Pane integrale Dukan per il consolidamento (ricetta lievitata)

Avete raggiunto il giusto peso seguendo la Dukan? Oppure semplicemente volete una ricetta leggera e sana per preparare il pane? Eccovi accontentati con il pane integrale Dukan!

Io devo confessarvi che, quando ho terminato la dieta ed ho iniziato la lunga fase del consolidamento (che dura 10 giorni per ogni chilo perso), ho avuto come primo pensiero quello di tornare a mangiare il pane “vero” (perchè esiste anche un pane Dukan, ve ne parlerò in un prossimo post)!

Per prepararlo, ho seguito la ricetta di Giallozafferano, diminuendo la parte di olio per ragioni di dieta, ma il risultato è ugualmente buonissimo.

Ricordate che in fase di consolidamento il pane è consentito nella misura di 50 grammi al giorni e di sola farina integrale: nell’edizione del libro di Pierre Dukan che avevo letto io, in realtà, si parlava di due fette al giorno (da consumare nello stesso pasto), però se decidete di fare il pane in casa, sappiate che una fetta è pari a 50 grammi.

Vi domanderete perchè fare il pane in casa: perchè così sarete certi di limitare il contenuto dell’olio e dello zucchero e di non aggiungere altro che farina integrale, acqua, sale e lievito.

E poi, come vi ho già detto nel mio post sul pane di Altamura, preparare il pane in casa dà una grande soddisfazione!

Allora, siete pronti a panificare con me? Seguitemi in cucina!

Ingredienti:

  • 500 grammi di farina integrale;
  • mezzo cubetto di lievito di birra;
  • 300-350 ml di acqua tiepida;
  • un cucchiaio di olio extravergine di oliva, più un cucchiaino per ungere la ciotola (io ho usato l’olio novello del Frantoio Moro);
  • 1 cucchiaino raso di zucchero (è indispensabile per favorire la lievitazione);
  • 10 grammi di sale (io ho usato il sale iodato Gemma di Mare).

Se lavorate a mano, sciogliete il lievito in una parte di acqua, poi disponete la farina sul piano di lavoro, fate un buco al centro, mettetevi il lievito sciolto, lo zucchero, l’acqua restante e l’olio e iniziate ad impastare, dopo qualche minuto aggiungete il sale e proseguite nell’impasto, fino ad ottenere una palla abbastanza soda.

Se avete il Bimby, questa fase inziale si semplifica molto: non dovete fare altro che mettere tutti gli ingredienti nel boccale e impastare per 3 minuti a velocità Spiga.

Mettete l’impasto ottenuto in una ciotola pennellata di olio,  copritelo con la pellicola trasparente e mettetelo a lievitare nel forno spento, ma con la luce accesa, per almeno due ore.

Terminata questa fase, sgonfiate l’impasto, che sarà raddoppiato di volume e dategli la forma di un filone, cercando di tenerlo di spessore alto (perchè dovrà lievitare ancora e in questa fase tenderà a sgonfiarsi).

Quindi mettete il vostro filone su una leccarda da forno rivestita di carta forno, copritelo con una ciotola capovolta e lasciatelo lievitare per un’altra ora nel forno spento, ma con la luce accesa.

A questo punto, il pane sarà ancora una volta raddoppiato di volume: toglietelo dal forno, che accenderete a 180 gradi in modalità ventilata, e praticate dei tagli sulla superficie per favorire l’ulteriore lievitazione in forno.

Cuocete per circa 50 minuti, finchè la superficie non sarà ben dorata.

Un consiglio pratico: potete suddividere il pane quando sarà ben raffreddato in porzioni da 50 grammi e surgelarle; per consumarle, sarà sufficiente scongelarle nel microonde.

Ovviamente, se preferite, dopo la prima lievitazione, invece dalla pagnotta, potrete formare anche dei panini: ne vengono circa una decina (di pezzatura intorno ai 50 grammi). In questo caso, dopo la seconda lievitazione, dovete cuocerli in forno per circa 40 minuti, con le stesse modalità previste per la pagnotta (180 gradi in modalità ventilata).

Ecco il mio pane integrale Dukan:

pane integrale

Se vi piacciono le mie ricette, vi aspetto su FacebookTwitter e Pinterest!

Lascia un commento