Cavatelli al sugo piccante

Quando si parla di tradizione pugliese, non si può non parlare dei cavatelli al sugo piccante. Un piatto povero ma ricco di gusto realizzato con i prodotti della nostra terra: i cavatelli, tipici della nostra regione, la passata di pomodoro, di quella buona fatta in casa e infine la ricotta forte, il prodotto che più ci rappresenta!
I cavatelli al sugo piccante sono facilissimi da realizzare e si preparano in pochi minuti.
Attenzione però, la scarpetta è d’obbligo! Credete che io stia esagerando? Vi assicuro di no! Provate questo piatto e poi mi direte!

***************
RICEVI DIRETTAMENTE LE MIE RICETTE SU MESSENGER, E’ FACILE E GRATUITO!
CLICCA QUI

Cavatelli al sugo piccante
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 400 gCavatelli
  • 150 gRicotta forte
  • 2 cucchiaiOlio di oliva
  • MezzaCipolla
  • q.b.Sale

Strumenti

  • 2 Pentole

Preparazione

  1. Come vi ho anticipato nella presentazione, i cavatelli al sugo piccante sono davvero facilissimi da realizzare.

    Innanzi tutto preparate la passata di pomodoro come spiegato QUI. Potete portarvi avanti con il lavoro e prepararla il giorno prima. Nessuno vi vieta di utilizzare la passata già pronta del supermercato ma il risultato finale non sarà lo stesso.

    In un pentolino fate soffriggere la cipolla, tagliata finissima, nell’olio. Quando sarà appassita versate la passata di pomodoro e lasciate cuocere per una quindicina di minuti, regolando di sale. A fine cottura unite la ricotta forte e mescolate fino a quando sarà competamente sciolta. Se preferite un sapore più deciso aggiungetene ancora.

    Nel frattempo cuocete i cavatelli in abbondante acqua salata, scolateli e amalgamateli al sugo.

    Servite subito.

    E qui mi sento in dovere di aggiungere un elemento alla lista degli ingredienti: il pane! Eh sì, perchè questo piatto non è completo senza la classica scarpetta! E’ una sorta di rito, una tradizione vera e propria… insoma, è d’obbligo!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.