Recent Posts

Crostata di Mele Granny Smith, fichi e zenzero

Crostata di Mele Granny Smith, fichi e zenzero

Crostata di mele Granny Smith, confettura di fichi e zenzero, una crostata che ha fatto innamorare tutto il vicinato con il suo profumo e il sapore estasiante.Semplice da preparare e scenografica da portare in tavola è l’ideale per quando si hanno ospiti e nel weekend.E’ 

Pane integrale 60% idratazione

Pane integrale 60% idratazione

In questi giorni sto sperimentando dei nuovi impasti di panificazione e più precisamente di pane integrale. Sto realizzando diverse pagnotte con differenti percentuali di idratazione e diversi lieviti: pasta madre e li.co.li.La pagnotta che vedete in foto è la prima che ho preparato ed è 

Caponata siciliana con peperoni

Caponata siciliana con peperoni

La Sicilia è famosa per i suoi sapori unici e uno dei suoi tesori culinari è la Caponata con peperoni, un mix di colori, profumi e sapori che fanno innamorare.
Una combinazione di melanzane, pomodori, peperoni, cipolle, olive e capperi vengono cotti in una salsa agrodolce. Il risultato? Un’esplosione di gusto ad ogni boccone.
E’ un piatto talmente versatile che si adatta a tutte le occasioni. Si può servire come antipasto su crostini croccanti o come contorno da accompagnare a carne e pesce e anche farcirci i panini.
Se avete in programma un viaggio in Sicilia godetevi quella autentica ma nel frattempo, vi lascio la ricetta per prepararla a casa.
Per ottenere il meglio dalla Caponata preparatela un giorno prima perché il segreto per ottenere un Caponata gustosa e irresistibile è nel riposo necessario per far amalgamare i sapori alla perfezione.

caponata con peperoni
  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti

500 g melanzane
1 peperone giallo
100 g cipolle bianche
120 g sedano
130 g pomodorini
2 cucchiai concentrato di pomodoro (scarsi)
100 g olive verdi (denocciolate)
25 g capperi (in salamoia o dissalati)
25 g zucchero
25 g aceto di vino bianco
q.b. pinoli (tostati)
q.b. basilico
q.b. olio extravergine d’oliva
q.b. sale
q.b. peperoncino Jalapeño (in fiocchi)

Strumenti

1 Padella
1 Coltello
2 Ciotole
1 Colino
Carta paglia
1 Pentolino
1 Canovaccio

Passaggi

Prepariamo, prima di tutto, gli ingredienti.

Spuntiamo le melanzane, tagliamole a cubetti e mettiamole a riposare in acqua e sale per 30 minuti.
Laviamo bene le coste di sedano, eliminiamo i filamenti e riduciamole a cubetti.
Mondiamo i peperoni rimuovendo i semi e le parti bianche poi riduciamoli a pezzi.
Spelliamo e affettiamo la cipolla e riduciamola pezzetti.
Laviamo, asciughiamo i pomodorini e tagliamoli in 2 o in 4 a seconda della grandezza.
Teniamo tutto da parte.

Trascorso il tempo di riposo delle melanzane, scoliamole e sciacquiamole bene sotto l’acqua corrente poi trasferiamole su un canovaccio e tamponiamole per bene.
Friggiamole in abbondante olio poi preleviamole co una schiumarola e mettiamole su carta paglia a scolare dell’olio in eccesso.
In un pentolino di acqua sbollentiamo il sedano per 5 minuti senza fargli perdere troppo la croccantezza. Scoliamolo e mettiamolo nella stessa ciotola della cipolla.
Scaldiamo un poco di olio in una padella e facciamoci soffriggere il sedano e la cipolla.
Quando si saranno dorati aggiungiamo le melanzane e lasciamo cuocere per 4-5 minuti poi uniamo anche peperoni e i pomodorini. Saliamo e lasciamo insaporire per una decina di minuti.

