RICCIARELLI ALLE MANDORLE

Ricciarelli ricetta originale antica risalente al 1879, proveniente da un convento e trascritta dal capomastro della fabbrica Parenti di Siena. Una ricetta di ricciarelli alle mandorle che ho trovato per caso sul blog di aniceecannella e che subito mi ha incuriosita. Ma non mi sono fatta fregare dalla curiosità ed ho continuato a cercare per confrontarla con altre ricette di ricciarelli presenti in rete. Molte delle ricette che ho trovato erano semplici biscotti di pasta alle mandorle a forma però di ricciarelli (ossia con una forma di rombo dagli angoli arrotondati). No, i ricciarelli di Siena non sono semplici biscotti di pasta alle mandorle e chi li ha assaggiati lo sa bene.

Sono quindi tornata alla ricetta di aniceecannella e l’ho letta ben bene, storia e nascita dei ricciarelli compresa.

Ho scoperto che questa antica ricetta risalente al 1879 era la ricetta di un convento di suore famoso per la bontà dei ricciarelli alle mandorle che producevano. Giovanni Righi Parenti, capomastro della omonima fabbrica senese, ne ha trascritto la ricetta e l’ha messa in produzione nella sua fabbrica. Il risultato? Tutti a Siena impazzivano per i ricciarelli della fabbrica Parenti. Il Parenti ha poi scritto un libro in cui ha pubblicato la ricetta che tanto i senesi amavano e oggi la ricetta originale dei ricciarelli è di pubblico dominio, a disposizione di chiunque voglia provare a preparare in casa questi deliziosi dolcetti alle mandorle.

Ho ulteriormente semplificato i passaggi della ricetta di Parenti, in modo da evitare di spaventarvi (lui fa mille passaggi che spaventano chi legge la ricetta rischiando di dissuaderlo a provarla. Passaggi che a mio avviso si possono tranquillamente evitare).

Vi giuro che preparare in casa i ricciarelli è veramente facilissimo, sono tra i biscotti più facili che ci siano. Con questa ricetta otterrete biscotti alle mandorle assolutamente non stucchevoli: diciamoci la verità, alcune ricette prevedono talmente tanto zucchero che poi la pasta di mandorle risulta quasi disgustosa.

Ricciarelli ricetta originale? Assolutamente approvata. Da oggi a casa mia si prepareranno ricciarelli con la ricetta originale almeno una volta al mese.

Se volete, potete sbizzarrirvi a preparare anche ricciarelli alle nocciole, alle noci o ai pistacchi semplicemente sostituendo le mandorle con altra frutta secca a piacere e naturalmente omettendo la fialetta di aroma alla mandorla.

Biscotti da regalare a Natale? Assolutamente sì!

 

RICCIARELLI RICETTA ORIGINALE biscotti tipici ricciarelli di Siena
RICCIARELLI RICETTA ORIGINALE biscotti tipici ricciarelli di Siena

Ricciarelli ricetta originale

 

COSA SERVE?

  • Per l’impasto:
    400 g di mandorle pelate
    300 g di zucchero semolato
    70 g di farina 00
    20 g di zucchero a velo
    buccia grattugiata di 1 arancia
    1 fialetta di aroma alla mandorla
    1 cucchiaino di lievito istantaneo per dolci
  • Per lo sciroppo:
    47 g di zucchero semolato
    14 g di acqua
  • Per legare:
    2 albumi
    20 g di zucchero a velo vanigliato
  • zucchero a velo e amido di grano per decorare

 

 

RICCIARELLI RICETTA ORIGINALE biscotti tipici ricciarelli di Siena
RICCIARELLI RICETTA ORIGINALE biscotti tipici ricciarelli di Siena

 

COME SI PROCEDE?

Preparare l’impasto dei ricciarelli alle mandorle. Nel tritatutto tritare le mandorle con lo zucchero semolato, la farina e la buccia grattugiata dell’arancia. Versare il tutto in una scodella ed aggiungere anche l’aroma a mandorla, lo zucchero a velo e il lievito e mescolare bene.

Preparare lo sciroppo. Versare lo zucchero semolato in una padella, versarvi sopra l’acqua e portare sul fuoco. A fiamma bassa e senza mai toccare lo zucchero, aspettare che lo zucchero si sciolga e non appena si sia sciolto (non far imbrunire lo sciroppo) togliere dal fuoco.

Aggiungere lo sciroppo all’impasto e mescolare il tutto. Coprire la ciotola con un panno umido (il panno umido non deve toccare l’impasto) e far riposare l’impasto a temperatura ambiente per 10-12 ore.

Trascorso il tempo di riposo, aggiungere all’impasto i 20 g di zucchero a velo vanigliato e gli albumi leggermente sbattuti (giusto il tempo di far formare qualche piccola bollicina sulla superficie degli albumi) e mescolare il tutto con le mani in modo da ottenere un composto omogeneo.

Formare i ricciarelli alle mandorle. Staccare un pezzettino di impasto (massimo 25-30 g) e dargli la forma grossolanamente di un rombo arrotondato. Ripetere il procedimento per tutti i ricciarelli, fino ad esaurimento del composto.

Decorare i ricciarelli. In una scodella mettere dello zucchero a velo. In un’altra scodella unire zucchero a velo con un po’ di amido di grano. Poggiare la base del ricciarello nel mix di zucchero a velo e grano, poi poggiare la superficie del ricciarello nella scodella con solo zucchero a velo. Poggiare il ricciarello in una teglia rivestita di carta forno. Ripetere il procedimento per tutti i ricciarelli. Distanziare leggermente i ricciarelli tra loro perché in cottura tenderanno leggermente a gonfiarsi.

Infornare i ricciarelli in forno già caldo a 150°C per circa 10-12 minuti. I ricciarelli saranno cotti non appena inizieranno a comparire le prime crepe sulla superficie. Non devono assolutamente scurirsi.

Sfornare i ricciarelli e farli raffreddare completamente prima di toccarli.

Per non perdere nessuna ricetta visitate anche la mia pagina facebook L’inventaricette, In cucina con Maria

Precedente BISCOTTI MIELE E ZENZERO Successivo Tagliatelle sciuè sciuè