Recent Posts

Pizza con datterini, n’duja e burrata.

Pizza con datterini, n’duja e burrata.

Si avvicina il week-end e io ho già pensato di preparare per sabato sera la pizza con datterini, n’duja e burrata. Mi è stata regalata una n’duja fatta in casa e sono impaziente di provarla. Amo il piccante e la n’duja è diventata una droga 

Torta di mele con marmellata di limoni e zenzero

Torta di mele con marmellata di limoni e zenzero

la torta di mele con marmellata di limoni e zenzero non è l’ Apple Pie americana, non è la classica torta di mele ne tanto meno una crostata. È un insieme di tutte e tre. La sfoglia, che si prepara direttamente nel mixer è quella 

Sfoglia con asparagi, gorgonzola e more

Sfoglia con asparagi, gorgonzola e more

Amo per le mie preparazioni utilizzare verdure freschi di stagione e in questo fine settimana ho fatto una torta torta salata con pasta sfoglia, asparagi, gorgonzola e more.
Ho scoperto dopo varie sperimentazioni cucinarie che la frutta utilizzata nelle preparazioni salate, non solo è buonissima ma fa anche in modo che gli altri sapori, come in questo caso quello di gorgonzola e asparagi, risalti maggiormente al palato.
Per appurarlo di persona provate l’insalata di lenticchie e ciliege, rimarrete stupiti e estasiati di quanto sia piacevole il sapore.
Anche la pizza con avocado e salmone che può sembrare poco accattivante ad un primo pensiero all’assaggio fa innamorare anche i più scettici.
Anche questa torta salata acquista con l’aggiunta finale di qualche mora un tocco di sapore in più che la rende più gustosa e sfiziosa

Sfoglia asparagi e more
Sfoglia Asparagi, gorgonzola e more
Sfoglia asparagi, gorgonzola e more
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàPrimavera

Ingredienti

1 rotolo pasta sfoglia (salata)
1 mazzetto asparagi
200 g gorgonzola e mascarpone
1 cucchiaio latte
q.b. more
q.b. basilico (qualche fogliolina fresca)
1 cucchiaio olio extravergine d’oliva
q.b. sale

Strumenti

1 Cucchiaio
1 Carta forno
1 Spago da cucina
1 Canovaccio

Passaggi

Mondate gli asparagi eliminando la parte finale bianca, dura e terrosa.
Legate gli asparagi con lo spago e trasferiteli nella pentola.
Aggiungete l’acqua lasciando fuori le punte, salate, chiudete con il coperchio e fate cuocere per 8-10 minuti.
Il tempo di cottura varia a seconda della grandezza degli asparagi.
Appena cotti trasferite gli asparagi in una insalatiera di acqua gelata e lasciateli raffreddare dopodichè asciugateli delicatamente con un canovaccio pulito e asciutto.

Sfoglia asparagi e more
Sfoglia asparagi, gorgonzola e more

Mentre gli asparagi si raffreddano in un pentolino sciogliete il gorgonzola con il latte fino ad ottenere una crema morbida spalmabile.
Mettete, sul fondo della teglia che utilizzerete per la cottura, un foglio di carta da forno e srotolateci sopra la sfoglia.
Ripiegate leggermente tutto il perimetro della sfoglia verso l’interno per creare una piccola cornice.
Servendovi di un cucchiaio spalmate con delicatezza la crema di formaggio sul fondo della sfoglia e adagiateci sopra gli asparagi posizionandoli uno accanto all’altro come vedete nelle immagini.
Spennellate il bordo della sfoglia con un filo di olio extravergine.

Cuocete in forno preriscaldato 200°C fin quando il bordo della sfoglia non risulterà ben dorato.
Sfornate e lasciate intiepidire qualche minuto.
Completate distribuendo sulla superficie le more e le foglioline di basilico fresco.