caponata con peperoni

Aggiungiamo anche le olive tagliate a metà, i capperi e i pinoli. Lasciamo insaporire per qualche minuto.
Uniamo l’aceto, lo zucchero e il concentrato di pomodoro.
Mescoliamo bene, aggiustiamo di sale e se lo gradiamo aggiungiamo anche un poco di peperoncino.
Lasciamo che tutto si amalgami bene per qualche minuto e spegniamo la fiamma.
Profumiamo il tutto con il basilico fresco.
Trasferiamo la caponata in una ciotola grande, copriamola con la pellicola e lasciamola riposare in frigo per almeno 2 ore. Ideale sarebbe lasciarla riposare fino al giorno seguente.
La nostra caponata con peperoni siciliana è pronta da servire in tavola accompagnata da un buon vino.

caponata con peperoni

Conservazione

La caponata si conserva in frigorifero chiusa in un contenitore in vetro per 3 giorni

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Cheesecake “Barbie fascino rosa”

Cheesecake “Barbie fascino rosa”

“Barbie: L’ icona che Incanta il Cinema da oggi delizia anche il palato con la mia Cheesecake fascino rosa!” In questo periodo, ovunque si giri, c’è un ronzio di eccitazione per il nuovo film dedicato all’icona più rappresentativa di sempre: Barbie!La bambola che ha catturato 

Tagliolini tartufo e porcini

Tagliolini tartufo e porcini

Oggi, tagliolini tartufo e porcini.Umbria, terra d’incanto e tradizione dove la magia dei boschi si sposa con i sapori più autentici, dove i piatti con tartufo e porcini regalano emozioni uniche. In cucina questi doni della terra diventano opere d’arte.Il tartufo con la sua fragranza 

Sciroppo di fiori di sambuco

Sciroppo di fiori di sambuco

Da Maggio a Giugno gli alberi di snuco.si riempiono di fiori bellissimi e buonissimi com i quali si possono realizzare frittelle, risotto e uno sciroppo speciale con il quale preparare cocktail e bevande fresche e dissetanti. Lo sciroppo dal sapore delicato e sfizioso andrà diluito in acqua prima di essere consumato: 2 cucchiai in un bicchiere di acqua. Puoi essere utilizzato anche per bagnatelo torte e Pan di Spagna.

La preparazione è semplice ma è assolutamente necessario sterilizzare i vasetti prima di riporli con lo sciroppo.

Se non si realizza il sottovuoto i vasetti si conservano in frigo per due settimane, con il sottovuoto possono stare in dispensa per 6 mesi. Vediamo come preparare lo sciroppo.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni3 barattoli medi
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàPrimavera

Ingredienti

22 fiori di sambuco
5 limoni (Bio)
600 ml Acqua
1.1 kg zucchero semolato
1 cucchiaino aceto di mele

Strumenti

1 Casseruola
1 Colino
3 Vasetti
1 Coltello

Passaggi

Iniziamo sciacquando delicatamente i fiori di sambuco in acqua fredda e mettiamoli ad asciugare su un canovaccio pulito e asciutto. Stacchiamo i rametti più grandi e mettiamoli in una ciotola. Tagliamo i limoni a fette.

In un barattolo con chiusura ermetica alterniamo fette di limone e fiori di Sambuco. Ricopriamo il tutto con acqua fresca, chiudiamo il barattolo e lasciamo macerare due giorni. Pigiami bene in modo che i fiori siano ben ricoperti di acqua e se la abbiamo a disposizione mettiamo un pressino in plastica si quelli per le confetture.

Trascorso il tempo di riposo filtriamo il liquido con un colino in modo da eliminare tutti i fiorellini e il limone. In una casseruola bolliamo il liquido con lo zucchero e l’aceto di mele e lasciamo che lo zucchero si sciolga completamente. Raggiunto il bollore abbassiamo la fiamma e facciamo cuocere circa 10 minuti.

Versiamo lo sciroppo ancora bollente nei vasetti precedentemente sterilizzati e chiudiamo bene il coperchio. Ora possiamo lasciar raffreddare i vasetti e conservarli in frigo per due settimane oppure rovesciarli sottosopra fino al raffreddamento e far formare il sottovuoto. Una volta verificato che sia ben venuto il sottovuoto si possono riporre i vasetti in dispensa per 2-3 mesi.

