERA

A questo punto versate nella teglia con la pasta frolla il composto a base di grano, livellando con l’aiuto di un cucchiaio. Infornate per 15 minuti a 180° facendo rassodare un po’ il composto, poi tiratelo fuori e decorate la superficie con il resto della pasta frolla tagliata a striscioline di 2 cm di larghezza. Basterà adagiarle in modo da formare un reticolato secondo la vostra fantasia. Spennellate con il bianco d’uovo la superficie frolla così che si possa scurire facilmente. Infornate di nuovo e, questa volta, lasciate cuocere a fuoco dolce per un’ora e 40 minuti. Sfornatela, fatela raffreddare e spolverizzatela di zucchero a velo. La pastiera è ancora più buona se viene servita il giorno dopo la sua cottura all’interno della stessa teglia.

la pastiera

La pastiera vi farà consolare ed è ottima anche a colazione!

UNA VARIANTE GUSTOSA

*Per fare felici i più golosi potete aggiungere all’impasto di grano del cioccolato in gocce o a scaglie che conferirà un sapore ancora più delizioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.