Conservazione

La sfoglia con asparagi, gorgonzola e more va consumata al momento

Curiosità

Vi starete sicuramente chiedendo perché utilizzare un nuovo foglio di carta da forno invece di utilizzare quello già presente nella confezione della sfoglia pronta.
Spesso la carta forno nelle confezioni risulta più umida e sottile e soprattutto può essere più piccola della teglia che si sceglie di utilizzare.
Utilizzare i fogli o un rotolo di carta forno da tagliare a misura è la scelta più pratica e ottimale per ottenere un buon risultato.

Consigli

Se preparate la sfoglia in anticipo per consumarla fredda, decoratela con more e basilico soltanto al momento di portarla in tavola.
Sono due ingredienti che si deperiscono velocemente e perdendo colore e consistenza risulterebbero meno gradevoli alla vista.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Sfogliatine salate pesto, burrata e datterini

Sfogliatine salate pesto, burrata e datterini

.Quando una sfoglia in frigo che sta per scadere ti ispira una nuova e gustosissima ricetta da servire come antipasto o cena golosa si può solo festeggiare ed è quello che ho fatto io quando ho dato il primo morso a queste sfogliatine con pesto 

Club sandwich avocado e mortadella

Club sandwich avocado e mortadella

Con la bella stagione tornano i pranzi veloci che ci risparmiano di avvicinarci ai fornelli e il club sandwich con avocado e mortadella è uno di questi. Un sandwich ricco, completo, gustoso, appagante che si preparar in pochi minuti e fornisce la carica per affrontare 

Avocado: proprietà e benefici

Avocado: proprietà e benefici

Oggi parleremo di un frutto ricco di proprietà nutrizionali alleate della salute:  l’Avocado. 
L’avocado è frutto molto diverso da quelli che abitualmente consumiamo in Italia. E’ meno ricco di acqua e più ricco di grassi ed è per questa ultima proprietà che viene spesso guardato con sospetto e diffidenza specialmente da chi segue  un regime di dieta ipocalorica.
Ma come per ogni altro alimento l’avocado può essere consumato serenamente, tranne per alcuni casi specifici che vedremo più avanti nell’articolo, purché lo si faccia nelle quantità adeguate.
Facciamo intanto un po’ di chiarezza su questo super food dalla consistenza burrosa, utilizzato non solo per preparazioni culinarie di ogni tipo ma anche in cosmetica.
L’avocado come tutti i frutti in generale si ossida a contatto con l’aria.
Per evitare l’ossidazione che gli provoca macchie scure, dopo averlo tagliato deve essere bagnato con del succo di limone e avvolto nella pellicola alimentare.
Io mi trovo molto bene utilizzando un set di accessori che ho acquistato appositamente per la conservazione dell’Avocado. Se può farvi comodo lo trovate quì

avocado proprietà benefici
RoGMa©

Cos’è l’Avocado.
L’avocado è il frutto dell’omonimo albero coltivato principalmente nel centro America.
Ha una forma che può ricordare una pera allungata e che va consumato solamente crudo in quanto la cottura non solo elimina tutte le qualità benefiche del frutto ma gli conferisce anche un sapore amaro sgradevole.
Inoltre è necessario consumarlo solo a maturazione raggiunta altrimenti risulterebbe amaro ed estremamente duro.
Tagliato a metà l’avocado presenta un nocciolo centrale legnoso che se piantato, dopo averlo fatto radicare un un vasetto con acqua che lo ricopre solo parzialmente, può dar vita a nuove piante. 
La buccia, non commestibile, solitamente di colore verde più o meno scuro può presentarsi rugosa o liscia mentre la polpa è grassoccia e povera di acqua.

Come riconoscere un avocado maturo

Un Avocado della giusta maturazione si presenta con una buccia di colore verde scuro omogeneo senza macchie.
Al tatto, esercitando una leggera pressione risulta morbido ma sodo e scuotendolo l’osso all’interno rimane ben fermo e la pelle non si ammacca.
Un Avocado molto chiaro di colore e duro non ha raggiunto la maturazione mentre al contrario uno eccessivamente morbido è fin troppo maturo.
Nel primo caso bisognerà attendere che il frutto maturi nel secondo si potrà utilizzare il frutto per preparazioni che lo richiedono schiacciato o frullato.
E’ possibile acquistare avocado acerbi e lasciarli a temperatura ambiente fino al raggiungimento della giusta maturazione.