Consiglo

Verifichiamo che il sottovuoto si sia formato pigiando con le dita sul tappo. Se fa click il sottovuoto non si è ben formato e bisogna ripetere la procedura.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Pane fiorito, aromatizzato con olio essenziale di basilico greco e fiori eduli.

Pane fiorito, aromatizzato con olio essenziale di basilico greco e fiori eduli.

” Che sapore avrà il giallo del Tarassaco? E le sfumature bianche e blu delle Viole di cosa sapranno?E l”arancione della Calendula, il viola della Malva, l’azzurro della Borragine e il rosa dei Gerani che aroma avranno?Chissà quanto saranno amari i petali dei fiori di 

Ciambella con pesche sciroppate, amaretti e cioccolato

Ciambella con pesche sciroppate, amaretti e cioccolato

La ciambella di pesche sciroppate amaretti e cioccolato nasce dalla mia adorazione per le pesche e il desiderio di mangiarle anche fuori stagione.E’ una preparazione semplice per un dolce perfetto sia per la colazione che la merenda. Questa ciambella ha sostituito nel blog una vecchia 

Pagnotta aglio, olio e peperoncino

Pagnotta aglio, olio e peperoncino

Da qualche mese mi sto dedicando alla panificazione. Da quando ho provato il lievito madre a coltura liquida ottengo dei risultati fantastici che mi regalano tante soddisfazioni e sento il desiderio di sperimentare nuovi tipi di pane e diverse tecniche.
Questa settimana ho realizzato una pagnotta aromatizzata con aglio, olio e peperoncino.
Volevo un pane che piacesse a tutti anche a chi non ama particolarmente il piccante ed ho scelto di utilizzare come peperoncino i fiocchi di jalapeño perché sono molto aromatici e non troppo piccanti. Inoltre ho preferito come prima volta di non eccedere con la quantità in modo che l’aroma risultasse percepibile ma non invadente. Sentitevi liberi di aumentare la quantità o il tempo di infusione ma sempre senza esagerare. Se decidete di utilizzare un peperoncino più piccante regolatevi di conseguenza.
Avendo poco tempo a disposizione e una farina molto forte da utilizzare ho deciso di allungare molto i tempi di autolisi mettendo l’impasto a riposare in frigorifero per tutta la notte.
In questo modo al mattino ho potuto impastare in minor tempo, far lievitare l’impasto, formare la pagnotta e infornare il pane in giornata.
Sono davvero molto soddisfatta del risultato finale e sono certa che lo sarete anche voi quando la farete.
Vediamo come.

pagnotta aglio olio e peperoncino
  • DifficoltàMedia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno
  • Tempo di cottura45 Minuti
  • Porzioni1 pagnotta da 1 chilo
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti

Per l’autolisi

500 g farina 0 (Io ho utilizzato la Spadoni XXL.(W380–W400))
275 g acqua (temperatura ambiente)
3 g sale
15 g semola (per spolverizzare)

Per l’impasto

95 g acqua (temperatura ambiente)
100 g lievito madre liquido
7 g sale
2 cucchiai olio extravergine d’oliva
Mezzo cucchiaio peperoncino Jalapeño (in fiocchi)
1 spicchio aglio (oppure mezzo cucchiaino di aglio in polvere)

Strumenti

1 Gancio ad uncino
1 Spatola
1 Ciotola
1 Pellicola per alimenti
1 Carta da forno

Passaggi

Iniziamo dall’autolisi.

Primo giorno

ORE 21.30

pagnotta aglio olio e peperoncino

In una ciotola versiamo tutta la farina, 275 g di acqua e 3g di sale fino.
Con le mani lavoriamo il tutto soltanto per il tempo necessario a bagnare per bene tutta la farina. Non devono rimanere parti asciutte.
Copriamo con la pellicola e mettiamo la ciotola in frigorifero ((4°C) peer tutta la notte.
Normalmente non si mette sale nell’impasto per l’autolisi perché rallenta l’azione degli enzimi, solo in casi come questo, in cui il tempo di autolisi supera le 8 ore, si può aggiungere fino a 0,1g di sale sul peso della farina.

Rinfreschiamo il nostro lievito li.co.li e lasciamolo a temperatura ambente chiuso nel suo barottolo.

