TARALLI NAPOLETANI SUGNA E PEPE

I taralli napoletani sugna e pepe alle mandorle sono lo street food napoletano in assoluto più amato. Friabili, croccanti, saporiti. Impossibile resistere. Una ricetta facilissima che vi consentirà di preparare in casa un aperitivo da veri napoletani. Le ricette tradizionali napoletane sono quasi tutte facili e veloci e tutte sono estremamente saporite.

A Napoli i taralli sugna e pepe li chiamano in dialetto napoletano “taralli ‘nzogna e pepe”. I taralli napoletani ‘nzogna e pepe più amati famosi e desiderati sono quelli di Leopoldo. Ogni essere umano che abbia messo piede a Napoli almeno una volta nella vita sicuramente si sarà imbattuto in uno delle decine di negozi di Leopoldo sparsi in giro per la città è scommetto che sarà stato attratto da quelle ciambelline salate ricche di mandorle che ha visto esposte nelle vetrine.

Ma a Napoli i taralli, a dire la verità, sono buoni un po’ ovunque perciò, anche se non passate da Leopoldo, fermatevi in un qualsiasi negozio e provate i taralli artigianali napoletani. Vedrete che bontà!

Ecco, dopo aver provato i taralli napoletani originali, passate poi a leggere la mia ricetta e preparate voi stessi comodamente a casa i vostri taralli ‘nzogna e pepe. Scommetto che mi ringrazierete per la ricetta!!

I taralli ‘nzogna e pepe sono così chiamati perché nell’impasto, tra gli altri ingredienti, sono contemplati la sugna (o strutto) e il pepe. Sono però conosciuti anche come taralli alle mandorle in quanto sono ricchi di mandorle tostate.

I taralli sugna e pepe napoletani si possono sgranocchiare per strada, come un classico street food (finger food) oppure si possono servire accanto a taglieri di salumi e formaggi per impreziosire un aperitivo o un antipasto con parenti e amici.

Badate bene: i taralli napoletani non sono come i taralli pugliesi, sono proprio tutta un’altra cosa. Non credo sia possibile fare un paragone tra le due tipologie di prodotto, né che si possa stabilire se siano più buoni gli uni o gli altri. Sono due cose diverse, distinte e separate. Entrambe buonissime ed entrambe da provare!

TARALLI NAPOLETANI SUGNA E PEPE ricetta tradizionale con mandorle
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    40 minuti
  • Porzioni:
    15-20 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

Per il lievitino:

  • 100 g Farina 00
  • 80 g Acqua
  • 25 g Lievito di birra
  • 1 cucchiaino Zucchero

Per l’impasto dei taralli napoletani:

  • 420 g Farina 00
  • 100 g Acqua
  • 170 g Strutto (o sugna)
  • 20 g Sale fino
  • 3-4 g Pepe nero (macinato)
  • 1 cucchiaino Miele
  • 150 g Mandorle (tostate)

Per decorare:

  • 150 g Mandorle (tostate)

Preparazione

Preparare il lievitino

  1. Sciogliere il lievito di birra fresco in acqua tiepida e zucchero. Farlo riposare per 10 minuti in modo che si attivi. Per scoprire tutti i segreti della attivazione del lievito di birra cliccare QUI .

     

  2. In una scodella versare la farina ed aggiungere il lievito attivato. Impastare il tutto, coprire con la pellicola trasparente e far riposare il lievitino così ottenuto per 60 minuti a temperatura ambiente.

Preparare l’impasto dei taralli napoletani

  1. Nella scodella del lievitino, unire anche gli ingredienti dell’impasto. Ossia aggiungere la farina, le mandorle tritate abbastanza finemente, lo strutto (o sugna), l’acqua tiepida, il sale, il pepe e il miele e lavorare pochissimo l’impasto, giusto il tempo di ottenere un composto omogeneo.

  2. TARALLI NAPOLETANI SUGNA E PEPE ricetta tradizionale con mandorle

Formare i taralli napoletani sugna e pepe

  1. Dividere l’impasto in tante porzioni di circa 40-50 g ciascuna.

  2. Da ciascuna porzione ricavarne un tubicino (un cilindro) lungo circa 20 centimetri.

  3. Accostare le estremità di due filoncini ed attorcigliere ciascun filoncino intorno all’altro. Infine chiudere a ciambella i filoncini intrecciati in modo da ottenere un tarallo rotondo.

  4. TARALLI NAPOLETANI SUGNA E PEPE ricetta tradizionale con mandorle

    Adagiare il tarallo napoletano sugna e pepe così ottenuto in una teglia rivestita di carta forno.

  5. Ripetere il procedimento per tutti i taralli sugna e pepe fino ad esaurimento dell’impasto.

  6. Decorare infine la superficie dei taralli con le mandorle tostate intere oppure spezzate grossolanamente. E’ importante bagnare le mandorle prima di usarle come decorazione dei taralli in modo che si attacchino ai taralli stessi. Se si utilizzano mandorle non bagnate, queste non si attaccheranno alla superficie dei taralli napoletani e durante la cottura si staccheranno completamente.

Far riposare i taralli napoletani sugna e pepe

  1. Coprire i taralli con un panno e farli riposare a temperatura ambiente per 2-3 ore. Il riposo non è importante ai fini della lievitazione (i taralli non lieviteranno o comunque lieviteranno pochissimo), ma è importante che riposino in quanto l’impasto ha bisogno di un po’ di tempo per raggiungere la giusta consistenza.

Cuocere i taralli sugna e pepe

  1. Infornare i taralli napoletani alle mandorle in forno già caldo a 180°C per circa 40-50 minuti o comunque fino a che non saranno ben dorati.

  2. Sfornare i taralli napoletani alle mandorle e farli intiepidire oppure raffreddare prima di servirli.

  3. Se chiusi in un contenitore ermetico, i taralli alle mandorle napoletani si conservano croccanti per più giorni.

  4. Per non perdere nessuna ricetta visitate anche la mia pagina facebook L’inventaricette, In cucina con Maria

Precedente LINGUA DI MAIALE ALLA GENOVESE Successivo PAN D'ARANCIO

2 commenti su “TARALLI NAPOLETANI SUGNA E PEPE

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.