Crea sito

La cassata siciliana

Print Friendly, PDF & Email

La cassata siciliana è un dolce tipico dell’antica Trinacria, terra meravigliosa e ricca di storia e sapori unici. Questo dolce è consumato durante tutto l’anno, sebbene sia un dessert tipico di Natale e Pasqua sulle tavole di molti italiani.  La cassata siciliana realizza con la farcitura del pan di spagna (quello fatto in casa ha tutto un altro sapore e profumo) con un impasto di ricotta e canditi e pezzi di cioccolato, marsala ed essenza di mandorle. Il tutto viene ricoperto di glassa e circondato da pasta di mandorle (realizzare quest’ultima è impresa ardua, ma con un po’ di pazienza ed allenamento verrà sempre meglio!).

Tempo di preparazione: 1 ora e mezza

Tempo di cottura: 40 minuti

La cassata siciliana

La cassata siciliana

INGREDIENTI

-6 uova

-2 albumi

-250 gr di zucchero semolato

-200 gr di farina

-1/2 bustina di lievito in polvere

-1/2 limone

-Marsala q.b.

– 500 gr di ricotta fresca di pecora

-vanillina

-50 gr di cioccolato fondente a scaglie

-50 gr di zuccata a dadini

-250 gr di mandorle pelate

-550 gr di zucchero a velo

-3 gocce di estratto di mandorle amare

-colorante alimentare verde

-frutta candita mista

-sale

PREPARAZIONE

La cassata siciliana

Fase 1- Il Pan di Spagna

Sgusciate le uova e separate i tuorli dagli albumi. Montate a neve gli albumi con un pizzico di sale. In un’altra terrina invece battete i rossi d’uovo con 150 gr di zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.  A questo punto aggiungete la farina setacciata con il lievito ed un paio di cucchiai di chiare di uovo montate. Amalgamate tutto r profumate con la scorza grattugiata di mezzo limone.  Incorporate gli albumi, avendo cura di non smontarli. Versate il composto in una teglia circolare apribile, imburrata ed infarinata. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti. Tirate fuori dal forno e lasciate raffreddare il pan di spagna prima di sformarlo e tagliarlo a strati.

Fase 2- La pasta di mandorle

Tritate le mandorle e con l’aiuto di un mixer riducetele in polvere, poi versatevi anche 250 gr di zucchero a velo, 1 pizzico di vanillina e l’essenza di mandorle (sciolta in 5 cucchiai di acqua). Frullate tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo e morbido. Trasferitelo su un piano da lavoro con uno strato di zucchero a velo e aggiungete qualche goccia d’acqua in cui avrete sciolto il colorante verde. Lavorate la pasta fino a che il colore sia uniforme e avvolgete il composto in una pellicola trasparente che andrete a riporre in frigo.

Fase 3- La farcitura di ricotta

In una terrina setacciate la ricotta, mescolandola con 100 gr di zucchero semolato, la vanillina, il cioccolato e la zuccata a dadini. Stendete la pasta di mandorle con un matterello ad uno spessore di ½ cm e largo quanto il diametro della tortiera. Rivestite uno stampo a pareti svasate del diametro di 25 cm con pellicola trasparente e foderate i bordi con la pasta di mandorle; poi ricoprite il fondo  ed i bordi con il pan di Spagna, tagliato a fette spesse di 1 cm. Spruzzatele di Marsala, diluito con zucchero e poca acqua. Riempite così la tortiera di crema di ricotta e coprite con un disco di pan di Spagna inzuppato di Marsala. Riempite di nuovo di ricotta e ricoprite con un disco di pan di Spagna. Premete leggermente e lasciate riposare in frigo per  1 ora.Tiratela via dal frigo, sformate la cassata su un piatto da portata e aggiustate la pasta di mandorle con una spatola.

Fase 4- la glassa

Battete in una terrina gli albumi e incorporate lo zucchero a velo, mescolate energicamente con una frusta elettrica fino ad ottenere una crema liscia e densa al quale aggiungerete del succo di limone. Versate la glassa sulla cassata e spalmatela con una spatola. Lasciate asciugare per qualche minuto, poi decorate la superficie con i canditi a fette. Prima di servire la cassata siciliana, lasciatela riposare in frigo per 2 ore. Una vera bontà e il sapore lo lasciamo giudicare a voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.