Fave fresche stufate [pizzicate]

Le fave fresche stufate [pizzicate] sono un tipico contorno siciliano.

“Pizzicate” perché vengono private della parte superiore della buccia togliendo il picciolo e lasciandole superiormente scoperte.

Una preparazione che mi ricorda tanto le giornate trascorse in campagna con i nonni.

Meglio utilizzare fave piccole e tenere anziché troppo grosse in modo che la rimanente parte di buccia risulti gradevole da mangiare.

* l’indice glicemico delle fave [crude IG 40] è più alto rispetto a quello degli altri legumi inoltre aumenta con la cottura; quindi, in caso di diabete le fave vanno consumate con moderazione [e sempre secondo il tuo schema alimentare].

Fave fresche stufate [pizzicate]
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    1 ora
  • Cottura:
    1 ora
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Fave fresche (peso con baccello) 500 g
  • Aglio in polvere 1 pizzico
  • Cipolla q.b.
  • Dado vegetale (fatto in casa) 1
  • Acqua 50 ml
  • Prezzemolo (intero) 1 rametto
  • Sale 1 pizzico
  • Pepe misto in grani (con macinino) 1 pizzico
  • Olio extravergine d’oliva (a crudo) 1 filo

Preparazione

  1. Fave fresche

    Estrai le fave dal baccello.

    Lavale sotto l’acqua corrente.

    Con l’aiuto di un coltello taglia la parte superiore togliendo il picciolo e lasciando le fave superiormente scoperte.

  2. In un tegame rovente fai dorare una spolverata di aglio in polvere.

  3. Aggiungi la cipolla tagliata a cubetti e sciogli un cubetto di dado vegetale fatto in casa.

  4. Aggiungi 50 ml di acqua e attendi che soffrigga.

  5. Versa le fave.

  6. Aggiungi acqua fino a coprire un dito sopra le fave.

  7. Aggiungi il rametto di prezzemolo intero.

  8. Fai stufare per 10 minuti.

  9. Aggiungi il sale e macina il pepe.

  10. Lascia proseguire la cottura da 30 a 60 minuti [i tempi variano in relazione alla dimensione delle stesse].

  11. Impiatta.

  12. Infine, aggiungi l’olio a crudo.

  13. Le tue fave fresche stufate [pizzicate] sono pronte.

    Puoi servirle con del pane di semola integrale.

    Buon appetito!

Note

* l’indice glicemico delle fave [crude IG 40] è più alto rispetto a quello degli altri legumi inoltre aumenta con la cottura; quindi, in caso di diabete le fave vanno consumate con moderazione [e sempre secondo il tuo schema alimentare].

L’abbinamento con pasta, riso o altri cereali permette di assorbire al meglio le proteine dei legumi; i cereali inseriti in questi piatti, infatti, vanno a compensare gli aminoacidi mancanti nei legumi consentendo di ottenere un pool aminoacidico completo.

Inizia il pasto con un’abbondante porzione di verdura [cruda o cotta] e con la frutta se è presente nel tuo schema alimentare quindi completa con fave fresche stufate [pizzicate] e pane di semola integrale per comporre un pasto bilanciato.

Precedente Frittata con pomodorini e menta cotta senza olio [senza formaggio] Successivo Pasta integrale con ricotta e salvia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.