Crea sito

Risotto al cavolo rosso con stracchino

Risotto al cavolo rosso con stracchino, un primo piatto semplice da preparare, dal gusto raffinato, perfetto per i menù di tutti i giorni, ma vi garantisco che se decidete di prepararlo in particolari occasioni, per le feste, o con ospiti a pranzo o a cena, farete un figurone. Il cavolo rosso poi gli da questa meravigliosa colorazione che lo rende ancora più invitante. Il gusto del risotto al cavolo rosso è delicato, mantecato non con il solito burro e parmigiano ma con stracchino, il che lo rende un piatto speciale, perfetto anche come base per un risotto più complesso, con aggiunta di crostacei, ma già così è buonissimo, vediamo come prepararlo.

Ti ricordo che se vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti con le mie nuove ricette seguimi sulla pagina FACEBOOK.

  • Preparazione: 45 Minuti
  • Cottura: 45 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 2 Persone
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • Riso Arborio 160 g
  • Cavolo rosso 1/2
  • Stracchino 100 g
  • Carote 1
  • Sedano 1 costa
  • Cipolle rosse di Tropea 1
  • Olio di oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Vino bianco (Facoltativo) q.b.
  • Aceto di vino bianco q.b.

Preparazione

  1. risotto al cavolo rosso con stracchino

    Cominciamo a mettere sul fuoco il brodo per il risotto. Mettiamo subito la pentola con l’acqua, almeno 3 litri. Poi prepariamo le verdure per il brodo, la carota pelata, sedano e cipolla, tagliati a pezzi grossolani, li laviamo e li mettiamo a cuocere nell’acqua. Portiamo a bollore il brodo. Lasciamo un po’ di cipolla per un soffritto col cavolo rosso.

  2. Tritiamo più fine la cipolla da rosolare nella pentola con un filo d’olio. La lasciamo a fuoco dolce, intanto tagliamo il cavolo rosso. Lo tagliamo minuto, ne basta metà di uno piccolo, circa 300 g. Lo laviamo in un colapasta e lo mettiamo a cuocere in pentola con il soffritto di cipolla.

  3. Dopo aver rosolato un attimo il cavolo rosso aggiungiamo un paio di mestoli di brodo caldo, copriamo e lasciamo cuocere circa un quarto d’ora fino a far asciugare completamente il brodo.

  4. Aggiungiamo al cavolo asciutto il riso e lo tostiamo un attimo, cominciamo poi ad allungare col brodo, aggiungendone uno-due mestoli per volta, fino a portarlo a cottura. Se vi piace, potete sfumare con un po’ di vino bianco prima di aggiungere il brodo. Un trucchetto per riaccendere il colore, a fine cottura aggiungiamo qualche goccia di aceto, che lasciamo evaporare a fuoco alto, vedrete che il risotto si colorerà di un bel viola acceso.

  5. Ultimata la cottura a nostro gusto, più o meno al dente, più o meno asciutto, mantechiamo con lo stracchino, a fuoco spento. Solo adesso aggiustiamo di sale e pepe, una bella spolverata di pepe appena macinato.

    Se ci accorgiamo che il risotto è troppo asciutto, mentre mantechiamo, possiamo aggiungere ancora un po’ di brodo. Serviamo il risotto al cavolo rosso con stracchino dopo averlo mantecato per bene. Non è strettamente necessario servirlo subito, tiene perfettamente la cottura, pertanto può essere anche preparato in anticipo, scaldato alla fine, anche con un po’ di brodo, mantecato ora, o anche prima, magari per scaldarlo in un attimo al microonde, anche già impiattato, il gusto non cambi, anzi è così buono, anche dopo, io l’ ho provato scaldato al microonde, ne avevo preparato una porzione in più.

Note

Pubblicato da ricettechepassione

Appassionata di cucina con un pizzico di novità anche nella cucina tradizionale, non solo in quella calabrese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.