Verze “sofegae”

Verze sofegae.

“Sofegae” sta per stufate, cotte lentamente con il coperchio, fatte appassire. Il termine “sofegae”, che a Venezia significa soffocate, rende bene l’idea di questo contorno che si usa abbinare a carni saporite come costicine, salsiccia, braciole,  polpettoni e……. avanti il prossimo.
Ieri l’ho accompagnato allo stinco di maiale al forno. Un successo………..

Leggi anche:

Costicine di maiale con verze

Bocconcini di salsiccia su lettino di verze sofegae

Cavolo viola stufato

Verze sofegae - Così cucino io
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    1 ora
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Molto Alto

Ingredienti

  • 1 verza
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • 1 cipolla bianca
  • q.b. sale
  • 1 pizzico Pepe nero
  • 1 rametto rosmarino
  • q.b. aceto bianco (facoltativo)

Preparazione

  1. Lavare bene (le foglie esterne spesso sono piene di terra) e tagliare a listarelle la verza.
    Tagliare la cipolla a velo e farla soffriggere leggermente nell’olio.
    Aggiungere la verza nella casseruola, salare, pepare e coprire con il coperchio.
    Lasciare cuocere la verza, a fuoco lento, alzando di tanto in tanto il coperchio e mescolando bene.
    A fine cottura, dopo circa 45 minuti, la verza sarà appassita (sofegada). A questo punto profumare con qualche ago di rosmarino e, volendo,  con qualche cucchiaio di aceto bianco.

    E………. Buon appetito!

Consiglio…

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  Così cucino io

Precedente Arrosto di vitello con funghi Successivo Carnevale ogni fritto vale....

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.