PASTA ALLA CARCERATA

Pasta alla carcerata un primo piatto che si chiama così probabilmente per i sapori forti e decisi come il peperoncino, la cipolla, il brandy e il pomodoro, una ricetta non certo leggera ma saporita e gustosissima che si prepara in pochissimo tempo e con poca fatica e che piacerà a tutti soprattutto se non hanno palati troppo delicati. La pasta alla carcerata è velocissima, il condimento si prepara nel tempo di cottura della pasta quindi correte subito in cucina con me e andiamo a prepararla insieme! Ah… Non perdete le dirette in pagina (QUI) e il mio account Instagram (QUI)

E ora…

Beh, allacciate il grembiule…!

Lulù

PASTA ALLA CARCERATA
PASTA ALLA CARCERATA
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4 Persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

340 g pasta
250 g salsiccia
250 ml passata di pomodoro
150 ml panna da cucina
50 ml brandy (o cognac)
Mezza cipolla
peperoncino in polvere
olio extravergine d’oliva
prezzemolo
sale

Preparazione

Sbucciate la cipolla e tagliatela a quadretti piccoli.

Togliete la salsiccia dal budello e sbriciolatela con le mani.

Mettete in una padella due cucchiai di olio extravergine di oliva e fateli scaldare poi mettete a cuocere la cipolla e successivamente anche la salsiccia facendola rosolare a fuoco medio alto.

PASTA ALLA CARCERATA
PASTA ALLA CARCERATA

Sfumate con il brandy, unite la passata di pomodoro, il peperoncino in polvere e un pizzico di sale.

Mescolate.

Unite la panna da cucina e mescolate ancora.

Fate cuocere la pasta in abbondante acqua leggermente salata e, quando sarà cotta e al dente, scolatela direttamente nella padella con il condimento.

Fate saltare la pasta alla carcerata per qualche minuto in padella poi mettete nei piatti e finite con prezzemolo tritato fresco.

VARIANTI E CONSIGLI

Potete usare pasta corta o pasta lunga.

Non cuocete la salsiccia a fuoco basso altrimenti risulterà bollita invece che rosolata.

Potete usare passata di pomodoro oppure polpa o pomodori pelati.

Potete usare la panna fresca liquida ma il condimento verrà meno denso.

Potete non mettere il peperoncino o non mettere il brandy e sostituirlo con cognac.

Se vi è piaciuta la ricetta per la pasta alla carcerata forse potrebbero interessarvi anche la PASTA ALLA ZOZZONA o anche la PASTA ALLA VESUVIANA o anche la PASTA ALLA SIRENA.

Conservazione

La pasta alla carcerata si conserva in frigo per due giorni. Potete scaldarla in padella oppure gratinarla in forno.
Seguimi sulla pagina facebook cliccando QUI  o sul mio account Instagram (QUI) e non perderai nessuna ricetta. Torna alla HOME PAGE

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.