Crea sito

COME SOSTITUIRE IL LIEVITO DI BIRRA

Come sostituire il lievito di birra, in questo periodo in cui tutti dobbiamo stare a casa per l’emergenza sanitaria ovviamente non possiamo uscire tutti i giorni per andare dal panettiere a comprare il pane e, visto che tutti siamo nella stessa siturazione, con il tempo si è creato un altro problema ovvero…non si trova lievito di birra!!! Ma possiamo trovare un modo sostituire il lievito di birra??? In questi giorni ho passato molto tempo insieme a Giuliana (online ovviamente) per fare ricerche e prove e alla fine, con il suo insostituibile aiuto (visto che lei è molto più pratica di me in fatto di lievitati) siamo riuscite a trovare come sostituire il lievito di birra. Vi elencherò molte sostituzioni valide che potrete utilizzare sperando che abbiate gli ingredienti sostitutivi che vi vado ad elencare e speriamo di riuscire ad aiutarvi nella sostituzione del lievito di birra oltre che ovviamente augurarci che l’emergenza finisca presto e che possiamo tornare ad andare a comprare il pane dal panettiere.
Per prima cosa vi consiglio di dare un’occhiata al mio articolo TUTTI I TIPI DI LIEVITO in questo modo potete già farvi un’idea di cosa stiamo parlando.
il lievito di birra contiene al suo interno svariati microorganismi appartenenti alla famiglia dei funghi che nutrendosi degli zuccheri contenuti nella ricetta creano anidride carbonica che avvia il processo di lievitazione. Andiamo subito ad elencare le varie sostituzioni e a spiegarvi come sostituire il lievito di birra. Ah… Non perdete le dirette in pagina (QUI) e il mio account Instagram (QUI)
E ora…
Beh, allacciate il grembiule…!
Lulù

  • Porzioniper un cubetto da 25 grammi

Per un CUBETTO DA 25 GRAMMI

  • 300 gpasta madre
  • 150 mlBirra (per 250 g farina)
  • 2 bustineLievito istantaneo per preparazioni salate
  • 60 gCremor tartaro + 30 g bicarbonato + 3 g ammoniaca per dolci

Scarica la tabella!

  1. SOSTITUIRE IL LIEVITO DI BIRRA CON PASTA MADRE

    Senza alcun dubbio il metodo migliore con cui sostituire il lievito di birra è la pasta madre. 

    La pasta madre è un lievito naturale ottenuto aggiungendo a acqua e farina uno starter (ad esempio frutta).

  2. Il procedimento per la creazione di una buona pasta madre è abbastanza lungo e prevede vari passaggi al termine dei quali otterrete la vostra pasta madre forte e equilibrata. Per conoscere tutti questi passaggi e creare la vostra pasta madre vi rimando al blog della mia cara amica Michela vera appassionata e esperta nella creazione e utilizzo della pasta madre. 

  3. In questo articolo mi limiterò, per esaustività, a dirvi che la pasta madre essendo composta da microorganismi vivi deve essere nutrita con i cosiddetti rinfreschi con acqua e farina e che i tempi di lievitazione con la pasta madre al contrario del lievito di birra non si limitano a qualche ora. 

    I prodotti con pasta madre siano essi un pane o una pizza o un grande lievitato (pandoro o panettone) sprigionano tutto il loro inconfondibile profumo e la loro sofficità davvero unica dopo un periodo di lievitazione lungo (alcuni fanno lievitare la pasta per la pizza 24h). 

  4. Il risultato della vostra pazienza sarà un prodotto digeribilissimo e dal sapore davvero inconfondibile che mantiene la sua fragranza anche per una settimana al contrario dei prodotti con il lievito di birra.

    300g di Pasta madre corrispondono a 25g di lievito di birra. 

    Sappiate però che la dose di pasta madre generalmente usata nelle ricette corrisponde a 150g.

SOSITUIRE IL LIEVITO DI BIRRA CON LA BIRRA

  1. Chi mi segue sa che io utilizzo tantissimo la birra in cucina e vi ho proposto anche la ricetta di un impasto per la pizza alla birra, Ma quella pizza conteneva anche un pizzico di lievito di birra.

  2. Ultimamente però ho scoperto che si può tranquillamente evitare di usare quel pizzico di lievito. E ora vi spiego come:

    Innanzitutto la birra da scegliere è possibilmente una birra chiara e dolce. 

    Occorrerà utilizzare fino a 150ml di birra ogni 250g di farina. 

  3. La farina che dovrete utilizzare è una farina per pizza quindi possibilmente almeno una farina 0 con 11g di proteine (dato il periodo però se non la trovate potrete usare anche una semplice 00 o una 0 con meno proteine o una manitoba ecc.).

