Crea sito

Bucatini al ragu di polipo e funghi

bicatini con ragu di polipo e funghi

Un’idea per mescolare sapori di mare e di terra? Ce l’ho: ecco i bucatini al ragu di polipo e funghi.

Se vi sembra un abbinamento azzardato, vi tranquillizzo subito: utilizzate i funghi champignon e vedrete che non copriranno affatto il sapore del polipo.

Io ho trovato questo piatto davvero gustoso e, se volte un sapore ancora più deciso, potrete spolverizzare un po’ di peperoncino o pepe in polvere…ma attenzione a non esagerare!

Volete sperimentare anche voi questa ricetta? Seguitemi in cucina e prepariamola insieme!

Ingredienti per 2 persone:

  • tre cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • uno spicchio di aglio;
  • 300 grammi di polipo già pulito e lavato;
  • 100 grammi di funghi champignon a fette;
  • mezzo bicchiere di vino bianco;
  • 250 grammi di passata di pomodoro;
  • 160 grammi di bucatini;
  • sale grosso per la pasta.

Tagliate il polipo a piccoli pezzi e tagliate le fette di funghi in parti più piccole.

In una pentola, mettete a scaldare l’olio e lo spicchio di aglio schiacciato: quando l’olio soffrigge, aggiungete il polipo e i funghi.

Mescolate per qualche minuto e sfumate con il vino bianco: lasciate evaporare, eliminate l’aglio e aggiungete la passata di pomodoro, che avrete allungato con mezzo bicchiere di acqua.

Coprite, anche se non completamente con un coperchio e lasciate cuocere (il sugo dovrà restringersi).

A fine cottura salate il condimento.

Mentre il vostro ragù cuoce, mettete l’acqua della pasta e, quando bolle, salatela e cuocete i vostri bucatini.

Scolateli al dente, completate con il condimento e gustate i vostri bucatini al ragu di polipo e funghi.

Se vi piacciono le mie ricette, vi aspetto su FacebookTwitter e Pinterest!

2 Risposte a “Bucatini al ragu di polipo e funghi”

    1. Ciao Franca, grazie per il passaggio: attendo l’esito della ricetta! Da parte mia, posso confermarti che è davvero gustosa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.