Crea sito

CAZZILLI PALERMITANI

Cazzilli palermitani o meglio crocchette di patate siciliane o crocchè siciliani insomma in parole povere una sorta di CROCCHETTA DI PATATE ma senza uovo e senza pangrattato che si trovano in ogni friggitoria siciliana e che sono un classico del mangiare di strada. I cazzilli palermitani sono semplicissimi da preparare ma ci sono due o tre accorgimenti da utilizzare se non volete che si sciolgano letteralmente dentro all’olio. Tranquilli, vi darò tutti i consigli giusti nella ricetta ma intanto vi anticipo che le patate dovranno essere patate vecchie, non pensate di fare i cazzilli con le patate novelle perchè non verranno mai nemmeno se vi metterete di impegno. Un altro trucchetto è aggiungere un pochino di farina anche se in Sicilia non la mettono a dire il vero e un ultimo è di preparare i cazzilli la sera prima se volete che vengano davvero perfetti! Allora volete provare a preparare insieme a me i cazzilli siciliani? Iniziamo subito a vedere ricetta e ingredienti e poi fatemi sapere se vi sono piaciuti! Ah… Non perdete le dirette in pagina (QUI) e il mio account Instagram (QUI)
E ora…
Beh, allacciate il grembiule…!
Lulù

CAZZILLI PALERMITANI
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione25 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni6 persone

Ingredienti

  • 1 kgpatate vecchie
  • 1 spicchioaglio
  • prezzemolo
  • sale
  • farina 00
  • olio di semi di arachide

Preparazione

  1. CAZZILLI PALERMITANI

    QUALI PATATE USARE PER I CAZZILLI

    Le patate da utilizzare per preparare i cazzilli palermitani devono essere necessariamente patate vecchie e farinose con pochissima acqua.

  2. SI METTE LA FARINA NEI CAZZILLI PALERMITANI?

    In teoria no ma se non disponete di patate molto vecchie per preparare i cazzilli palermitani e non volete che si sciolgano in cottura potete infarinarli bene prima di friggerli.

  3. TRUCCO PER NON FAR APRIRE I CAZZILLI PALERMITANI

    Uno dei trucchi è far riposare i cazzilli in frigo anche una notte intera.

    Iniziamo ora con la ricetta dei cazzilli.

    Prendete le patate e mettetele con la buccia in acqua fredda.

    Fate cuocere le patate fino a che saranno cotte e morbide punzecchiandole con una forchetta.

  4. Schiacciate le patate con lo schiacciapatate mentre sono ancora calde e mettetele in una ciotola.

    Unite il prezzemolo tritato, l’aglio tritato, il sale e amalgamate il composto.

    Create con le mani delle polpettine molto allungate e mettetele su un piatto.

    Fate riposare i cazzilli palermitani in frigo per circa 2 ore (meglio ancora se tutta la notte) poi procedete alla frittura.

  5. Fate scaldare abbondante olio di semi di arachidi in una pentola alta e dai bordi stretti e, quando sarà ben caldo, mettete a friggere il primo pezzo.

    Se vedete che si frigge bene e senza problemi vuol dire che le patate erano abbastanza farinose se invece vedete che si aprono in cottura niente paura….infarinate completamente tutti i cazzilli palermitani e vedrete che a questo punto non si apriranno più.

    Fate friggere per qualche minuto i cazzilli palermitani poi scolateli su carta assorbente e serviteli ben caldi.

  6. VARIANTI E CONSIGLI

    Vi ricordo di usare sempre patate vecchie altrimenti si apriranno in cottura.

    Potete non mettere aglio tritato se non vi piace.

  7. Potete aggiungere due cucchiai di caciocavallo.

    Se si dovessero aprire in cottura potete infarinarli bene prima di friggerli.

    Se vi è piaciuta la ricetta dei cazzilli siciliani forse potrebbero interessarvi anche le CROCCHETTE PATATE E FORMAGGIO o anche le CROCCHETTE DI RISO oppure anche la SBRICIOLATA DI PATATE.

Conservazione

I cazzilli palermitani si conservano in frigo per due o tre giorni.
Seguimi sulla pagina facebook cliccando QUI  o sul mio account Instagram (QUI) e non perderai nessuna ricetta. Torna allaHOME PAGE

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.