Risotto di zucca e radicchio tardivo

Risotto di zucca e radicchio tardivo. Naturalmente radicchio rosso tardivo di Treviso, buono in tutti i modi, crudo o cotto, nei primi piatti, come contorno e perfino nel ciambellone dolce…….L’abbinamento con la zucca è proprio indovinato e il risotto prende un sapore dolce-amaro al profumo di rosmarino che conquista…..

Leggi anche:

Risotto di zucca e salsiccia trevisana lunga

Risotto al radicchio tardivo e scamorza affumicata

Risotto zucca e radicchio tardivo - Così cucino io
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 300 g riso carnaroli
  • 2 cespi radicchio tardivo
  • 400 g zucca
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • 1 l brodo vegetale
  • 1 scalogno (piccolo)
  • 1 pizzico sale
  • 1 pizzico pepe
  • 1 rametto rosmarino
  • q.b. burro (una noce)
  • q.b. parmigiano reggiano grattugiato (a piacere)

Preparazione

  1. Risotto di zucca e radicchio tardivo.

    Pulire lavare e tagliare la zucca a dadini, pulire lavare e tagliare il radicchio a piccoli pezzi.

    Aggiungere al brodo vegetale un pezzetto di zucca, una foglia di radicchio, qualche ago di rosmarino e portare a bollore.

    Soffriggere dolcemente lo scalogno tritato in poco olio extravergine di oliva, aggiungere la zucca e il radicchio e far cuocere per 7-8 minuti.

    Aggiungere il riso, farlo tostare a fuoco vivace, iniziare ad aggiungere il brodo e portare il riso a cottura aggiungendo, a mano a mano, il brodo aspettando sempre che il brodo precedente sia stato completamente assorbito prima di aggiungerne altro. Verso fine cottura (dopo 19 minuti), allontanare dal fuoco e completare con una noce di burro, formaggio parmigiano grattugiato (io non lo metto!) e qualche ago di rosmarino. Girare bene per amalgamare, coprire con il coperchio per 2 minuti e servire ben caldo con parmigiano grattugiato a parte e…..

    Buon appetito!

Come sempre, un consiglio..

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  Così cucino io

 

 

 

 
Precedente Carnevale ogni fritto vale.... Successivo Frittelle di riso alla moda del convento

Lascia un commento