Arancini siciliani con ragù al pistacchio

Arancini siciliani con ragù al pistacchio, ricetta infallibile.
Sono siciliana e il mio blog parla molto della cucina del mio territorio, tempo fa vi ho presentato la ricetta degli arancini catanesi al ragù o meglio al sugo, leggermente diversa dalla ricetta delle arancine palermitane e oggi vi presenterò invece gli arancini al ragù di pistacchio.
Questa versione degli arancini, non è classica come quella al ragù tradizionale, ma ha origini piuttosto recenti, risalenti agli ultimi vent’anni, prima infatti non si preparavano.
Ne esistono comunque diverse varianti e a seconda di dove li mangerete, potrete trovare nel ripieno oltre al pistacchio anche prosciutto e formaggio, oppure carne trita e pistacchio, o ancora besciamella, prosciutto e formaggio, insomma, una grande varietà di possibilità.
La ricetta che ho scelto per voi prevede una farcitura a base di ragù bianco arricchito con besciamella e farina di pistacchio, e un cuore di formaggio filante. Ritengo che questa sia la versione che più renda giustizia ad un piatto che prevede la carne come elemento principale del ripieno.
Se siete anche voi golosi come me e amate gli arancini, amerete anche questa ricetta, quindi se siete pronti, seguitemi in cucina,   lavoreremo insieme anche questa volta!

Arancini siciliani con ragù al pistacchio
  • DifficoltàMedio
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione3 Ore
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni20 Arancini
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per il riso

  • 1 kgRiso (per risotti, io uso il riso roma)
  • 3 lBrodo vegetale
  • 70 gBurro
  • 50 gFarina di pistacchi
  • 80 gformaggio (grattugiato o parmigiano)

Per il ragù

  • 600 gcarne bovina (macinato di medio taglio)
  • 150 gcipolla
  • q.b.Sale
  • 80 mlVino bianco
  • 80 gfarina di pistacchi
  • 400 gbesciamella

Per il ripieno

  • (tutto il ragù)
  • 50 gfarina di pistacchi

Per la panatura e la pastella

  • 150 gFarina
  • 300 gAcqua
  • 1uovo (grande)
  • 300 gPangrattato
  • 1 lOlio di semi di girasole (per friggere)

Strumenti

  • Pentola
  • Padella
  • Schiumarola
  • Ciotola

Preparazione

  1. Arancini siciliani con ragù al pistacchio

    Cuocete il riso in un buon brodo vegetale, preferibilmente fatto in casa, io sconsiglio il dado a meno che non sia fatto da voi, ecco il link dado vegetale in crema.

    Utilizzate una quantità di liquidi misurata, dovrete terminare la cottura con il riso ancora al dente, ma ben asciutto, più di un risotto classico.

    Nel caso in cui fosse troppo liquido, solo in questo caso scolatelo.

    Spostate il riso su una leccarda, stendetelo in modo che prenda aria, unite il burro, per un tocco in più aggiungete anche un po’ di parmigiano grattugiato, mescolate e aggiungete per finire la farina di pistacchi, amalgamate.

    Adesso viene una fase molto importante, il riso deve asciugare, stendetelo su una o due teglie e lasciate riposare almeno 90 minuti.

  2. Arancini siciliani con ragù al pistacchio

    Preparate il ragù bianco, rosolate la cipolla in abbondante olio d’oliva, aggiungete il macinato, salate e lasciate che si cuocia, evaporata tutta l’acqua contenuta nella carne, unite il vino bianco e lasciate sfumare a fiamma vivace.

    Evaporato anche il vino unite due bicchieri d’acqua e lasciate andare fino a quando la carne non si presenterà asciutta.

  3. Versate la besciamella che non deve essere troppo densa, aggiungete la farina di pistacchi, lasciate andare qualche altro minuto e spegnete.

    Attendete che si freddi e che si addensi un po’.

  4. Quando il riso sarà freddo e compatto, saremo pronti per assemblare gli arancini (se il riso fosse umido o caldo, gli arancini si apriranno in cottura).

    Tagliate il formaggio a tocchetti, un formaggio che possa filare, a pasta morbida e non troppo saporito.

    Riempite il palmo della mano con uno strato di 1cm di riso o anche meno se riuscite, fate una piccola conca e inserite un cucchiaio di ragù e uno o due tocchetti di formaggio.

    Coprite con un altro pò di riso e modellate l’arancino in modo da creare una palla di riso con il ripieno al centro.  

  5. Preparate una pastella abbastanza fluida, stemperate la farina in poca acqua e un uovo, unite la restante parte d’acqua e mescolate.

    Immergete ogni arancino nella pastella, sgocciolatelo e passatelo nel pangrattato.

  6. E’ il momento di friggere.

    Scaldate l’olio e per valutarne la temperatura immergete la punta di uno stecchino o il manico del cucchiaio di legno, se farà tante bollicine attorno l’olio sarà pronto.

    Immergete gli arancini, lasciateli dorare appena, tirateli fuori e poggiateli su della carta assorbente.

    Fate così per tutti, quindi procedete ad un secondo giro di frittura.

    Questi due step, renderanno gli arancini dorati e croccanti al punto giusto.

    Poggiateli nuovamente su della carta assorbente, quindi servite ancora caldi e filanti.

  7. Arancini siciliani con ragù al pistacchio
  8. Se vuoi restare aggiornato sulle mie ricette, seguimi su:

    facebook pinterestinstagramtwitter.

    Da qui, potrai tornare alla HOME e scoprire le nuove ricette!

Note

Glia arancini possono essere assemblati anche il giorno prima, conservati in frigo coperti da pellicola e fritti appena prima di essere portati in tavola.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ilcaldosaporedelsud

Salve, mi chiamo Fernanda, sono siciliana di Catania e sono nata nel 1980. Ho uno splendida brigata composta da mio marito e tre meravigliosi figli. Quando mi annoio o sono triste non perdo tempo, faccio le svolte alle maniche e poi di corsa in cucina a preparare qualcosa di buono e sfizioso. Nel mio blog troverete un ampia varietà di ricette, dalle più semplici alle più elaborate, dalle più golose a quelle più giornaliere per approntare un pasto in maniera semplice, pratica e gustosa, ma troverete anche ricette light per quando occorre rimettersi in forma... Insomma, un diario di cucina adatto ad ogni esigenza, che aspettate allora? Andiamo in cucina e prepariamo insieme qualcosa di buono!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.