Pan bauletto al farro

Pan bauletto al farro, pane in cassetta fatto in casa da tagliare a fette: da spalmare con marmellata o nutella o ideale per preparare toast e tramezzini.

pan bauletto al farro

Volete sempre avere una scorta di pane in casa? Vi piace il pane in cassetta ma quello acquistato ha quel fastidioso retrogusto di alcol? Il pane confezionato riesce ad essere così soffice perché contiene conservanti e grassi di dubbia origine?

Cancellate tutte queste domande e prendete nota della ricetta che sto per illustrarvi. Da oggi mai più senza pane e sarà morbido, genuino e dal profumo invitante. Inoltre potrete divertirvi a personalizzarlo con le farine che preferite o aggiungendo aromi naturali, semi oleosi e ciò che la fantasia vi suggerisce.

Quando ho iniziato a guardare in giro per il web alla ricerca della ricetta migliore, mi ripetevo “Chissà come verrà? Sarà davvero buono e soffice come quello acquistato?”. Ora posso dirvi con certezza che lo è anche di più e non è affatto difficile da preparare. E poi quando lo assaggerete la soddisfazione sarà tanta.

Alla fine, come sempre, ne ho tirato fuori una versione personalizzata riducendo il sale, eliminando il burro e lo zucchero, quest’ultimo sostituito dal miele.

Tanto (ti) affetto

Soffice come una nuvola, buono come il pane.

Non è una magia, acqua e farina han fatto un’alchimia. Pensando di essere al sicuro si è nascosto in un bauletto. “E’ tutto inutile! Tanto ti affetto!”

 

Ingredienti per pan bauletto al farro (per uno stampo da plumcake 10x30x10)

300 g di farina 0

250 g di farina di farro

150 ml di latte

150 ml di acqua

40 ml di olio di semi di mais o girasole + q.b per spennellare

12 g di lievito di birra fresco o 25 g di lievito madre essiccato

1 cucchiaio di miele

8 g di sale fino

pan bauletto al farro

Preparazione

Setacciare le farine e disporle a fontana con un buco al centro in cui sbriciolare il lievito, aggiungere il miele e l’acqua intiepidita.

Ricoprire il lievito con le farine ed unire l’olio, il latte e il sale.

Impastare per una decina di minuti, se usate la planetaria utilizzare il gancio.

Creare una palla e metterla a lievitare per un paio d’ore in un contenitore coperto con un canovaccio e al riparo da correnti d’aria. Per velocizzare potete sistemare il contenitore nel forno spento solo con la lucina accesa.

A questo punto l’impasto sarà raddoppiato di volume. Su una spianatoia infarinata stenderlo creando un rettangolo.

Arrotolarlo su se stesso e metterlo in uno stampo da plumcake. Coprire con la pellicola e lasciar lievitare per un’altra ora abbondante. Il volume del panetto deve leggermente superare il bordo dello stampo.

Spennellare con un po’ d’olio e cuocere in forno statico pre-riscaldato a 180 °C per circa 35-40 minuti (valutate in base alla potenza del vostro forno) posizionando lo stampo sulla grata sul ripiano più basso. Verso metà cottura coprire con della carta stagnola per evitare che in superficie si scurisca e secchi troppo.

Sfornare e dopo 10 minuti togliere dallo stampo. Lasciare raffreddare perfettamente su una gratella per circa 4 ore prima di tagliare a fette il pan bauletto al farro. Questo eviterà che il pane si rompa mentre lo taglierete. Usate un coltello a sega ed ottenete fette spesse circa 1/2 cm.

Potete conservarlo soffice per un paio di giorni se conservato in contenitore ermetico ben chiuso. Se pensate di non usarlo tutto vi consiglio di congelarlo già affettato in una busta per alimenti perfettamente chiusa. Avrete così il vostro pane a disposizione in qualsiasi momento come se fosse appena sfornato.

pan bauletto al farro

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche:

Merendine fatte in casa

merendine fatte in casa

 

 

 

 

 

 

Se ti è piaciuta questa ricetta e desideri ricevere gli aggiornamenti sulle prossime, continua a seguire il blog sulla pagina facebook lasciando il tuo “Mi piace”Gli sfizi di Manu

E mentre preparate questa ricetta vi consiglio l’ascolto di:

Giudizi universali di Samuele Bersani “Troppo cerebrale per capire che si può star bene senza
complicare il pane, ci si spalma sopra un bel giretto di parole vuote ma doppiate…”

Precedente Cozze ripiene al sugo Successivo Zeppole al cacao e ricotta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.