DANUBIO MORBIDOSISSIMO con impasto a base di patate

Tante nuvolette un po’ dolci  e un po’ salate che vi conquisteranno al primo morso! Ecco cos’è il mio danubio morbidosissimo! Il danubio è un rustico tipicamente campano onnipresente ad ogni buffet o festa dedicata ai bambini. E’ assolutamente versatile perché il ripieno può essere cambiato a piacimento e può essere fatto anche nella versione dolce eliminando un cucchiaino di sale e aggiungendone due di zucchero. E’ una di quelle cose che piace proprio a tutti e vi farà fare un figurone.

A differenza delle molteplici ricette di danubio presenti in rete il mio ha un piccolo segreto, il classico trucco della nonna: l’uso delle patate. Nella cucina casareccia campana le patate bollite e schiacciate vengono utilizzate spesso per conferire morbidezza gli impasti, come ad esempio nel caso delle graffe napoletane. Il risultato è un impasto morbidissimo che si scioglie in bocca! Provatelo e poi mi saprete dire! 🙂 E se invece non avete molto tempo, o tanta manualità, potete provare la versione del mio danubio in teglia sciuè sciuè.

Ingredienti

  • 250 g di farina 00
  • 250 g di farina manitoba (in mancanza si può realizzare con  sola farina 00)
  • 3 uova piccole
  • 35 g di zucchero
  • 2 cucchiaini rasi di sale (8 g)
  • 100 g di burro morbido
  • 2 patate medie (circa 250 max 300 g)
  • 25 g di lievito di birra
  • 200 ml di latte
  • 350 g di misto di salumi e formaggi (io vi consiglio emmental e cotto a dadini)
  • 1 tuorlo + 1 cucchiaio di  latte per spennellare la superficie

Procedimentopreparazione danubio

  1. Cuocere le patate, e ancora calde passarle nello schiacciapatate e lasciarle raffreddare.
  2. Intiepidire il latte e farvi sciogliere il lievito e lo zucchero (mi raccomando alla temperatura del latte che non dovrà essere caldo ma semplicemente tiepido perché altrimenti rischierete di bruciare il lievito ed impedire così la lievitazione).
  3. Formare una fontana con la farina e porre al centro le patate schiacciate e raffreddate (devono assolutamente essere fredde), le uova, il latte all’interno del quale avrete sciolto il lievito e lo zucchero. Impastare il tutto e quando l’impasto avrà già preso una certa consistenza aggiungere il sale e il burro morbido a pezzetti e continuare ad impastare ancora per un po’.  Non lasciatevi tentare dall’aggiungere altra farina, ma regolatevi sapendo che l’impasto dovrà risultare molto morbido. Il mio consiglio è quello di impastare nel contenitore in cui avete intenzione di lasciare lievitare l’impasto, proprio in ragione della morbidezza dello stesso. Se disponete di una planetaria lavorate il tutto con il gancio a k per almeno 10 minuti seguendo il medesimo ordine sopra indicato.
  4. Coprire il contenitore con pellicola e lasciare lievitare sino al raddoppio, che richiederà circa 1 ora.
  5. Trascorso il tempo della prima lievitazione  trasferire l’impasto su un piano infarinato e con le mani ance esse ben infarinate dividere l’impasto in palline da circa 70 g l’una. Senza ricorrere nel modo più assoluto al mattarello, ma solo con l’uso delle mani appiattire le palline di impasto.
  6. Porre la pasta ormai appiattita nel palmo di una mano e aiutandosi con l’altra posizionare il ripieno al centro dopodiché chiudere i bordi e porre le palline ben distanziate in una teglia imburrata e infarinata (o rivestita con carta da forno), l’una ben distante dall’altra e con con la chiusura verso il basso.
  7. Far lievitare nuovamente l’impasto per circa un’ora e mezza.
  8. Al termine della lievitazione spennellare la superficie del danubio con un tuorlo d’uovo sbattuto con un po’ di latte e infornare in forno preriscaldato a 180° per 30-40 minuti. Io utilizzo il forno ventilato perché mi ha sempre dato un ottimo risultato. Già a partire dai 25 minuti fate ben attenzione alla cottura, perché come ben sapete, ogni forno ha i suoi tempi!
  9. Lasciare raffreddare e servire tiepido o anche freddo! Vi assicuro che è davvero una delizia! Se lo desiderate, conservatelo in un contenitore a chiusura ermetica cosicché si manterrà morbido per giorni e giorni.

Varianti di ripieno

Il danubio può essere farcito anche con:

  • salsicce e friarielli
  • pomodori secchi e tonno
  • peperoni e olive nere
  • speck funghi e scamorza
  • stracchino e salsiccia
  • ricotta e salame
  • gorgonzola e salsiccia
  • pomodoro ricotta e mozzarella
  • melanzane a funghetto e provola
  • zucchine arrostite e feta

e chi più ne ha più ne metta!

congelare il danubioConsigli per il congelamento

Per coloro che come me amano avere sempre qualcosa di pronto in congelatore da utilizzare all’occorrenza, sappiate che questo rustico può essere congelato senza perdere minimamente la sua bontà. Io lo cuocio, lo faccio raffreddare per bene e poi lo congelo. Per poterlo scongelare basta lasciarlo per un pochino a temperatura ambiente (ovviamente per quanto riguarda il tempo necessario per lo scongelamento molto dipende dalla temperatura presente in casa vostra) oppure chi ha il microonde può utilizzare la funzione scongelamento, ovvero farlo andare un paio di minuti (a seconda del peso) a 160 Watt.

Precedente DANUBIO RUSTICO SCIUE' SCIUE' con impasto a base di patate Successivo Cassata siciliana al forno

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.