I sassi d’Abruzzo, chiamati anche mandorle “atterrate”, sono tipici della mia zona, vivo nella Val Vibrata (per chi non lo sapesse in provincia di Teramo, al confine con Ascoli Piceno). I sassi d’Abruzzo sono originari di Sant’Egidio della Val Vibrata, presso il confettificio della famiglia Cicconi. Non sono altro che mandorle tostate ricoperte di zucchero e cacao amaro, e prendono la forma tipica dei sassolini. profumati e dal sapore irresistibile, i sassi d’Abruzzo finiranno in un battibaleno!

Sassi d'Abruzzo

Sassi d’Abruzzo

Ingredienti
200 g mandorle sgusciate
200 g zucchero
1/2 bicchiere di acqua
2 cucchiai di cacao
cannella
scorza grattugiata di limone

Disporre le mandorle in una teglia da forno, cercando di non sovrapporle, e metterle nel forno già caldo a 150° per circa 10 minuti, fino a doratura.

In un pentolino mettere l’acqua e lo zucchero, mescolare portare ad ebollizione a fuoco dolce. Poi aggiungere il cacao, la cannella e la scorza grattugiata di un limone. Una volta che il cacao sarà sciolto, unire le mandorle tostate e mescolare fino a che lo zucchero non aderirà alle mandorle.

Versare i sassolini su un piano da lavoro e lasciare raffreddare fino all’indurimento. Si possono conservare in un barattolo di vetro.

Nota: ho usato le mandorle spellate, ma la ricetta originale prevede l’utilizzo delle mandorle con la buccia.

Sassi d'Abruzzo

Per altre ricette tipiche abruzzesi clicca QUI.

Per altre ricette golose, consulta lo speciale Cioccolatini e bon bon.

Seguimi anche su Facebook per scoprire le nuove ricette. E per vedere le video ricette iscriviti al canale YouTube!

Per ricevere gratis ogni settimana le nuove ricette sulla tua email, iscriviti alla Newsletter.

 

18 Comments on Sassi d’Abruzzo

  1. In cucina da Eva
    1 marzo 2014 at 11:23 (3 anni ago)

    uno tira l’altro! io li adoro! li faccio sempre quando ho le mandorle!

    Rispondi
    • Le ricette di Libellula
      1 marzo 2014 at 11:31 (3 anni ago)

      Creano dipendenza 😀

      Rispondi
  2. Dolcidasogno
    1 marzo 2014 at 11:48 (3 anni ago)

    Non li ho mai assaggiati, salvo la ricetta e li provo, sembrano invitanti 😀

    Rispondi
    • Le ricette di Libellula
      1 marzo 2014 at 11:58 (3 anni ago)

      Sì, provali! Non te ne pentirai 😀

      Rispondi
  3. Laura
    1 marzo 2014 at 14:45 (3 anni ago)

    confermo il fatto della dipedenza…mangiarne uno solo è praticamente impossibile!!!

    Rispondi
    • Le ricette di Libellula
      1 marzo 2014 at 14:54 (3 anni ago)

      sììì, spariscono tutti in pochi minuti!

      Rispondi
  4. Ileana
    1 marzo 2014 at 22:33 (3 anni ago)

    Davvero troppo buone le mandorle così, bravissima Marti 🙂

    Rispondi
    • Le ricette di Libellula
      1 marzo 2014 at 23:18 (3 anni ago)

      Grazie! Sì, sono irresistibili 🙂

      Rispondi
  5. Giovanna
    1 marzo 2014 at 22:36 (3 anni ago)

    Una vera droga, quando cominci. Non smetteresti mai di mangiarle !

    Rispondi
    • Le ricette di Libellula
      1 marzo 2014 at 23:18 (3 anni ago)

      Assolutamente 🙂

      Rispondi
  6. tittina
    2 marzo 2014 at 00:07 (3 anni ago)

    Non li faccio da un po perchè sono a dieta, quando li ho per casa non smetto fino a quando non vedo la fine!!! Buona serata Tittina

    Rispondi
    • Le ricette di Libellula
      2 marzo 2014 at 00:32 (3 anni ago)

      E come darti torto! Una volta che li inizi a mangiare è impossibile fermarsi 🙂

      Rispondi
  7. serena
    2 marzo 2014 at 22:57 (3 anni ago)

    che bontà i sassi d’abruzzo! conosco bene la tua zona perche praticamente ci vivo… e ti sono venuti benissimo!!!

    Rispondi
    • Le ricette di Libellula
      3 marzo 2014 at 00:39 (3 anni ago)

      Grazie 🙂 Sono troppo buoni!

      Rispondi
  8. Mary Vischetti
    3 marzo 2014 at 16:22 (3 anni ago)

    Sono felice di poter conoscere il tuo blog grazie alla rubrica Abruzzo in tavola! Dal prossimo mese, avrò il piacere di pubblicare anch’io una ricetta…sono emozionatissima!! I tuoi sassi d’Abruzzo sono deliziosi, io li adoro!! Mi iscrivo subito tra i tuoi lettori per poterti seguire da vicino!! Un caro saluto, Mary di Unamericanatragliorsi

    Rispondi
    • Le ricette di Libellula
      3 marzo 2014 at 16:41 (3 anni ago)

      Grazie mille Mary! E benvenuta tra noi 🙂

      Rispondi
    • Le ricette di Libellula
      20 marzo 2014 at 11:47 (3 anni ago)

      Grazie 🙂 Poi fammi sapere!

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *




*