Crea sito

Morbidoni catanesi panini al latte

Morbidoni catanesi panini al latte catanesi…
Sono soffici come nuvole, genuini, delicati e golosi e sono la merenda ideale per i nostri bambini, ma vi assicuro che piacciono moltissimo anche ai grandi!!
I morbidoni catanesi sono deliziosi in ogni occasione, la ricetta originale prevede che si impastino con lo strutto, ma oggi noi li prepareremo con l’olio d’oliva, vi assicuro che saranno perfetti comunque!!!
Pronti ad andare in cucina?
Forza allora, rimboccatevi le maniche ed andiamo ad impastare!!!

  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione2 Ore 30 Minuti
  • Tempo di cottura15 Ore
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 600 gFarina 0 o manitoba
  • 400 gLatte
  • 50 gOlio extravergine d’oliva
  • 50 gZucchero
  • 12 gSale
  • Mezza bustinaLievito di birra secco (3,5g)

Strumenti

  • Planetaria
  • Teglia
  • Pennello da cucina

Preparazione

  1. Inserite tutti gli ingredienti nella ciotola della planetaria e lasciate che parta ad impastare (se volete potete sostituire il lievito di birra secco a quello fresco, 10-12 g andranno bene).

    L’impasto inizialmente si presenterà grumoso, poi diventerà molto morbido.

  2. Aumentate i giri e vedrete che pian piano prenderà consistenza, ci vorranno circa 20 minuti.

    Aspettate che la massa sia perfettamente liscia e incordata e che tenda ad attaccarsi al gancio della planetaria lasciando il cestello completamente pulito.

  3. Rivoltate la pasta sulla spianatoia, aiutandovi con un tarocco pirlatela e riponetela in una ciotola coperta da pellicola e mettete il tutto in forno con lucina accesa a lievitare fino al suo triplicarsi, ci vorranno circa due ore e mezza.

  4. A lievitazione avvenuta dividete l’impasto in pezzi da 90-100g, formate delle palline, lasciatele riposare 5 minuti, poi allargatele e arrotolatele su se stesse per formare dei salsicciotti.

    Riponete in forno a lievitare fino al raddoppio, ci potrebbero volere dai 30 ai 45 minuti, spennellate con il latte e infornate a 170°C in forno statico per 20-25 minuti o fino ad ottenere la giusta doratura.

    Sfornate e lasciate intiepidire prima di consumarli.

    I panini si conservano morbidissimi per un giorno, ma se li volete sempre freschi, appena freddi congelateli nelle apposite buste per alimenti e scongelateli a temperatura ambiente o dentro il forno a 50°C al momento in cui vi serviranno.

  5. Grazie del tempo che mi avete dedicato, spero che la ricetta vi sia piaciuta e vi invito a visitare la mia pagina facebook , dove troverete molte idee stuzzicanti e se lascerete il vostro like resterete aggiornati su tante nuove e golose preparazioni!

    Seguitemi anche:

    su pinterest ,

    su instagram

    e su twitter,  e troverete anche li le mie ricette!

    Da qui, potrai tornare alla HOME e scoprire le nuove ricette!

    Se questa ricetta ti è piaciuta, guarda pure:

    Panini semplici di semola rimacinata senza impasto;

    PANINI SOFFICI ALL’OLIO COTTI IN PADELLA FACILISSIMI;

    PANINI SOFFICI ALL’OLIO COTTI IN PADELLA FACILISSIMI;

    Panini soffici al cioccolato senza uova e burro;

    Panini laugenbrot o panini tedeschi;

    Panini laugenbrot ripieni prosciutto e formaggio;

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ilcaldosaporedelsud

Salve, mi chiamo Fernanda, sono siciliana di Catania e sono nata nel 1980. Ho uno splendida brigata composta da mio marito e tre meravigliosi figli. Quando mi annoio o sono triste non perdo tempo, faccio le svolte alle maniche e poi di corsa in cucina a preparare qualcosa di buono e sfizioso. Nel mio blog troverete un ampia varietà di ricette, dalle più semplici alle più elaborate, dalle più golose a quelle più giornaliere per approntare un pasto in maniera semplice, pratica e gustosa, ma troverete anche ricette light per quando occorre rimettersi in forma... Insomma, un diario di cucina adatto ad ogni esigenza, che aspettate allora? Andiamo in cucina e prepariamo insieme qualcosa di buono!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.