Crea sito

FRITOLE VENEZIANE

Fritole veneziane un dolce fritto classico del periodo di Carnevale della città di Venezia. Le fritole veneziane, in dialetto “fritoe venexiane” è un antico dolce tipico che si preparava già nel 1600 dai fritolai che tramandavano di padre in figlio la ricetta che variava da famiglia a famiglia e che si sono tramandate fino ai nostri giorni. Le fritole veneziane sono molto simili alle FRITTELLE DI CARNEVALE e ci sono tante versioni, alcune con uvetta altre con pinoli o frutta secca e addirittura con crema pasticcera o cioccolato. Oggi ho deciso di proporvi la ricetta delle fritole veneziane classica, senza troppi fronzoli e con l’uvetta che è una delle versioni più semplici ma anche più apprezzate di tutti i dolci di carnevale che potete trovare in giro. Le fritole veneziane vi anticipo subito che NON possono essere cotte al forno ma solamente fritte se non volete rovinare una ricetta di così antica tradizione. Allora armatevi di pazienza, padelle e olio di semi di arachidi e iniziate a preparare le fritole veneziane insieme a me! Ah… Non perdete le dirette in pagina (QUI)
E ora…
Beh, allacciate il grembiule…!
Lulù

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4 persone

Ingredienti

  • 250 gFarina 00
  • 125 mlLatte
  • 35 gZucchero
  • 1uovo
  • 1Scorza di limone
  • 8 gLievito di birra fresco
  • 100 gUvetta
  • Olio di semi di arachide
  • zucchero (per la copertura)

Preparazione

  1. Mettete ad ammollare l’uvetta in acqua tiepida per qualche minuto poi scolatela e asciugatela bene con carta assorbente.

  2. Scaldate leggermente il latte, deve essere tiepido, non caldo nè troppo freddo.

  3. Sciogliete il lievito di birra sbriciolato all’interno del latte tiepido e mescolate con un cucchiaino.

  4. Sciogliete il lievito di birra sbriciolato all’interno del latte tiepido e mescolate con un cucchiaino.

  5. Prendete qualche cucchiaio di farina 00 dal totale per la ricetta e mescolateli al latte con il lievito.

  6. Coprite la ciotolina e lasciate riposare per circa 20 minuti fino a che sarà raddoppiato di volume e si saranno formate delle increspature in superficie.

  7. Una volta che l’impastino sarà lievitato aggiungete l’uovo intero e fatelo assorbire poi unite lo zucchero, la scorza del limone grattugiato e la restante farina impastando bene con un cucchiaio o con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo.

  8. Unite per ultima anche l’uvetta e uniformate tutto il composto per le fritole veneziane.

  9. Fate riposare tutto il composto per le fritole veneziane coperto da un canovaccio pulito per 1 ora circa in luogo asciutto e riparato fino a quando sarà raddoppiato di volume.

  10. Una volta che l’impasto sarà lievitato mettete abbondante olio di semi di arachidi in una pentola stretta e dai bordi alti e fatelo scaldare.

  11. Quando l‘olio sarà ben caldo (potete controllare la temperatura con uno stuzzicadenti, se immergendolo inizierà a fare le bollicine l’olio sarà pronto alla frittura) oleate un cucchiaio e prendete piccole porzioni di impasto che andrete a tuffare nell’olio caldo.

  12. Fate friggere le fritole veneziane per 5/10 minuti circa fino a che saranno dorate in superficie.

  13. Scolate le fritole veneziane su carta assorbente e poi passatele ancora calde in una ciotolina con lo zucchero semolato in modo che si attacchi alle fritole.

  14. VARIANTI E CONSIGLI

    Potete sostituire l’uvetta con gocce di cioccolato o frutta secca spezzettata.

  15. Se friggerete sempre con olio di semi di arachidi i vostri fritti saranno dorati e asciutti perchè mantiene meglio la temperatura.

  16. Non scaldate eccessivamente l’olio altrimenti le fritole veneziane diventeranno cotte subito all’interno e saranno crude all’interno, le fritole devono avere il tempo per lievitare in cottura.

    Se vi è piaciuta questa ricetta allora forse potrebbero interessarvi anche le FRITTELLE DI CARNEVALE o anche le CASTAGNOLE ALLA RICOTTA o anche gli altri DOLCI DI CARNEVALE.

Conservazione

Le fritole veneziane sono buone appena fatte, vi sconsiglio di farle in anticipo tuttavia potete conservarle fino al giorno dopo.
Seguimi sulla pagina facebook cliccando QUI e non perderai nessuna ricetta. Torna alla HOME PAGE

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.