Salsa tzatziki – ricetta greca

Salsa tzatziki, una salsa fredda di origine greca, preparata con yogurt, cetriolo e aneto. Io l’ho provata la prima volta in vacanza in una delle isole greche e mi è piaciuta subito, lì la servono con la pita, come antipasto, o per accompagnare le portate principali, costituite da carne o pesce  e insalata. Certo la cucina greca è molto ricca e varia, non c’è la pasta, ma la moussaka la sostituisce egregiamente, una sorta di lasagna preparata con melanzane e patate, poi c’è la feta, un tipico formaggio di capra, che arricchisce i piatti ed è buonissima. Io adoro la pita gyros, tanto che la preparo spesso a casa, è un classico cibo di strada, si acquista nei chioschetti lungo le vie turistiche, preparato tipo il kebab, con la pita greca, ma da quando io ho scoperto i panini naan allo yogurt, uso quelli per una versione veloce e casalinga, senza lievito è un attimo prepararli. Ritorniamo in Italia, che mi sta già venendo voglia di partire, vi dò qualche idea per servirla. La salsa tzatziki è ottima con le insalate, o per accompagnare un aperitivo, da servire con dei crostini, o delle semplici bruschette con salsa e magari anche due pomodori. E’ ottima per arricchire il gusto della carne alla griglia o pesce arrosto. In Grecia molto spesso ti servono i souvlaki di maiale o di pollo, accompagnati con questa deliziosa salsa, ma anche nella pita gyros molto frequente si usa la salsa tzatziki per renderli più golosi, assieme ad una salsa calda al curry.

Se vuoi ricevere le  mie ricette seguimi anche sulla mia pagina FACEBOOK, sugli altri social e sul mio canale Youtube Ornella Scofano Ricette che Passione.

  • Preparazione: 5 Minuti
  • Cottura: 0 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 4 Persone
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • Yogurt greco 150 g
  • Cetriolo (anche sott'aceto) 1
  • Succo di limone 1/2
  • Aglio 1 spicchio
  • Aneto (sostituibile con finocchietto selvatico o menta fresca) 1 mazzetto
  • Olio di oliva 2 cucchiai
  • Sale q.b.
  • Curry (facoltativo) q.b.

Preparazione

  1. salsa tzatziki

    Preparare la salsa tzatziki è semplicissimo, ma siccome usiamo il cetriolo, fondamentale per la ricetta, occorre preparare con un po’ di anticipo il cetriolo grattugiato, in modo che rilasci tutta l’acqua di vegetazione, ma vi consiglio di preparare comunque con anticipo la salsa, così gli ingredienti si mescolano bene, combinandosi in una salsa dal gusto ricco. Ideale è aggiungere il cetriolo solo prima di servirla.

  2. Cominciamo quindi a preparare il cetriolo. Lo laviamo, lo peliamo, tagliamo le due estremità e le strofiniamo al cetriolo, pare aiuti a togliere un po’ di amaro, nel caso il cetriolo abbia un gusto amaro, ma non è detto che tutti lo abbiano.

  3. Grattugiamo il cetriolo, lo saliamo, mescoliamo, e lo trasferiamo in un colino all’interno di una ciotola, in modo che possa gocciolare e perdere liquidi. Lasciamo così almeno per mezz’ora, il sale velocizza questa fase, ma non usatene troppo altrimenti la salsa viene salata. Possiamo anche tagliare il cetriolo a dadini molto piccoli, oppure possiamo usare quelli sott’aceto, sicuramente rilasceranno meno acqua di vegetazione, io ho avuto modo di provare in Grecia un buon tzatziki proprio con cetriolini all’aceto.

  4. Quando il cetriolo ha perso buona parte dei liquidi procediamo a preparare la salsa tzatziki. In una ciotola mettiamo lo yogurt con il cetriolo grattugiato ben strizzato, aggiungiamo del succo di limone, io ne metto meno di metà, ma è meglio regolarsi a gusto proprio, mettiamo uno spicchio d’aglio tritato finemente, meglio con lo schiaccia aglio, così è più fine. Mescoliamo bene, e aggiungiamo anche l’aneto, che abbiamo in precedenza lavato e lasciato asciugare. Lo mettiamo tritato finemente, renderà ancora più buona la nostra salsa che completiamo con un paio di cucchiai di olio a filo, mentre mescoliamo, poi conserviamo in frigo fino al momento di servirla. non c’è un ordine preciso di miscelare insieme gli ingredienti, il più è usare un cetriolo ben strizzato, e adeguare il gusto a proprio gusto. Vi consiglio di non usare troppo aneto, o usatene poco se è tanto profumato, il suo odore deve rimanere quasi impercettibile, più deciso deve essere quello dell’aglio, ma io ne uso si e no uno spicchio, perchè una volta messa a riposo la salsa si insaporisce ulteriormente.

  5. A me piace aggiungere anche una spolverata di curry, che mi porta più vicino ai profumi e ai sapori orientali. Basta alla fine una bella spolverata, mescoliamo e conserviamo fino al momento di servire. Si conserva in frigo per un giorno, massimo due.

  6. Se non avete l’aneto potete sostituirlo con un po’ di erbette diverse, menta fresca, o erba cipollina, va bene anche finocchietto selvatico, le cime più tenere.

Note

Precedente Lasagne Bianche al Salmone Affumicato Successivo Torta di Fave e Ricotta con Pasta sfoglia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.