GENOVESE VEGETARIANA O FINTA GENOVESE

La genovese vegetariana non è altro che una finta genovese ossia il classico sugo napoletano ottenuto con la cottura lentissima di carote, sedano e cipolle ma senza carne. Rispetto alla ricetta tradizionale è anche più veloce da preparare perché questo sugo cuoce più o meno in un’ora a differenza di quello tradizionale per il quale sono necessarie circa tre ore.

Certo c’è da dire che il risultato finale è buono e molto simile a quello della ricetta tradizionale, ma ovviamente quest’ultima ha una marcia in più e quel gusto particolare e inconfondibile proprio della genovese, dato dalla presenza della carne e dalla cottura prolungata della stessa che, rilascia in tal modo, nel sugo tutto il suo sapore. Ma oggi sempre più persone scelgono di eliminare la carne dalla loro alimentazione e questo piatto è una buona alternativa per chi non vuole rinunciare al gusto. Devo dire che tra l’altro anche io (pur non essendo vegana o vegetariana) ho apprezzato molto questo piatto perché rispetto alla genovese tradizionale è molto più leggero e ripeto soprattutto più veloce da cucinare.

Ma se volete preparare la ricetta tradizionale, ossia l’autentica genovese napoletana, allora non vi resta che aggiungere 500 gr di carne tagliata in piccoli pezzi alla preparazione e lasciar cuocere circa 3 ore. Ora andiamo a cucinare…

Genovese vegetarianaGenovese vegetariana o finta genovese.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di ziti spezzati;
  • 1 kg di cipolle ramate;
  • 3 carote;
  • 1 gambo di sedano;
  • olio evo;
  • 2 cucchiai di passata di pomodoro;
  • sale, pepe, alloro;
  • formaggio grattugiato:
  • 500 ml di acqua.

Procedimento.

  1. Per prima cosa tritare grossolanamente le carote e il sedano. Affettate finemente la cipolla e versare il tutto in una pentola con 5/6 cucchiai di olio evo. Fate soffriggere per circa 5 minuti.
  2. Ora aggiungere il sale, il pepe, l’alloro, il pomodoro e l’acqua e coprite con un coperchio. Lasciate cuocere circa 1 ora, mescolando di tanto in tanto. Potete aggiungere dell’acqua se dovesse servire.
  3. Quando il sugo sarà denso potete spegnere la fiamma. Se preferite ottenere una crema, frullate il tutto con un frullatore ad immersione; altrimenti lasciate tutto così.
  4. Cuocete la pasta e conditela con questo squisito sughetto e con una bella grattugiata di parmigiano e/o pecorino. Buon appetito!

Se ti è piaciuta questa ricetta, seguimi anche sulla mia pagina Facebook Le ricette di Matilde

Precedente CROSTATA DI POLENTA AI QUATTRO FORMAGGI Successivo CANTUCCI