Proprietà nutrizionali e calorie

L’avocado è un frutto altamente energetico per via del suo alto contenuto in grassi monoinsaturi, grassi buoni per la salute del cuore.
Il grasso che contiene in maggior quantità è l’acido oleico, per capirci meglio il maggior componete dell’olio d’oliva.

Un avocado intero a seconda del peso può arrivare a 500-600 Kcal è dunque un frutto da non consumare in grandi quantità.
E’ ricco di fibre, Vitamine A B-C-E-K, Potassio e Magnesio.
Sappiamo bene l’importanza delle fibre nell’alimentazione. indispensabili per prevenire problemi di stipsi,  diverticolite, emorroidi e altri problemi anche molto seri al colon.
Regolano inoltre l’assorbimento delle sostanza nutrienti e conferiscono senso di sazietà.
Le vitamine invece contrastano l’azione dei radicali liberi e supportano il sistema immunitario.
Nello specifico la vitamina K ha proprietà antiemorragiche mentre la B contiene Acido folico, elemento consigliato in gravidanza per prevenire la spina bifida.
Magnesio e Potassio sono importanti soprattutto per gli sportivi e in estate per ristabilire l’equilibrio idro-salino dell’organismo perso attraverso la sudorazione.
Vi allego la tabella nutrizionale che ho reperito sul sito sito Viversano.net

Tabella dal sito Viversano.net

Quanto avocado si può mangiare e quando bisogna evitarlo

Ci sono diverse opinioni riguardo alla dose di Avocado da poter consumare giornalmente e vanno dai 50 ai 100 g di polpa.
Personalmente io non ne consumo più di 60 e difficilmente consumo l’avocado tutti i giorni.
Utilizzo queste informazioni per non eccedere quando preparo ricette con l’avocado.

Per capirci meglio: se nel mio toast metterò 100 g di Avocado non me ne farò un problema, ma se ne metterò di più eviterò di mangiarne altro nei giorni successivi e diminuirò o eliminerò per un giorno l’assunzione di olio d’oliva.
Per quanto l’Avocado sia un frutto salutare ci sono casi in cui va assolutamente evitato primi tra tutti i casi di obesità o sovrappeso.

In stato di allattamento è necessario consultare il medico prima di consumarlo in quanto può influire sulla produzione di latte.
E’ inoltre da evitare per chi soffre di allergia al lattice e a frutta e verdura come ad esempio melone, patate , pomodoro, banane, pesche, castagne ecc.
In questi casi si possono avere dolore addominale, crampi e diarrea.

Curiosità
Una delle curiosità simpatiche riguardo l’avocado è l’origine del suo nome.
Le popolazioni native del centro America coltivavano questo frutto fin da prima dell’arrivo di Colombo.
Nella lingua Nahuati parlata dagli Aztechi il termine Aguacate significa “testicolo”.
Gli antichi scelsero questo nome perché ne ricorda la morfologia e anche perché l’avocado nasce e cresce in coppia.

ATTENZIONE
Le informazioni qui riportate non sostituiscono in alcun modo un parere medico trattandosi di indicazioni generali.
Per un corretto consumo dell’ Avocado e una sana e sicura alimentazione è bene affidarsi ai consigli di un nutrizionista o del medico curante.

