Carbonara: ricetta originale cremosissima passo passo

Carbonara, ricetta perfetta per preparare la Pasta alla Carbonara come la servono a Roma, ricca e cremosa! Per preparare la vera carbonara sono necessari pochissimi ingredienti. Infatti, la carbonara secondo la ricetta originale, si prepara con la pasta, che possono essere spaghetti, rigatoni o mezze maniche (come si usa a Roma), il pecorino romano DOP stagionato, il guanciale (di qualità) e il pepe nero. Vabbè, e l’acqua per la cottura, tanto per essere precisi!

I puristi della Carbonara non transigono: servono solo questi ingredienti e vengono banditi parmigiano al posto del pecorino, pancetta o bacon al posto del guanciale o, ancora peggio, panna o cipolla o aglio. Io non sarò tanto fiscale, tanto a casa propria ognuno è libero di cucinare come vuole, ma vi voglio comunque lasciare la ricetta originale della Carbonara, come viene servita nelle varie osterie di Roma. E quanta ne ho mangiata! Qualche anno fa ho avuto la fortuna di assistere ad uno showcooking dello Chef Luciano Monosilio, chiamato a Roma il Re della Carbonara, da cui ho appreso qualche trucchetto e come preparare una Carbonara perfetta, super cremosa!

La Carbonara è davvero semplice da fare, alla base della nostra cucina italiana, ma ci sono alcune piccole accortezze da rispettare, per farla nel migliore dei modi. Ecco la ricetta della Carbonara, la carbonara originale cremosissima!

Carbonara ricetta originale
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
207,71 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 207,71 (Kcal)
  • Carboidrati 7,43 (g) di cui Zuccheri 0,13 (g)
  • Proteine 5,74 (g)
  • Grassi 17,05 (g) di cui saturi 6,98 (g)di cui insaturi 7,73 (g)
  • Fibre 0,46 (g)
  • Sodio 708,42 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 100 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Carbonara: ricetta e preparazione

  • 400 gpasta (spaghetti, mezze maniche, bucatini)
  • 280 gguanciale
  • 200 gpecorino
  • 5tuorli (media grandezza)
  • q.b.pepe nero in grani

Preparazione della Carbonara (ricetta originale)

  1. Come fare la Carbonara? E’ davvero una ricetta facile, pronta in 15 minuti.

    E’ nata come piatto povero della cucina romana con gli ingredienti che si avevano a disposizione, quindi le uova, il formaggio e il guanciale. Anticamente veniva preparata con le uova intere, con il tempo la ricetta è stata affinata e si utilizzando solo i tuorli.

    Il conteggio delle uova è di 1 tuorlo medio a commensale + 1 tuorlo extra. Quindi se siete in 4, vi serviranno 5 tuorli. Se siete in 2, solo 3 tuorli! Per avere una bella crema gialla, utilizzate uova a pasta gialla, ma, ovviamente non è indispensabile. Io ho utilizzato queste, per questo la crema ha un bel colore vivo!

    Per il pepe, vi consiglio di utilizzare del pepe nero in grani, macinato al momento, che conferirà tutto l’aroma.

  2. Per prima cosa, mettete a scaldare una pentola di acqua. Come sale ne basta poco: circa metà del solito quantitativo, dato che il pecorino è già molto saporito. Quando avrà raggiunto il bollore, lessate la pasta prescelta: pasta lunga come spaghetti o bucatini, ma anche le mezze maniche sono perfette.

  3. Preparazione del guanciale - Ricetta Carbonara

    Prendete il guanciale, eliminate la cotenna, e tagliatelo a listarelle piuttosto spesse, di ca. mezzo centimetro.

  4. Cottura del guanciale - Carbonara ricetta

    Lasciatelo sfrigolare in una padella, a fuoco moderato, finchè la parte grassa non diventerà trasparente. Non serve aggiungere altro olio, dato che cuocerà già nell’abbondante suo grasso. Versate il grasso all’interno di una scodellina. Rimettete il guanciale sul fuoco per renderlo croccante per qualche minuto, poi spegnete la fiamma e conservate il guanciale a parte.

