Spaghettini capesante e radicchio tardivo

Spaghettini capesante e radicchio tardivo di Treviso. Un primo piatto appetitoso ed invitante che oggi ha rallegrato la mia tavola. L’idea era di accompagnare le capesante alle zucchine, ma siccome l’abbinamento con le zucchine è un’idea supersfruttata (qui una ricetta) e non è ancora stagione di zucchine, cerco di trovare un’altra soluzione…Apro il frigo, nel cassetto delle verdure c’è un piccolo cespo di radicchio tardivo che sembra guardarmi….. Perché non provare ad abbinarlo alle capesante? Detto fatto! Esperimento riuscito! Le meravigliose conchiglie si sposano benissimo con il radicchio…Un tocco di timo profuma il tutto e….in tavola!

Spaghettini capesante e radicchio tardivo - Così cucino io
Spaghettini capesante e radicchio tardivo – Così cucino io

Ingredienti (per 2 persone):

160 gr. di spaghettini

4 capesante

un piccolo cespo di radicchio tardivo

mezzo spicchio d’aglio

una presa di sale

un pizzico di pepe

mezzo bicchiere di vino bianco secco

q.b. di olio extravergine di oliva

una noce di burro

mezza foglia di alloro

un cucchiaio di prezzemolo tritato

un ramoscello di timo fresco

 

Togliere dalla conchiglia, pulire e lavare bene le noci delle capesante e asciugarle con carta da cucina.

Scaldare in una padella un filo di olio extravergine di oliva, rosolarvi le capesante, bagnarle con il vino, farlo evaporare, unire l’alloro e cuocerle per qualche minuto. Insaporire con sale e pepe, tagliare le capesante a dadi, spegnere il fuoco e tenerle da parte.

Soffriggere dolcemente, in un’altra padella, l’aglio con poco olio extravergine di oliva, unire il radicchio lavato e fatto a pezzettini, farlo appassire per pochi minuti, aggiungere sale e pepe e mescolarlo alle capesante.

Cuocere gli spaghettini al dente, scolarli, versarli nella padella con il condimento alle capesante e spadellare per qualche minuto, aggiungendo, una noce di burro e, se necessario, poca acqua di cottura della pasta.

Spolverare di prezzemolo tritato, profumare con poco timo fresco e servire…..

Buon appetito!

 Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  COSI’ CUCINO IO

 

 

 

 

 
Precedente Strudel salato di spinaci ricotta e prosciutto Successivo Bevarasse saltae (cape o vongole in padella)

Lascia un commento