Pagnotta a lunga lievitazione in frigo

Pagnotta a lunga lievitazione in frigo. Sapevo che fra i tanti sistemi di fare il pane, esiste la possibilità di farlo lievitare per 8, 10 ma anche 24 ore in frigo, ma non avevo mai provato! Tutto è nato per caso, dovevo fare la mozzarella in carrozza con la mia ricetta a base di lievito di birra, ma alla fine ho cambiato programma e, non sapendo come utilizzare la pastella ormai lievitata, ho pensato di reimpastarla con altra farina e di metterla in frigo rimandando al giorno dopo il problema. L’indomani l’impasto aveva un bellissimo aspetto, leggermente  lievitato…..Dopo l’acclimatamento a temperatura ambiente (un paio d’ore), ho aggiunto ancora acqua, farina e sale e lavorato il tutto nella planetaria. Dopo una seconda lievitazione (questa volta al caldo), ho formato 2 pagnotte che dopo un riposo di un’ora  ho infornato….. Risultato: Due pagnotte leggere, croccanti di crosta, ma morbide internamente, profumatissime e buone anche i giorni successivi…..Sembra laborioso, ma è solo questione di organizzazione…l’impasto in frigo non ha tempi stabiliti, si può utilizzare dopo 8 ore, ma anche dopo…..secondo le proprie esigenze……Penso proprio che lo rifarò ancora…..

Pagnotta a lunga lievitazione - Così cucino io
Pagnotta a lunga lievitazione – Così cucino io

Ingredienti:

450 gr. di farina 0

3,5 gr, di lievito di birra disidratato

250-300 gr. d’acqua

un cucchiaino di sale

un cucchiaino di malto (va bene anche miele o zucchero)

un cucchiaio di olio extravergine di oliva

Pagnotta a lunga lievitazione - Così cucino io
Pagnotta a lunga lievitazione – Così cucino io

Impastare 250 gr. di farina con il lievito e 100 gr. d’acqua, formare una pagnottina e farla riposare, coperta da pellicola, in frigorifero per un’intera notte.

Prendere l’impasto dal frigo, riportarlo a temperatura ambiente (2 ore circa) e lavorarlo nella planetaria con 200 gr. di farina, il sale, il malto (miele o zucchero) aggiungendo l’acqua (poca alla volta) interrompendo l’aggiunta appena si sarà ottenuto una pasta compatta e morbida.

Far lievitare un’ora al caldo.

Con delicatezza, formare 2 pagnotte tonde e appoggiarle sulla piastra del forno rivestita da cartaforno. ungere la superficie con olio extravergine di oliva,  infarinarle leggermente, coprire con pellicola e lasciarle riposare ancora un’ora.

Infornare a 230° per 20 minuti, sfornare, far raffreddare su una gratella, affettare e…..Buon appetito!

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  COSI’ CUCINO IO

 

 
Precedente Filetti di sogliola alla mugnaia Successivo Fritoe venexiane col buso (Frittelle veneziane col buco)

Lascia un commento