Crea sito

CAVOLFIORE FRITTO

Cavolfiore fritto una ricetta fantastica, facilissima e veloce da preparare. Così i cavolfiori piaceranno davvero a tutti anche a quelli che proprio non sopportano l’odore del cavolfiore cotto (come mio marito per esempio) e possono diventare anche un finger food davvero insolito da offrire agli amici per un aperitivo perché è buonissimo anche freddo. Di solito tutti decidono di preparare la classica PASTELLA PER FRITTI ma io in questo caso ho preferito aggiungere anche un pochino di pangrattato esternamente e fare la pastella molto più densa, in questo modo i cavolfiori fritti saranno ancora più sfiziosi da mangiare, croccanti e saporiti vi assicuro che andranno letteralmente a ruba. Se anche a voi quindi da fastidio l’odore del cavolfiore cotto state tranquilli, questi non faranno per niente puzza (se non quella del fritto ma è un’altra storia). Forza, tutti a comprare i cavolfiori e preparateli subito! Ah… Non perdete le dirette in pagina (QUI)
E ora…
Beh, allacciate il grembiule…!
Lulù

CAVOLFIORE FRITTO
  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 10 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 1 Cavolfiore
  • 100 g Farina 00
  • 100 ml Birra (freddissima)
  • Pangrattato
  • 1 pizzico Sale
  • Olio di semi di arachide

Preparazione

  1. Iniziate preparando la pastella alla birra per fritti che dovrà essere più densa di quella che fate solitamente.

    Mettete in una ciotola la farina e fate un buco al centro.

    Unite la birra fredda di frigo e un pizzico di sale e mescolate bene con una forchetta o con una frusta a mano in modo che diventi omogenea e senza grumi.

  2. Lavate e asciugate bene il cavolfiore e tagliatelo a pezzi.

    Mettete in una ciotola il pangrattato.

    Immergete i pezzi di cavolfiore prima nella pastella e poi nel pangrattato.

    Fate scaldare abbondante olio di semi di arachidi e, quando sarà ben caldo, mettete a friggere i pezzi di cavolfiore impanati per 5/10 minuti al massimo fino a che risulteranno dorati e croccanti.

    Sfornate i cavolfiori fritti e metteteli su carta assorbente.

    Servite i cavolfiori fritti caldi, tiepidi ma anche freddi.

  3. VARIANTI E CONSIGLI

    La pastella per fritti deve essere leggermente più densa di quella che fate solitamente altrimenti il pangrattato non riuscirà a rimanere bene attaccato.

    Potete anche aggiungere un pochino di parmigiano grattugiato alla pastella per i cavolfiori fritti.

    Vi sconsiglio di farli al forno non sarebbero la stessa cosa.

    Se vi è piaciuta questa ricetta forse potrebbero interessarvi anche i CAVOLFIORI AL FORNO oppure i CAVOLFIORI GRATINATI o anche la PASTELLA ALLA BIRRA oppure le PASTELLE PER FRITTI.

Conservazione

I cavolfiori fritti si conservano fino al giorno dopo in frigo. Scaldateli in forno.
Seguimi sulla pagina facebook cliccando QUI e non perderai nessuna ricetta. Torna alla HOME PAGE

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.