Bovoeti aglio e olio

Bovoeti aglio e olio. Bovoeti, ovvero lumachine. Una pietanza allegra e sfiziosa da consumare in compagnia, come le ciliegie, uno tira l’altro……… E’ proprio adesso la loro stagione – finita quella dei carciofi – prima sarebbero  amari. La loro peparazione è molto semplice: si lavano superbene, si lessano, si condiscono con aglio, prezzemolo e ottimo olio extravergine di oliva e si gustano, dopo un po’ di riposo, estraendoli  dal guscio con uno stecchino e accompagnandoli, magari, con un calice di buon prosecco…

Bovoeti aglio e olio - Così cucino io
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 glumachine (bovoeti)
  • 1 spicchioaglio
  • 1 mazzettoprezzemolo (abbondante)
  • q.b.olio extravergine di oliva
  • 1 pizzicopepe nero
  • q.b.sale

Strumenti

  • Casseruola dai bordi alti
  • Scolapasta
Bovoeti aglio e olio

Preparazione

Bovoeti aglio e olio
  1. Bovoeti - Così cucino io

    Lavare e rilavare con cura i “bovoeti”. Immergerli in una casseruola, dai bordi piuttosto alti, coperti di acqua fredda e metterli a cuocere a fuoco molto lento.

    Appena l’acqua inizia a bollire, aggiungere il sale, schiumare e, dopo qualche minuto, versare le chioccioline su uno scolapasta e lasciarle scolare per circa un’ora o più, devono perdere tutta l’acqua.

    Versare i “bovoeti” in una ciotola, condirli con abbondante prezzemolo e aglio tritati (io preferisco lasciare l’aglio intero), pepe nero e olio extra vergine di oliva. Aggiustare di sale e far riposare un paio d’ore mescolando, di tanto in tanto, per far insaporire bene.

    Buon appetito!

Consiglio del giorno….

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook COSI’ CUCINO IO.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

6 Risposte a “Bovoeti aglio e olio”

  1. Mamma mia che “felicità” nel vedere questo piatto!!
    questa ricetta mi fa tornare indietro con i ricordi..
    forse perchè ho vivo nella mia testa il momento della “raccolta”
    era il lato positivo della pioggia in estate 😉
    Grazie x la ricetta 🙂

  2. @ Nunzia: Io, personalmente, non li ho mai raccolti ( a Venezia, non abbiamo questa bella opportunità!), ma immagino che deve essere proprio piacevole. Grazie a te della visita e buon fine settimana.

  3. Mai mangiate quelle di terra credo siano simili a quelle di mare, ad ogni modo lesse con un po’ di olio aglio e prezzemolo sono deliziose!

  4. oddio che buoni! mi piacciono un sacchissimo , mi fanno tornare in mente quando iniziavo a prepararli dal mattino con la mia nonna per mangiarli la sera con l’accompagnamento di un paio di panini per raccogliere il “sughetto” all’aglio e olio……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.