Crea sito

CROCCHÈ DI PATATE NAPOLETANI

I crocchè di patate napoletani anche detti panzarotti sono semplicemente divini e strepitosi. Gli ingredienti necessari sono pochi e semplici, così come il procedimento per realizzarli non è per nulla complesso, ma occorre rispettare alcune regole basilari per la perfetta riuscita della pietanza (per evitare che si sfaldino in cottura) e vi assicuro che il risultato finale sarà strepitoso. Queste crocchette di patate hanno un cuore filante di mozzarella e possono essere ulteriormente insaporite con del prosciutto cotto, e poi vanno rigorosamente fritte. I crocchè rappresentano il classico street food napoletano, infatti questi golosi stuzzichini generalmente sono mangiati per strada e replicarli perfettamente a casa non ha prezzo. Seguite i miei consigli e i vostri crocchi di patate napoletani saranno perfetti! Buon appetito!

  • DifficoltàMedio
  • CostoBasso
  • Porzioni6 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 kgPatate
  • 2Uova intere
  • 2Albumi
  • 100 gMozzarella (asciutta)
  • q.b.Prezzemolo
  • 2 cucchiaiPecorino
  • 2 cucchiaiParmigiano reggiano
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe
  • q.b.Pangrattato
  • q.b.Farina
  • q.b.Olio di semi di arachide

Preparazione

  1. La prima regola da osservare per la perfetta riuscita della pietanza riguarda la scelta delle patate, che devono essere farinose, quindi sono da preferite quelle a pasta bianca. Lessate le patate con tutta la buccia, scolatele, sbucciatele e schiacciatele in una ciotola capiente con uno schiacciapatate. Lasciate raffreddare.

  2. Condite le patate con il sale, il pepe, il prezzemolo tritato e il formaggio grattugiato. Unite due uova e amalgamare il tutto con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto morbido e senza grumi. Tagliate la mozzarella a listarelle e tenetela da parte (la mozzarella deve essere asciutta, quindi se utilizzare mozzarella fresca, fate sgocciolare tutto il latte).

  3. Prelevate dell’impasto dalla ciotola e sistematelo nel palmo di una mano, formando un incavo nel mezzo. Farcite con la mozzarella e chiudete il crocchè aiutandovi con l’altro mano, fino a formare un cilindro. Sistemare i crocchè in un vassoio. Per formare le crocchette, in alternativa potete usare questo comodissimo utensile che ho trovato tempo fa su internet, si chiama la croquetera e serve a preparare polpette, crocchette e palline. Vi consiglio di ungere lo stampo per facilitare l’estrazione della crocchetta.

  4. La seconda regola riguarda l’impanatura, che deve essere perfetta al fine di sigillare il crocchè. Prendete tre piatti fondi, in uno sbattete gli albumi, in un altro mettete la farina e nell’ultimo il pangrattato. Passate ogni crocchè prima nella farina, poi nell’albume ed infine nel pangrattato.

  5. Sistemate i crocchè in un vassoio e riponeteli in frigo per circa 2-3 ore.

  6. A questo punto si può procedere alla cottura dei panzarotti. L’olio deve essere bollente, circa 160° ed è preferibile friggere pochi pezzi alla volta per evitare che la temperatura dell’olio si abbassi troppo. Friggete i crocchè fino a quando non saranno belli dorati. Scolateli e disponeteli sulla carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso. Condite con un pizzico di sale e servite i vostri crocchè di patate napoletani ben caldi. Buon appetito!

Note

Per friggere questi crocchè e tutti gli altri alimenti, vi consiglio questo wow in acciaio con cestello per la frittura ideato dallo chef Simone Rugiati e adatto a tutte le fonti di calore compresa l’induzione. Lo trovate a questo link.

Questo articolo contiene link sponsorizzati.

4,1 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.