  5. Amalgamare tuorli e pecorino - Carbonara ricetta originale

    Adagiate i tuorli all’interno di una scodella, unite il pecorino (tenendone due cucchiai per la decorazione) e una spolverata di pepe nero macinato al momento. Amalgamate brevemente con una spatola.

  6. La crema della carbonara - Ricetta pasta alla carbonara

    Unite 2 mestolini di grasso del guanciale per rendere il composto di tuorli cremoso, denso e vellutato, amalgamando con la spatola.

  7. Unire i tuorli alla pasta - Carbonara originale

    Tenete da parte un bicchiere di acqua di cottura della pasta e scolatela.

    Versate la pasta nella padella dove avete cotto il guanciale, unite la crema di tuorli e pecorino e un mestolino di acqua di cottura. Mescolate molto bene per far amalgamare il tutto. Se fosse necessario, unite ancora acqua. Questa operazione andrà fatta rigorosamente fuori fuoco.

  8. Ricetta Spaghetti alla carbonara pronti

    Quando la pasta alla carbonara sarà diventata super cremosa (ma non liquida), grazie al calore della pasta e agli amidi contenuti nell’acqua, unite il guanciale (tenendo qualche listarella per la decorazione), amalgamate brevemente e servite nei vari piatti.

  9. Pasta alla Carbonara ricetta

    Decorate con una spolverata di pecorino e ancora un po’ di pepe. La vostra Carbonara è pronta! La vera Carbonara proprio come viene servita nella osterie di Roma!

    Fatemi sapere nei commenti quanto amate la Pasta alla Carbonara!

Alcuni consigli…

  1. Il grasso del guanciale che viene inserito nel composto di tuorli rende la crema della Carbonara vellutata e lucida, oltre che profumata. Inoltre, il grasso caldo nel composto di tuorli serve anche a pastorizzare il tuorlo.

    Se non avete piacere ad utilizzare il grasso del guanciale, potete sostituire con 1 – 2 mestolini di acqua di cottura, stando attenti a non far diventare la crema troppo liquida.

  2. Un altro metodo per preparare la Pasta alla Carbonara è scolare gli spaghetti direttamente nella scodella dei tuorli e amalgamare il tutto a bagnomaria, appoggiano la scodella (di acciaio o vetro) sopra la pentola dove avete cotto la pasta e ancora piena dell’acqua di cottura bollente. In questo modo ci sarà anche una pastorizzazione del tuorlo e la pasta alla carbonara si potrà mantecare con una piccola fonte di calore sottostante, agevolando l’operazione.

    Lo Chef Monosilio utilizza proprio questo sistema: fa mantecare gli ingredienti della Carbonara in una bastardella di acciaio, a bagnomaria, adagiata sopra alla pentola di acqua, fino a portare il composto a 52°C, temperatura ottimale per pastorizzare l’uovo, ma evitare che si coaguli (e diventi una frittata).

  3. Quando unite l’acqua al composto di tuorli e pecorino e, nell’ultimo step, quando si amalgama la Pasta alla Carbonara, mettetene poca per volta. Il grado di assorbimento dipende soprattutto dal pecorino e dal suo grado di stagionatura. Non dovrete mai avere una cremina liquida, nè mantecare con troppa acqua.

    In ogni caso utilizzate il pecorino fresco appena grattugiato ed evitate quello in busta del supermercato, soprattutto i MIX di formaggi già pronti.

  4. Spero di avervi incuriosito. Fatemi sapere se provate la mia ricetta della Carbonara! A casa mia è sempre un successo!

Leyla consiglia…

Già che amate la cucina romana e i primi piatti romani, non posso che consigliarvi:

PASTA CACIO E PEPE (con tutti i trucchi per farla perfetta)

PASTA ALLA GRICIA

AMATRICIANA

Ma anche le PUNTARELLE ALLA ROMANA , i MARITOZZI e le CIAMBELLINE AL VINO.

***

Torna alla HOME PAGE
Per non perdere nessuna ricetta, metti il “mi piace” QUI sulla mia pagina Facebook QUI sul mio profilo Instagram.

4,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.