Secondo giorno

Ore 7.00

In una piccola ciotola mettiamo in infusione il peperoncino con 2 cucchiai di olio e l’aglio ridotto a pezzetti.

Ore 8.00
Nella ciotola dell’impastatrice mettiamo tutta l’autolisi e con il gancio a uncino lavoriamola per 2-3 minuti a media velocità, aggiungiamo il lievito e lavoriamo qualche altro minuto.
Un poco alla volta incorporiamo l’acqua (95g) assicurandoci che venga ben assorbita prima di aggiungerne altra.
Quando l’impasto sarà attaccato al gancio e le pareti della ciotola asciutte e pulite aggiungiamo anche il sale e dopo qualche minuto l’olio con l’aglio e il peperoncino.
Lavoriamo a media velocità fino all’incordatura.
Lasciamo riposare l’impasto nella ciotola chiusa con la pellicola per 30 minuti.

pagnotta aglio olio e peperoncino

Ore 8.30

Pieghe di rinforzo

Rovesciamo l’impasto sul piano di lavoro e facciamo un giro di pieghe Slap & Fold. Prendiamo il nostro panetto e lo ripieghiamo su se stesso come si vede nel video a inizio pagina.
Copriamo il panetto con un canovaccio pulito asciutto e lasciamolo riposare 30 minuti poi facciamo un altro giro di pieghe.
Se tutto è andato bene il panetto avrà un aspetto liscio e omogeneo e risulterà elastico.
Trasferiamolo in una ciotola e lasciamolo lievitare fino al quasi raddoppio dl volume. Ci vorranno 4-5 ore. Per aiutare la lievitazione mettiamo la ciotola in forno spento con la sola luce accesa o se ne abbiamo la possibilità mettiamo il forno in modalità lievitazione.

Ore 14.30

Formatura della pagnotta.
Prendiamo il nostro impasto e rovesciamolo sul piano d lavoro leggerissimamente spolverizzato di semola. Allarghiamolo e allunghiamolo un poco con le dita senza schiacciarlo e formando un rettangolo. Iniziamo a dare forma alla nostra pagnotta.
Ripieghiamo gli angoli in alto del rettangolo verso l’interno e sigilliamo bene, poi ripieghiamo verso il centro pian piano tutto l’impasto. Quì potete vedere il video della formatura.
Ripieghiamo verso il centro la parte superiore e inferiore dell’impasto ed iniziamo ad arrotolarlo su se stesso.
Sigilliamo bene il punto di congiunzione. Ribaltiamo l’impasto e pirliamolo leggermente, poi rovesciamolo e mettiamolo nel cestino da lievitazione ben infarinato. Spolverizziamo di farina, copiamolo con un panno pulito e asciutto. Mettiamo il cestino in una busta di plastica e riponiamo in frigo per 8 ore.

pagnotta aglio olio e peperoncino

Ore 22.00
Scadiamo il forno a 250°C con dentro la pentola in ghisa con tutto il coperchio. Appena sarà caldo riprendiamo il nostro impasto dal frigo e rovesciamolo su un foglio di carta forno.
Facciamo i tagli in superficie ( quì il video di come fare i tagli ) e aiutandoci con un tagliere o un ampio piatto rotondo per pizza facciamolo scivolare nella pentola. Mettiamo il coperchio e inforniamo per 15 minuti. Abbassiamo a 200 °C per altri 15 minuti poi aa 180 per altri 15. Scoperchiamo e lasciamo cuocere ancora per 20 minuti.
Sforniamo e lasciamo raffreddare la nostra pagnotta aglio olio e peperoncino su una gratella.

Il pane si conserva per 3 giorni a temperatura ambiente chiuso in una busta di carta.

Si può congelare dopo il completo raffreddamento

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Pagnotta a lievitazione naturale (LI.CO.LI)

Pagnotta a lievitazione naturale (LI.CO.LI)

Ispirata dalla mia amica Michela del blog Cioccolato e Lamponi grande panificatrice oggi ho preparato una pagnottina a lievitazione naturale utilizzando per la prima volta un lievito a coltura liquida (LI.CO.LI) al posto del mio classico pasta madre. Devo sinceramente dire che lo trovo molto