Crea sito

Haneeth (Yemen)

La Repubblica dello Yemen è uno Stato del medio oriente, posto all’estremità meridionale della Penisola araba, economicamente tra i Paesi più poveri del mondo.
La corruzione dilagante è il primo ostacolo allo sviluppo del paese e limita gli investimenti locali ed internazionali.

Lo Yemen era noto agli antichi romani come Arabia Felix per via dei suoi lucrosi traffici commerciali. Augusto provò a conquistarla, ma la spedizione fallì. Intorno al 520 fu annessa al regno etiope di Aksum e nel 570 all’impero dei Sasanidi.
Nel XVI secolo, fino al XX secolo lo Yemen entrò a far parte dell’Impero ottomano. Nel 1962 fu proclamata la Repubblica Araba dello Yemen e nel 1970 fu instaurato il regime marxista della Repubblica Democratica Popolare dello Yemen (Yemen del Sud) e nel 1978 iniziò nel Nord il governo assolutista di ʿAlī ʿAbd Allāh Ṣāleḥ.
Solo nel 1990 i due Stati yemeniti si riunirono in un unico Stato, l’attuale Yemen. Si susseguì però un periodo di instabilità con guerriglie e colpi di Stato.
Nell’ottobre 2015 Amnesty International ha diffuso un rapporto nel quale accusa l’Arabia Saudita di crimini di guerra in Yemen, che purtroppo perdurano anche attualmente.

La cucina yemenita deriva principalmente da quella araba, con significative differenze derivanti dal suo passato culturale e dalle influenze africane, soprattutto etiopiche ed eritree.
Distante dalla cucina del Mashrek (Libano, Palestina, Siria, Iraq) e contaminata dalla vicinanza con l’India e con il Corno d’Africa.

Molto diffuse le pietanze a base di carne, spesso di agnello, bollita o preparata alla griglia; tra queste: l’ Haneeth, agnello marinato in una miscela di spezie, cotto lentamente nel tannour (il tandoor indiano) e servito su un piatto di riso.

Per l’agnello potete chiedere al vostro macellaio di tagliare in grossi pezzi con l’osso, la spalla e il collo dell’agnello.



  • DifficoltàBassa
  • Tempo di riposo12 Ore
  • Tempo di cottura4 Ore
  • Porzioni8 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaMediorientale

Ingredienti

  • 1.8 kgagnello (2 colli e 1 spalla)
  • cipollotti
  • 2 cucchiaicumino
  • 2 cucchiaicurcuma in polvere
  • 1 cucchiaiopepe nero
  • 2 cucchiaierba cipollina
  • 4 spicchiaglio
  • 8 fogliealloro
  • 8 bacchecardamomo
  • 5chiodi di garofano
  • 1 cucchiaiocoriandolo
  • 4cannella in stecca (opzionale)
  • 3 cucchiaiburro chiarificato o burro (a temperatura ambiente)
  • 165 mlolio di oliva
  • 3limoni essicati
  • q.b.sale
  • 700 griso Basmati, cotto (per accompagnare)

Preparazione

  1. Frullare tutti gli ingredienti (tranne il limone secco e l’alloro) in un frullatore o in un robot da cucina.

    Otterrai una spessa pasta verde.

    Versare la pasta sull’agnello in una pirofila.

    Usando le mani, ricopri accuratamente l’agnello con la marinatura.

    Copri con un foglio di carta forno, poi con un foglio di alluminio.

    Lascia marinare: almeno 4 ore, mesglio se tutta la notte.

    Disponi l’agnello in una teglia, aggiungi l’alloro e il limone essicato e cuoci ad alta temperatura in forno a 240° C per la prima ora.

    Poi riduci la temperatura a 180 ° C e cuoci per un altra ora.

    Quindi mescola pezzi di agnello, copri di nuovo e riprendi la cottura.

    Dopo altri 30 minuti, scopri la pirofila e cuocere per gli ultimi 30 minuti.

    Puoi servirlo con riso hashweh (riso basmati cotto con alcune spezie e carne macinata) o semplice riso basmati bollito.

Link affiliato #adv

Le “Spezie Hawaij” sono una miscela tipica dello Yemen (pepe nero, cardamomo, coriandolo, curcuma, chiodi di garofano, cumino) simile al Masala indiano. Se non volete usare le singole spezie all’interno della ricetta, potete acquistare il mix on line: Med Cuisine Mix Spezie Hawaij 500gr

/ 5
Grazie per aver votato!
Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato da viaggiandomangiando

Classe 1980, ligure, ha pubblicato tre romanzi e altrettante raccolte di poesia, diplomata al Centro Sperimentabile di Cinematografia in sceneggiatura e produzione fiction televisiva, si occupa dell'organizzazione degli eventi artistico/culturali dell'associazione di cui è presidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.