Variabilicontaminazioni.blog

L’ortica…Una sana abitudine nel piatto

L’ortica…una sana abitudine nel piatto.

Parliamo di Ortica Urtica dioica L.

L’ortica è una pianta nota a tutti, soprattutto si conosce il suo potere urticante. Per lenire il prurito si può utilizzare del bicarbonato, sarebbe meglio non grattarsi per non aumentare l’intensità. Pianta infestante e diffusa, cresce su terreni ricchi di azoto. L’ortica è un’erba preziosa utilizzata sin dall’antichità a scopi curativi e sono emerse testimonianze di un suo utilizzo già nel 300 a.C. soprattutto per curare i morsi di serpente e le artriti.

Proprietà dell’ortica…Una sana abitudine!

Ricca di proprietà medicamentose, sia per uso esterno che uso interno. L’ortica trova spazio anche nella cura della nostra bellezza, ottimo antiforfora e rinforzante dei nostri capelli. Diuretica e antinfiammatoria.

I semi dell’ortica sono ricchi di acidi grassi insaturi (acido linoleico, fitostimoline, fitormoni). Indicata per problemi di astenia e debolezza

Utilizzo dell’ortica…non solo nel piatto

Coraggiosamente qualcuno ha ricominciato a macerarla in acqua oppure a secco per ricavarne delle robuste fibre da tessere, il macerato si può anche utilizzare nell’orto come fertilizzante; è un prodotto naturale, che contiene acido formico e acido salicilico, due sostanze molto efficaci contro insetti e parassiti orticoli.

L’ortica…Una sana abitudine nel piatto

Viene utilizzata in cucina per molteplici preparazioni Risotto all’ortica, prelibati flan selvatici, frittate, ripieni per ravioli e paste al forno…Insomma utilizzare l’ortica in cucina è uno spasso!

Trascrivo le mie emozioni in poesie…

Se vuoi conoscerle, potrebbe interessarti la mia raccolta…Mille nuovi germogli

Oppure Con la mente danzante…

Ma potrebbe interessarti anche questo...La natura al servizio dei nostri malanni

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Enza Squillacioti

Enza amante della vita all’aria aperta e della natura da cui trae ispirazione per i suoi hobby Da pochi anni ha smesso di cucinare, pur restando con la testa e il cuore nel mondo del cibo. Specializzata nella cucina tipica piemontese, rustica. Ha collaborato come coach organizzando corsi di cucina. Appassionata di erbe spontanee mangerecce che utilizza e risalta nelle sue preparazioni La passione e la ricerca del buon cibo fanno da base. Coltiva il suo orto, con una particolare attenzione alle erbe aromatiche, alleva le sue ”polle” per avere uova fresche. Insieme al marito ha trasmesso la stessa passione ai figli che conducono le proprie aziende agricole, con allevamento ovino e caprino e produzione di formaggi e carni. Nasce o meglio rinasce come autrice, in tempo di “clausura” dovuti a molteplici fattori. Scrive e descrive con passione; le sue poesie raccontano stati d’animo e sensazioni. Non sempre elaborati sulla propria persona, ma come riflesso della nostra società. Un gioco di parole, consapevole a volte ripetitivo, poiché innamorata delle parole stesse. Riporta ciò che la circonda, nella quotidianità, tra la folla o semplicemente nelle sue peregrinazioni nella natura. Solitaria seppur estroversa, poliedrica nei suoi interessi, che mette in risalto in momenti alterni; tutti legati da un filo conduttore, il legame con la terra e le emozioni; che interagiscono con il plasmare forme ceramiche o legnose oppure circondarsi di sassi e forme naturali. Confluisce la stessa passione nel rapporto con le erbe, le piante e la cucina, passando per la musica i libri e la curiosità… Nel tempo libero si occupa di trascrivere il suo mondo sul blog Variabilicontaminazioni.blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »