Hotel Hilton New York: una soluzione pratica al centro di Manhattan

Se andate a New York per la prima volta, come è capitato a me e a mio marito per il viaggio di nozze, l’idea migliore per l’alloggio è quella di scegliere un hotel in zona centrale: potrete così visitare la città muovendovi moltissimo a piedi per le vie del centro (sicuramente il modo più bello per vivere New York e la sua aria davvero cosmopolita e moderna) ed avrete nello stesso tempo i mezzi pubblici a portata di mano per andare ovunque vogliate. Una soluzione è l’Hotel Hilton New York.

La prima considerazione che farete leggendo sarà: ma quanto costa un albergo al centro di Manhattan? La risposta è: dipende. Il suggerimento, infatti, è, una volta decise le date del soggiorno, di cominciare a cercare su internet offerte per il vostro hotel: il sito che utilizzo sempre quando viaggio e che ho utilizzato anche per il mio viaggio di nozze a New York è Booking e devo dire che finora non mi ha mai tradita.

Proprio cercando e ricercando su Booking, mi sono imbattuta in questo fantastico albergo, situato in 1335 Avenue of Americas (la Sixth Avenue, per intenderci), tra la 53ma e la 54ma strada, a due passi da Central Park, dalla Fifth Avenue e dal grande circo di luci di Times Square.

Il nostro soggiorno all’Hilton New York è stato davvero piacevole: abbiamo richiesto ed ottenuto, senza alcun sovrapprezzo, di alloggiare in una camera a piano alto (35mo), contattando direttamente l’albergo poco tempo prima del nostro arrivo ed abbiamo per tutto il nostro soggiorno potuto riscontrare un elevato standard di pulizia (camera pulita tutti i giorni e asciugamani cambiate ogni due).

Certo: l’albergo è molto grande e la sola hall sembra un aeroporto, ma se siete dall’altra parte del mondo avere la sicurezza di una catena alberghiera riconosciuta a livello mondiale è senz’altro una fonte di grande tranquillità. La grandezza dell’albergo (45 piani, di cui tre di servizio, e almeno una quarantina di stanze per piano) non pregiudica la piacevolezza del soggiorno, al di là della rumorosità della hall: il check in è stato molto rapido e non abbiamo mai atteso l’ascensore più di cinque minuti.

La struttura, inoltre, offre una palestra, un business center, un servizio di prenotazione di escursioni ed anche di biglietti per gli spettacoli di Broadway (che noi non abbiamo utilizzato, perchè avevamo già prenotato tutto dall’Italia) ed ha anche un ristorante, in cui però non siamo mai stati e sul quale quindi non posso esprimere giudizi.

Per ogni eventualità, il servizio taxi è disponibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 esattamente davanti all’albergo (come nei migliori film americani, il concierge vi chiamerà il taxi con un fischio e questo magicamente arriverà dopo qualche secondo).

La zona di collocazione dell’albergo non necessita di ulteriori commenti: siete al centro del cuore pulsante degli affari della Grande Mela, a due minuti dal Rockefeller Center ed a dieci minuti a piedi da Times Square, cosa volete di più?

Le stanze sono enormi, in piena sintonia con lo stile di grandeur (ma non assolutamente di boriosità) americano: tutte dispongono di ampie vetrate, di collegamento wi fi a pagamento (14,95 dollari al giorno, ma gratuito se scegliete una sistemazione in camera executive), di bollitore con bustine di tè, di frigo bar, di bagno con vasca e servizio completo per la toelette, di asciugacapelli vero (non quei surrogati da muro da albergo), tv a schermo piatto e zona living, con poltrona e ampia scrivania.

Noi abbiamo scelto una sistemazione in camera King, con letto letto matrimoniale large, con soluzione “solo bed” (esclusa quindi la colazione) ed abbiamo speso per il periodo di fine settembre-inizio ottobre (classificato come alta stagione) una media di 340 dollari a notte (circa 254 euro): dal prezzo sono escluse le tasse e la quota giornaliera di soggiorno a New York, pari rispettivamente al 14,75% ed a 3,50 dollari al giorno. Noi abbiamo scelto la possibilità di cancellare gratuitamente la prenotazione fino al giorno prima della partenza, che prevede un piccolo sovrapprezzo, ma se preferite la prenotazione non rimborsabile potrete risparmiare ulteriormente (attenzione, però, ad optare per questa soluzione solo se siete realmente certi di poter partire, altrimenti in caso di mancata partenza perderete l’intero importo del vostro soggiorno).

Per un giorno, abbiamo anche provato la ricca colazione continentale, che prevedeva (al prezzo di circa 30 dollari incluse tasse), tra le altre cose, bacon and eggs, uova strapazzate, salsiccia, vari tipi di formaggi, vari tipi di pane, frutta fresca, pancake e waffel preparate al momento dallo chef, latte, yogurt, cereali, caffè, succhi di frutta, torte e biscotti, nonchè una fornita zona con cibi orientali.

Al momento (triste) del check out, abbiamo utilizzato la TV della stanza per pagare il conto e così non abbiamo fatto neppure la fila in reception ed abbiamo anche utilizzato il servizio di deposito bagagli (anche questo a pagamento…se non ricordo male, 2 dollari a bagaglio).

Noi nel complesso siamo rimasti molto soddisfatti: magari per un prossimo viaggio a New York sceglieremo una location meno centrale o anche un appartamento, ma certamente posso consigliare questo albergo, senza timore di smentite.

DSCF0199

Precedente Focaccia con Instant Seitan, ricetta light Successivo Soggiorno a Roma in pieno centro alla Casa del Capitano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.