Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole
Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole

La panna cotta è uno dei dolci al cucchiaio più conosciuti, più amati e anche più preparati perché è tanto buona quanto estremamente semplice e veloce. Infatti, per fare la panna cotta basta mettere a reidratare la gelatina in fogli, scaldare la panna assieme allo zucchero ed eventuali aromi, sciogliere la gelatina nella panna calda zuccherata, mescolare, versare nello stampo o negli stampini e mettere in frigorifero. 10 minuti per un dolce al cucchiaio buonissima e adatto a qualsiasi occasione. L’unico svantaggio è che non è un dolce dell’ultimo minuto, la panna cotta ha bisogno di starsene un po’ in frigo prima di essere servita. Non fate mai l’errore di aumentare la quantità di gelatina pensando che così riducete i tempi perché solidificherà prima perché vi ritroverete con qualcosa si troppo sodo e soprattutto troppo gommoso mentre la panna cotta si deve essere morbida e cremosa per potersi sciogliere in bocca.

Per fare questa panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole ho usato 6g di gelatina in fogli per 500ml di panna fresca che è la quantità perfetta se, come me, programmate di servire la vostra panna cotta in bicchieri e quindi all’interno di un recipiente. Se, invece, volete farla in stampini e poi metterla su un piatto vi consiglio di aumentare di 1 o 2g la quantità di gelatina. 6g di gelatina possono sembrare pochi all’inizio perché anche dopo 4 ore in frigo la panna cotta è ancora liquida, ma abbiate pazienza e sarete ripagati. Per avere la mia stessa perfetta consistenza, è bene che la panna cotta resti in frigo per almeno mezza giornata e ancora meglio sarebbe se la faceste il giorno prima del giorno in cui vorreste mangiarla. Io ho fatto questa panna cotta ai frutti di bosco e fragole con meringhe per venerdì 17 maggio quando mia sorella ha invitato a casa 15 suoi compagni di classe. Logicamente io ne ho fatta di più, un po’ troppa in realtà: una pirofila più 4 bicchieri per un totale di 2l di panna… E logicamente la pirofila ha impiegato molto più tempo a solidificarsi completamente rispetto ai bicchieri, quindi tenete conto anche delle dimensioni del recipiente in cui la mettete: recipiente grande comporta più tempo, recipiente piccolo, come stampini da budino o coppette, comporta meno tempo di attesa. Se volete accorciare i tempi di attesa potete mettere la vostra panna cotta in congelatore ma fate attenzione a non dimenticarcela e, soprattutto se l’avete messa in una pirofila, toglietela dal congelatore prima che i bordi iniziano a congelare.


Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole
Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole

La panna cotta può essere aromatizzata con quello che preferite. L’aroma più classico è la vaniglia, da usare in bacca raschiando e disperdendo tutti i suoi bei semini nella panna. Altrimenti potete usare la scorza di limone o di arancia, qualche stecca di cannella, dei chicchi di caffè, del liquore oppure uno dei tanti meravigliosi aromi che potete trovare da Zodio. E poi potreste usare anche altre cose ancora ma per il momento preferisco non dirvele, perdonatemi J Io non ho messo niente perché volevo sentire solo e soltanto il sapore della panna. Ragion per cui ho messo la salsa ai frutti di bosco solo sopra, in questo modo posso mangiare la prima parte di panna cotta mescolandola alla salsa, alla frutta e alle meringhe e poi l’ultima parte la posso avere bianca e pulita per potermi godere solo il suo sapore e la sua meravigliosa consistenza.

La panna cotta può essere servita con quello che preferite. Gli accompagnamenti più classici sono il caramello, il cioccolato e i frutti di bosco. Io ho scelto quest’ultima alternativa, ma ho preso una piccola scorciatoia per risparmiare in tempo e denaro. Normalmente si dovrebbe fare una coulis partendo dalla frutta fresca o congelata. Proprio settimana scorsa quando ne avevo bisogno, tutti i supermercati che mi circondano hanno deciso di finire o togliere o comunque non avere i frutti di bosco congelati. E di comprare quelli freschi proprio non mi andava, un po’ perché costano tantissimo e un po’ perché mi scocciava comprare quelli freschi e belli per cuocerli. Quindi, ho comprato la confettura di frutti di bosco. L’ho mixata per renderla bella cremosa e l’ho versata sulla panna cotta solidificata. Un’alternativa velocissima e semplicissima e soprattutto molto economica. Poi ho aggiunto dei pezzetti di meringhe che avevo fatto qualche giorno prima per aggiungere un pochino di croccantezza e infine fragole.


Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole
Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole

Io ho fatto questa panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole giovedì sera (logicamente ho fatto solo la panna cotta, l’ho ultimata poco prima di servirla) per venerdì sera. Dato che ne ho fatta troppa e che c’erano anche i pancake di farina di castagne con ricotta all’arancia, i brownies e la crostata con ganache al cioccolato fondente e latte di cocco (per non dire tutto il salato…) ne è avanzata 1/3 di pirofila più i 4 bicchieri che avevo in frigo. E quindi oggi è il 4 e ultimo giorno che mangio la mia panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole e ormai dovrei ben essere stufa di mangiarla e invece no, sono un po’ triste che sia finita, era talmente buona. È curioso come cose talmente semplici possano essere tanto buone… Tutto questo per dirvi che in frigorifero si mantiene benissimo per 4-5 giorni!


Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole
Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole

Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole

Ingredienti:

  • 6g di gelatina in fogli + 30g di acqua fredda
  • 500ml di panna fresca
  • 150g di zucchero
  • confettura di frutti di bosco
  • fragole
  • meringhe

Procedimento:

  • Mettete i fogli di gelatina a reidratare nell’acqua. Versate la panna e lo zucchero in una pentola, mescolate bene in modo da disperdere lo zucchero e mettete sul fuoco a scaldare. La panna si deve scaldare e non devo bollire quindi non abbandonatela sul fuoco in eterno. Quando vedete che inizia a fumare e che si creano belle piccolissime bollicine, togliete dal fuoco. Se avete reidratato la gelatina nella quantità indicata non avete bisogno di strizzarla, quindi semplicemente mettetela nella panna e mescolate Versatela nei bicchieri, negli stampini o nel recipiente che preferite. Fatela raffreddare un’oretta a temperatura ambiente e poi mettetela in frigorifero fino per almeno mezza giornata o comunque fino a quando sarà ben solida e ferma.
  • Rovesciate la confettura di frutti di bosco nella caraffa del minipiner e lavorate per un paio di minuti in modo da rendere la confettura bella liscia e cremosa. Probabilmente cambierà il colore della confettura, è un effetto dovuto all’aria che incorporate quindi non allarmatevi! Lavate le fragole, asciugatele leggermente con carta da cucina e tagliatele come preferite.
  • Versate la confettura sulla panna cotta, mettetevi qualche meringa sbriciolata e in pezzetti e poi le fragole. Non al contrario, perché non avendo la gelatina la salsa ai frutti di bosco è morbida e se mettete le fragole prima delle meringhe le fragole affondano. Le meringhe invece sono molto leggere e se ne restano sopra alla salsa facendo da sostegno perfetto per le fragole. Se volete potete ultimare con un pochino di zucchero a velo o una spolverata di scorza grattugiata di limone o di lime.
  • La vostra panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole è pronta.

Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole
Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole

Spero davvero che la ricetta ti sia piaciuta, che vorrai provarla a fare e che vorrai tornare qui a vedere quali altre ricette ho preparato. Se il blog ti piace, ti consiglio di seguirmi anche su Facebook per restare aggiornato su tutto quello che succede a Casa Mori! Basta mettere Mi piace sulla colonna qui a destra. Se vuoi, puoi anche sottoscrivere la Newsletter, è semplicissimo e velocissimo e in questo modo ogni volta che pubblico una ricetta nuova riceverai direttamente nella tua casella di posta un’e-mail con la ricetta. Se hai domande o vuoi lasciare un’opinione, scrivi un commento in tutta libertà. Puoi anche salvare la ricetta in formato PDF o stamparla direttamente per averla subito a portata di mano. Un abbraccio,

Agnese

6 Commenti su Panna cotta ai frutti di bosco con meringhe e fragole

  1. Agnese bella.. non solo sono venuta a vedere i tuoi splendidi bicchierini da vicino (confermo: straordinariamente fini e delicati!) ma.. ho anche apprezzato tantissimo i tuoi consigli su come prepararla. In effetti io sono la classica persona che si fa prendere dal panico quando vedo che non solidifica e abbondo con la gelatina ritrovandomi non con una panna cotta.. ma con una gomma da cancellare!! 😀 Bene, seguirò tutti i tuoi consigli e la preparerò con largo anticipo, lasciandola nel frigo tutto il tempo che serve! Anche l’idea della marmellata è fantastica, effettivamente è veloce e il risultato è garantito! GRAZIEeeeeee!!! <3

    • Ciao Eli!!!
      Mi fa tanto piacere che sei passata!! Grazie mille!
      Ci tenevo a scrivere tutto per bene perché il risultato è stato davvero divino ma solo perché ho deciso di seguire la ricetta così com’era e soprattutto perché ho portato tanta pazienza. Ogni ora andavo in frigo e muovevo la pirofila, sembrava latte! Poi mi sono rassegnata, tanto la dovevo servire almeno 24 ore dopo quindi l’ho lasciata in pace. E ho fatto proprio bene! L’idea della confettura semplifica tutto tantissimo ed è già pronta. Se poi per caso avessi anche delle meringhe sarebbe top. Hanno quella croccantezza leggera e areata che non contrasta con la cremosità della panna cotta ma, al contrario, ci si abbina perfettamente.
      Mi raccomando, ti aspetto qui per sentire il tuo giudizio e se riesci fai anche una foto, mi farebbe piacere vederla!
      P.S.: fanne in abbondanza, tanto in frigo si mantiene per un po’ e diventa sempre più buona così per qualche giorno anche te sarai felice di arrivare al desser dopo cena! La consapevolezza di qualcosa di buono a concludere la cena rende migliore tutta la giornata!
      Agnese

      • Tesoro sei! E hai fatto benone a scrivere tutto! <3 Sai, sembrano cose scontate e invece non lo sono.. perché anche io scuotevo sempre il vassoio in frigo e, vedendo che il composto era sempre acquoso, delle volte non riuscivo a servirlo per tempo dicendomi: 'Ecco! Ho messo troppa gelatina! Devo buttare tutto!!' 😀 Altre volte, memore delle precedenti, ho messo più gelatina e il risultato è stato scandaloso.. un budino rappreso, che faticavo a masticare! Altro che panna cotta.. panna solida! Quindi ho apprezzato tanto i tuoi consigli, anche per il tempo che ci vuole a prepararla. Adesso so che non devo andare in panico e.. certo! Quando la preparo faccio una foto e te la mostrerò!!! <3 Un abbraccio, stella bellissima!!!

        • Grazie Eli!
          Mi fa molto piacere che tutto quello che ho scritto ti sia stato utile!
          Per qualsiasi cosa io sono qui, mi puoi scrivere anche in privato senza problemi!
          Aspetto tue notizie con foto allegate!
          Agnese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.