    La birra va miscelata all’acqua e aggiunta piano piano all’impasto.  

  4. L’obbiettivo è ottenere un impasto liscio e morbido.

    Ho infatti scritto fino a 150ml perché la quantità di birra potrebbe variare a causa del tipo di farina utilizzata.

    Una farina manitoba infatti assorbe più liquidi rispetto a una farina 00. 

    Non dimenticate di aggiungere all’impasto 1cucchiaino di zucchero. 

  5. L’impasto va fatto lievitare in una ciotola coperto da pellicola per alimenti per circa 2h in un luogo caldo (in genere io utilizzo il forno con lucina accesa). 

    Nel caso in cui andrete a fare la pizza ricordatevi che il forno va impostato alla massima potenza e che la pizza va mangiata calda non solo perché è più buona ma proprio a causa dell’assenza del lievito 

SOSTITUIRE IL LIEVITO DI BIRRA CON BICARBONATO E LIMONE

  1. ll bicarbonato di sodio non è un lievito nel vero senso del termine, ma se unito ad un ingrediente acido come nel nostro caso il succo di limone è in grado di produrre anidride carbonica e innescare il processo di lievitazione. 

    Potrete utilizzare la farina che preferite, anche quella integrale, ma questo procedimento non è indicato per le farine senza glutine. 

  2. Ogni 500g di farina occorreranno 2 cucchiaini di bicarbonato di sodio più 2 cucchiaini di succo di limone. 

    Per impastare una pizza procedete come da ricetta omettendo il passaggio che prevede l’aggiunta del lievito. 

    Quando la farina avrà quasi completamente assorbito l’acqua prevista in ricetta mettete semplicemente in un bicchiere 2 cucchiaini di bicarbonato e 2 cucchiaini di succo di limone e mescolate fino a creare una “pastella”. 

  3. Vedrete che i due ingredienti reagiranno e ci saranno delle bollicine. 

    A questo punto unite il vostro composto di bicarbonato e limone agli altri ingredienti e aggiungete un cucchiaino di zucchero se non è previsto nella ricetta. 

  4. Impastate energicamente a mano o se l’avete con l’ausilio di un’impastatrice per almeno 12 minuti fino ad ottenere un impasto elastico e liscio. 

  5. Fate lievitare l’impasto in una ciotola coperto da pellicola in un luogo caldo (forno con lucina accesa) per almeno 45 minuti fino a massimo 2 ore. Infornate in forno caldo alla massima temperatura e mangiate la vostra pizza calda perché in caso contrario avvertirete un retrogusto di bicarbonato. 

  6. La sostituzione con bicarbonato e limone garantisce un impasto digeribilissimo ma attenzione non aspettatevi pizze con il cornicione perché non ha abbastanza forza lievitante per ottenerle. 

SOSTITUIRE IL LIEVITO DI BIRRA CON LIEVITO ISTANTANEO PER PIZZE O FOCACCE

  1. Il lievito istantaneo per pizze o focacce è considerato un pochino l’equivalente del lievito istantaneo per dolci. 

  2. Utilizzarlo è semplicissimo e non occorre aspettare il tempo di lievitazione. 

  3. So’ che la vera pizza richiede la lievitazione ma se avete fretta o se avete solo questo in casa non preoccupatevi la vostra pizza sarà ugualmente buona  

  4. ATTENZIONE!!!!! non utilizzate mai questo metodo per brioche o pani a lunga lievitazione e affini perché non otterrete un buon risultato. 

SOSTITUIRE IL LIEVITO DI BIRRA CON 60g DI CREMOR TARTARO + 30g DI BICARBONATO + 3g DI AMMONIACA PER DOLCI

  1. Il Cremor Tartaro è un agente lievitante in genere utilizzato come stabilizzante nei dolci insieme al bicarbonato. 

    Qui ve lo consiglio unito appunto al bicarbonato come ultima alternativa estrema nel caso ad esempio non abbiate il succo di limone ma vi ritroviate per caso in dispensa dell’ammoniaca per dolci avanzata dalle preparazioni dei biscotti. 

  2. Questo metodo è consigliato solo per la pizza o per le schiacciate o per delle focaccine basse.

  3. Dovete sempre aggiungere all’impasto 1 cucchiaino di zucchero se non previsto. Non preoccupatevi l’odore dell’ammoniaca per dolci scomparirà con la cottura e non ne sentirete il sapore. Il forno deve essere sempre ben caldo (se avete la funzione pizza vi consiglio di usarla) e di mangiare la vostra pizza appena sfornata a causa della presenza del bicarbonato per non sentirne il retrogusto.

  4. Mi auguro che questi consigli possano esservi d’aiuto, provate a sostituire il lievito di birra e fatemi sapere!

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.