Frittelle di riso alla moda del convento

Da un nuovo libro sulle antiche ricette dei conventi, ho sperimentato questa ricetta delle frittelle di San Giuseppe a base di riso, ricetta medioevale di origine toscana. Ho seguito passo passo le indicazioni anche se, come da mia abitudine, ho portato qualche leggera modifica. La prossima volta, ancora qualche modifica per un risultato davvero perfetto!

Leggi anche:

Frittelle alla ricotta

Frittelle di mele

Frittelle nonna angela

 

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    30-35 pezzi
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 100 g riso originario
  • 70 g farina 00
  • 60 g zucchero
  • 50 g uva passa
  • 2 uova
  • 1 limone naturale (buccia grattugiata)
  • 1 arancia naturale (buccia grattugiata)
  • 2 cucchiai rum
  • 1 cucchiaio grappa
  • 500 ml latte fresco
  • 1 pizzico sale
  • 1 pizzico lievito per dolci
  • 1 l olio di semi di arachide

Preparazione

  1. Far rinvenire l’uvetta in acqua aromatizzata con la grappa.

    Scaldare il latte, scioglierci dentro lo zucchero, aggiungere il riso e farlo cuocere a fuoco dolce (circa 15 minuti). Unire un pizzico di sale, la scorza grattugiata degli agrumi, mescolare e mettere a raffreddare.

    Aggiungere al composto di riso, ormai freddo, l’uvetta scolata, asciugata e infarinata, il rum e i tuorli delle uova leggermente battuti.

    Completare con la farina a cucchiaiate.

    Montare a neve ferma  gli albumi e aggiungerli molto delicatamente all’impasto, mescolando dall’alto verso il basso. Si otterrà un composto morbido e  soffice, ma non liquido.

    Friggere le frittelle, a cucchiaiate, nell’olio caldo, scolarle passarle su carta assorbente per eliminare l’unto in eccesso e, una volta intiepidite, arrotolarle nello zucchero, disporle in un piatto da portata e servire…..

    Buon appetito!

     

Consiglio…..

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  Così cucino io

Precedente Risotto di zucca e radicchio tardivo Successivo Gnocchi di patate burro salvia e granella di nocciole

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.