Crea sito

Pane di semola con lievito madre cottura frigo forno

Pane di semola con lievito madre cottura frigo forno…
Il pane è la mia passione, farlo mi rilassa e mi da grande soddisfazione, qui dalle mie parti il pane casereccio, il mio preferito, si prepara con la semola rimacinata di grano duro ed il lievito madre ed il gusto è davvero unico ed eccezionale .
Oggi lo prepareremo insieme, ne faremo uno rustico, ad alta idratazione e lunga lievitazione con lievito madre e lo cuoceremo seguendo la tecnica di cottura “frigo-forno”, che ci regalerà un prodotto finito alto, alveolato, con una deliziosa crosta e una fragranza eccezionale…
Siete pronti? Armatevi di pazienza allora e il risultato sarà un sicuro successo!!!

  • DifficoltàMedio
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione18 Ore
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni1,8 kg di pane
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1.150 kgFarina di semola rimacinata (di grano duro)
  • 1 kgAcqua
  • 30 gSale
  • 150 gLievito madre
  • 2 cucchiainiMalto o miele

Strumenti

  • Planetaria
  • Pietra refrattaria

Preparazione

  1. Rinnovate il lievito madre e tenetelo al calduccio, nella foto potrete vederlo ben lievitato e maturo.

  2. Dedicatevi alla farina con il quale preparerete il pane.

    Versatene nella ciotola della planetaria 1kg insieme a 550 g d’acqua, impastate grossolanamente e mettete da parte per un’oretta.

    Trascorso il tempo aggiungete il resto dell’acqua, il lievito madre spezzettato, il sale, il malto e lasciate partire la macchina a media velocità.

    Lavorate per circa 15 minuti, l’impasto comincerà a diventare elastico anche se ancora troppo “liquido”, aggiungete il resto della farina e aumentate la velocità

    Quando vedrete un impasto elastico, coeso, sodo, asciutto e che si stacca dai bordi della ciotola, potrete rivoltarlo su una spianatoia.

  3. Fate una bella palla, spostatela su una teglia e riponetela in forno con luce accesa per due ore, questo passaggio asciugherà la massa, gli farà prendere consistenza e farà partire la lievitazione.

    Trascorso il tempo riprendete l’impasto, si sarà allargato tutto nella teglia, ma è normale, dividetelo in due parti e formate due palle.

  4. Infarinate la spianatoia, allargate la prima pagnotta e arrotolatela su se stessa formando un cilindro, girate il cilindro di 90°C, posizionatelo con il lato corto verso di voi, allargatelo un po’ e arrotolatelo nuovamente ben stretto.

    Ripetete con l’altra forma di pane.

  5. Infarinate benissimo le due ceste per lievitazione e anche le pagnotte, esagerate con la farina.

    Posizionate il pane nelle ceste, con la parte dove l’impasto si chiude rivolta in alto.

    Riponete in forno con luce accesa per 2 ore, trascorso il tempo vedrete che l’impasto avrà iniziato la sua lievitazione.

    Copritelo con pellicola e spostatelo in frigo, posizionandolo a metà altezza.

    Lasciate lievitare fino a che l’impasto non sia raddoppiato di volume, ci potrebbero volere circa 12 ore, tempo comunque molto variabile.

    A raddoppio avvenuto, accendete il forno alla massima temperatura, posizionate una pietra refrattaria a metà altezza e lasciatela scaldare per almeno 30 minuti.

    Rivoltate il pane su un vassoio infarinato o una pala.

  6. Con una lametta fate delle profonde incisioni a piacere (eviterete che nel pane si formino delle antiestetiche crepe durante la cottura) e lasciate scivolare con delicatezza la pagnotta sulla refrattaria calda.

    (Da quando rivoltate il pane sulla pala a quando lo infornerete dovrete essere velocissimi, eviterete che si appiattisca troppo).

    Cuocete in modalità preferibilmente ventilata alla massima temperatura per i primi 40 minuti, poi abbassate gradatamente per i successivi 15-20.

    Trascorso il tempo, prendete un pane con l’aiuto di una presina e bussate sul fondo, se farà un bel suono cavo, spegnete, rimettetelo dentro lasciatelo raffreddare con calma con il forno leggermente aperto.

  7. Il nostro pane delizioso è pronto, in inverno basterà tenerlo avvolto in un panno di cotone e si manterrà benissimo per due o tre giorni, in estate purtroppo tenderà a seccarsi prima, ma non consiglio di conservarlo in buste di plastica, si rovinerebbe, meglio porzionarlo e congelarlo per utilizzarlo al bisogno.

    Grazie del tempo che mi avete dedicato, spero che la ricetta vi sia piaciuta e vi invito a visitare la mia pagina facebook , dove troverete molte idee stuzzicanti e se lascerete il vostro like resterete aggiornati su tante nuove e golose preparazioni!

    Seguitemi anche:

    su pinterest ,

    su instagram

    e su twitter,  

    troverete anche li le mie ricette!

    Inoltre se volete ricevere un messaggio su Facebook con gli aggiornamenti su ogni nuova ricetta, clicca QUI e seleziona il tasto ISCRIVITI.

    Da qui, potrai tornare alla HOME e scoprire le nuove ricette!

    Mafalde siciliane pane di semola rimacinata;

    Cucciddatu pane di semola rimacinata di grano duro;

    Panini al latte sofficissimi ;

    Pane di semola a pasta dura con lievito madre;

    Pane di semola alla noci ad alta idratazione con lievito madre;.

Note

La semola rimacinata se ben lavorata, idratata e incordata, regge benissimo le lunghe lievitazioni.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ilcaldosaporedelsud

Salve, mi chiamo Fernanda, sono siciliana di Catania e sono nata nel 1980. Ho uno splendida brigata composta da mio marito e tre meravigliosi figli. Quando mi annoio o sono triste non perdo tempo, faccio le svolte alle maniche e poi di corsa in cucina a preparare qualcosa di buono e sfizioso. Nel mio blog troverete un ampia varietà di ricette, dalle più semplici alle più elaborate, dalle più golose a quelle più giornaliere per approntare un pasto in maniera semplice, pratica e gustosa, ma troverete anche ricette light per quando occorre rimettersi in forma... Insomma, un diario di cucina adatto ad ogni esigenza, che aspettate allora? Andiamo in cucina e prepariamo insieme qualcosa di buono!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.