Qualche ricetta a base di avocado
Hummus di avocado e spinacini
Pizza con avocado salmone affumicato e Citronette al pepe

Noodles con pesto di avocado, pancetta e piselli

Noodles con spinacini, avocado e feta

Avocado toast ai cereali con spinacini e fiordilatte

Bruschetta caprese con avocado e valeriana

Bruschetta con avocado e fiori eduli

 

Hummus di avocado e spinacini novelli

Hummus di avocado e spinacini novelli

Una delle nuove ricette che ho sperimentato nel week-end è l’hummus di avocado e spinacini. Ho assaggiato qualche anno fa in un noto ristorante di cucina israeliana di Roma il classico hummus di ceci e me ne sono innamorata! In realtà ho amato ogni cosa 

Pizza Avocado e Salmone affumicato con Citronette al pepe nero

Pizza Avocado e Salmone affumicato con Citronette al pepe nero

La pizza avocado e salmone affumicato è una pizza gourmet che stupisce e conquista per gusto e delicatezza. Una pizza ricca di tanti ingredienti salutari, ottima con ogni tipo di impasto: tradizionale, semi integrale e Kamut. Nel fine settimana preparo spesso la pizza in casa 

Ciambella cacao e zenzero

Ciambella cacao e zenzero

Oggi avevo voglia di un dolce da gustare senza troppi sensi di colpa ed ho preparato la ciambella cacao e zenzero all’acqua.
Una torta senza burro ne uova, facilissima da preparare e davvero deliziosa.
Ho utilizzato il mio amato stampo a ciambella nel quale ho realizzato anche la ciambella all’acqua d’arancia e la torta alla menta e yogurt greco ma si può utilizzare un qualsiasi stampo da 20 cm di diametro e ancor meglio uno a cerniera.
In 15 minuti e pochissimi passaggi l’impasto sarà pronto da versare nello stampo e cuocere.
Inizierete a sentire il profumo invadere la cucina e…
Vediamo come prepararla.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni6 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

250 g acqua (leggermente tiepida)
170 g farina 00
140 g zucchero (extrafine)
20 g amido di mais (maizena) (g)
16 g lievito in polvere per dolci
45 g olio di semi di mais
40 gambi cacao amaro in polvere
2 cucchiaini zenzero in polvere
1 pizzico sale

Strumenti

2 Ciotole
1 Frusta a mano
1 Setaccio
oppure1 Spatola
1 Frusta elettrica

Passaggi

In una ciotola setacciate la farina con il lievito e la fecola. Tenete da parte.
In una ciotola riunite l’acqua con lo zucchero e il sale e mescolate con la spatola fino a farli sciogliere completamente.
Sempre mescolando unite l’olio a filo.
Da questo momento procederete con le fruste elettriche.
Un poco alla volta incorporate il mix farina, lievito e maizena.
Infine unite il cacao amaro setacciandolo direttamente nella ciotola e lo zenzero in polvere. Continuate a lavorare con la frusta fino ad amalgamare perfettamente il tutto.

Se utilizzate uno stampo in silicone mai utilizzato prima ungetelo leggermente di olio utilizzando un pennello da cucina. asciugate l’eventuale eccesso di olio con un foglio di carta assorbente.
Se utilizzate uno stampo a cerniera ungetelo e infarinatelo accuratamente.
Versate all’interno dello stampo il composto e battetelo delicatamente sul piano di lavoro affinché si livelli il più possibile.
Cuocete la ciambella in forno statico preriscaldato 180°C per 35 minuti.
Prima di sfornare fate la prova del bastoncino e se necessario prolungate la cottura di altri 5 minuti.
Sfornate e lasciate raffreddare la ciambella cacao e zenzero, lasciatela intiepidire nello stampo poi toglietela dalla forma e trasferitela su una gratella fino al completo raffreddamento.
Completate con una spolverizzata di zucchero a velo.

ciambella cacao e zenzero

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
I Maritozzi romani

I Maritozzi romani

I maritozzi romani sono uno dei dolci che mi hanno accompagnata nell’infanzia, i miei nonni essendone ghiotti li compravano ogni fine settimana. Ricordo che all’epoca ne mangiavo soltanto la farcitura di panna montata lasciando tutto il resto; inutile dire che crescendo ho imparato ad apprezzare