Trippa al sugo

Trippa al sugo

Kcal 450 a persona

Oggi la trippa al sugo costituisce un alimento tradizionale di molte regioni d’Italia, in particolare della cucina romana, toscana e milanese, viene tagliata a strisce e quindi cotta in maniere diverse.

Per lo più la trippa viene venduta già lavata e parzialmente cotta, e richiede poi un ulteriore tempo di cottura sia per acquistare la giusta morbidezza sia per potersi impregnare degli aromi che le conferiscono un sapore appetitoso.

La trippa in generale la troviamo di colore abbastanza chiaro, ma dovete sapere che più risulta di colore scuretto e più è buona quando l’andrete a cucinare.

Purtroppo, quella in vendita al supermercato la sbiancano tantissimo e risulta quasi bianca, ma se avete modo di acquistarla più scura, di colore un po’ grigio diciamo, poi a casa la dovrete lavare molto bene, ma il sapore è davvero migliore.

Seguite la mia ricetta e vedrete che bontà , sono sicurissima vi piacerà tantissimo.

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    45 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Aglio 2 spicchi
  • cipolla 1/2
  • coste di sedano 2
  • pugno di basilico 1
  • Menta q.b.
  • Salvia q.b.
  • Origano q.b.
  • Pepe (in polvere) q.b.
  • Peperoncino in polvere q.b.
  • Olio extravergine d’oliva 1 cucchiaio
  • Pomodori pelati (a pezzetti) 600 g
  • Trippa di bovino 900 g
  • Parmigiano reggiano (grattugiato) 150 g

Preparazione

  1. In un tegame mettere gli agli e la cipolla tagliati  e farli scaldare per un paio di minuti con l’olio di oliva, poi aggiungere i pelati passati al passa pomodoro, il sedano tagliato piccolo, il basilico a pezzetti e lasciare cuocere per 10 minuti.

    Quando il sugo ha cotto per 10 minuti aggiungere ½ bicchiere di acqua, mettere la trippa (precedentemente tagliata a striscioline)  e aggiungere menta, salvia, origano, pepe e peperoncino a piacere.

    Lasciare cuocere mescolando di tanto in tanto e controllando la cottura.

    Ogni trippa ha cottura diversa, vi consiglio di acquistare quella più scura, perché è più saporita e meno trattata.

    Quando la cottura sarà ultimata dovrà essere abbastanza morbida ma consistente.

    Prima di servire aggiungere  il parmigiano o il pecorino, mescolare, preparare le porzioni nei piatti e aggiungere altro parmigiano o pecorino ad ogni porzione.

    Seguitemi su Facebook Pinterest Twitter G+ Instagram Youtube

    Se volete restare aggiornati iscrivetevi alla newsletter

Precedente Peperoni tondi farciti Successivo Supplì di riso amatriciani

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.