Crea sito

Verza stufata con patate e piselli

La verza stufata con patate e piselli è un ottimo piatto, adatto alla stagione invernale. Può essere gustato come piatto unico, magari accompagnato con dei rustici crostini di pane raffermo, oppure come contorno ad un secondo di carne. E’ da considerarsi  “comfort food”, per coccolarsi nelle fredde giornate invernali, inoltre la cottura “stufata” permette  di conservare nel piatto finito la maggior parte delle qualità e degli elementi nutritivi.

INGREDIENTI

una verza media

3 patate

200 g piselli (surgelati o in barattolo)

uno scalogno piccolo

brodo (vegetale oppure dado) q.b.

un peperoncino

croste di parmigiano

olio evo q.b.

sale se necessario

PREPARAZIONE

Tagliare la verza a striscioline e tritare lo scalogno.

In una pentola mettere un giro di olio extra vergine di oliva, nell’olio caldo imbiondire lo scalogno tritato ed il peperoncino.

Unite la verza lavata ancora grondante d’acqua.

le patate tagliate a dadini e lavate.

Fate stufare per qualche minuto mettendo il coperchio sulla pentola e aggiungete i piselli e le croste di parmigiano tagliate a pezzetti.

Versate poco brodo e cuocere con il coperchio per circa 30 minuti. Se necessario per terminare la cottura aggiungere altro brodo e aggiustate di sale se occorre.

Questa versione della ricetta è adatta a tutti, anche a chi segue uno stile alimentare vegetariano e vegano.

COTTURA STUFATA notizie prese dal web

Stufare consiste nella lenta cottura dell’alimento in una padella coperta, dopo averlo leggermente rosolato in presenza di un grasso, come ad esempio l’olio extravergine di oliva. Questo metodo di cottura prevede l’aggiunta di poco liquido, nel caso della verza si tratta di brodo vegetale o la sola acqua che rimane dopo il lavaggio, oppure l’acqua di vegetazione che si forma scaldando l’alimento.

La tecnica di cottura ha origini piuttosto antiche: nelle cucine era piuttosto comune avere una stufa con un piano caldo sul quale si appoggiavano i tegami, di solito in terracotta. Gli alimenti si cuocevano lentamente senza quasi essere mescolati.

Commenti

commenti