Pizza napoletana con impasto verace, ricetta passo passo


La Pizza napoletana è indubbiamente la pizza più famosa al mondo. Di certo la ricetta casalinga non ha la pretesa di essere come quella delle migliore pizzerie napoletane, tuttavia questa ricetta, con il passo passo, si avvicina molto alla pizza napoletana della pizzeria. Ecco la ricetta della Pizza napoletana con impasto verace, ricetta passo passo.

Ingredienti per 5 pizze: 

400 g di farina 0 (dal W 350)

100 g di farina manitoba

250 ml di acqua a temperatura ambiente

150 g di pasta di riporto (nella ricetta è spiegato cosa è)

1 g di lievito fresco

10 g di sale marino

Per il condimento:

Condimenti a piacere

Procedimento: 

Come prima cosa uniamo le farine in una ciotola (1), tirate fuori dal frigo la pasta di riporto (2) (quest’ultima è un porzione di pasta lievitata di un’impasto precedente messa in un contenitore di vetro e lasciata maturare in frigo almeno 6-7 giorni, se non la si dispone, preparate la pizza senza di essa seguendo comunque la ricetta e lasciate un quantitativo di impasto sufficiente per la volta successiva), inserite l’acqua in una bacinella capiente (3). Se l’acqua è molto ricca di cloro usate l’acqua oligominerale di bottiglia.

1-step

Stemperate il lievito nell’acqua, (4) scioglietelo per bene (5) e quindi aggiungete la pasta di riporto. (6)

2-step

Con le mani sciogliete per bene la pasta di riporto dentro l’acqua (7-8-9), è un passaggio fondamentale. Anche se rimangono dei grumi non importa, l’importante è che si sciolgano almeno i 3/4.

3-step

Aggiungete meta della farina rispetto al totale amalgamando con le mani per bene (10 -11), quando avrete miscelato metà della farina aggiungete il sale (12). Quindi amalgamate il tutto nuovamente.

4-step

Aggiungete l’altra farina man mano facendo addensare l’impasto (13-14) poi quando sarà compatto, riversate il tutto su una spianatoia e lavorate l’impasto (15).

5-step

Quando sarà compatto, lavoratelo per 10 minuti e lasciatelo lievitare per 15 minuti (16) coperto da una ciotola. Superati i 15 minuti della prima lievitazione, allargate l’impasto e fate delle pieghe, due da destra, due da sinistra. (17 -18). Ripetete il processo per ben 3 volte, (cioè fate lievitare dopo la prima piega ulteriori 15 minuti, poi altre pieghe, quindi di nuovo lievitazione per 15 minuti e quindi pieghe). 

6-step

Dopo l’ultima lievitazione, tagliate con un tarocco o un coltello molto affilato l’impasto in 5 porzioni uguali, circa 200 g l’una (19 -20). Se vedete dei cerchi nelle porzioni tagliate allora vuol dire che la procedura è stata eseguita correttamente. (21).

7-step

Con le mani arrotondate le porzioni di pizza (22), mettetele dentro un contenitore infarinato distanziando le palline a circa 2 cm l’una dall’altra (23), copritele con della pellicola e lasciatele lievitare 48 ore in Frigorifero (24).

8-step

Passate 47 ore, togliete l’impasto lievitato dal frigorifero e lasciatelo 1 ora almeno a temperatura ambiente (25). Prendete le palline di pasta lievitate e mettetele su una spianatoia di legno, oppure su carta forno dentro un placca da forno. Allargate con le mani l’impasto, facendo attenzione a non schiacciare il bordo che poi crescerà formando il famoso “cornicione” (26-27).

9-step

Conditela come meglio credete. Io qui la condisco con dei pelati di pomodoro e mozzarella a listarelle. (28 – 29). Mettete la pizza in forno, se usate un forno con la pietra come nel mio caso scaldate al massimo della temperatura, se usate il forno di casa, fate scaldare almeno per 20 minuti al massimo della temperatura al quale arriva e infornate fino a cottura.

10-step

Ecco a voi la ricetta della Pizza napoletana con impasto verace, ricetta passo passo

Continuate a seguirmi anche sulla mia pagina Facebook, cliccando QUI.

Precedente Ravioli tricolore, primo piatto Successivo Sfoglia verde, ricetta base

20 commenti su “Pizza napoletana con impasto verace, ricetta passo passo

  1. vedo che anche tu usi la pasta di riporto! anche io con grosse soddisfazioni soprattutto per il pane che mi viene una meraviglia. Comunque complimenti per la pizza. La proverò sicuramente

  2. carlo milano il said:

    ottimo. una domanda se queta volta nn ho il lievito madre,quanto lievito secco devo mettere sempre 01grammo? grazie carlo

  3. Katia il said:

    Salve intanto complimenti! Volevo chiedere se facendo una teglia unica di pizza il risultato fosse buono lo stesso e in questo caso quali tempi di cottura dovrei usare? Grazie in anticipo!

  4. Cristina il said:

    Ciao, hai detto che usi il forno con la pietra, io ho un forno ventilato con la pietra acquistata a parte a quanti gradi dovrebbe essere il forno?? Riesci a dirmi la temperatura esatta perchè ho già provato altre volte ma pur mettendo al massimo i risultati non sono mai stati quelli desiderati.Grazie

    • Ciao, allora il forno ventilato io non lo uso mai, ancor meno per la pizza. Io lascio scaldare il mio forno fino a 400°C (anche se in realtà non li raggiunge mai) comunque diciamo che se supera i 300°C va bene. Ovviamente calcola che non tutti i forni casalinghi riescono ad arrivare quella temperatura, quindi metti il tuo forno al massimo che riesce a raggiungere e lascialo scaldare bene prima di infornare.

  5. Domenica il said:

    Ciao volevo chiederti la pasta di riporto non è la stessa cosa della pasta madre vero? Cioè se io faccio la pizza con il lievito di birra posso comunque tenerne un pezzo da usarla come pasta di riporto? Comunque ho fatto la pizza seguendo la ricetta solo con il lievito di birra e mi è venuta davvero buona, ho dimenticato di tenere il pezzo, la prossima volta lo terrò da parte e va conservato semplicemente in frigo senza trattamenti particolari? Grazie!

  6. fred il said:

    Buongiorno,

    per la cottura con il forno Ferrari, si mette il termostato sulla quale posizione?

    Ho sempre umidità sulla pizza. Sul video, non c’è nessuno.
    E ‘perché la mia pizza cotta troppo veloce?

    Ho messo la base del termostato. Non ho lo stesso risultato che si

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.