Crea sito

PANISSA FRITTA

Panissa fritta un classico della cucina genovese e di tutti gli antipasti genovesi per eccellenza. Se abitate fuori Genova sicuramente non conoscete la panissa. La panissa e preparata con farina di ceci e acqua, praticamente è molto simile alla Farinata genovese ma con un procedimento leggermente diverso e poi viene servita in tanti modi, condita con olio e sale e cipolla oppure anche come in questo caso fritta ed è la versione che mi piace di più. Per fare questa ricetta di panissa fritta vi sconsiglio di fare dei bastoncini troppo grandi o troppo spessi altrimenti non friggeranno bene e si romperanno in cottura quindi seguite tutti consigli che vi darò, che sono quelli della mia mamma e vedrete che non potrete sbagliare. Sono sicura che dopo che avrete provato la panissa fritta ogni volta che avrete amici a cena la preparerete immediatamente perché una volta provata è come le ciliegie non se ne può più fare a meno. Ora Andiamo subito a vedere gli ingredienti per preparare la panissa genovese. Ah… Non perdete le dirette in pagina (QUI) e il mio account Instagram (QUI)
E ora…
Beh, allacciate il grembiule…!
Lulù

PANISSA FRITTA
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora 30 Minuti
  • Porzioni4 persone

Ingredienti

  • 150 gFarina di ceci
  • 450 mlAcqua
  • 1 pizzicoSale

Preparazione

  1. Mischiate in una ciotola la farina di ceci insieme al sale e iniziate ad unire tutta l’acqua a temperatura ambiente mescolando velocemente con una frusta mano in modo che non si formino grumi.

  2. Quando il composto per la panissa sarà fluido e omogeneo versatela in un pentola e mettetela sul fuoco molto basso.

    Fate cuocere la panissa genovese per circa 1 ora e 20 mescolando continuamente altrimenti si attaccherà al fondo fino a che inizierà ad addensarsi.

  3. Versate tutto tutto il composto per la panissa genovese In un vassoio ben oleato e fate uno strato di circa 2 cm.

    Lasciate raffreddare la panissa a temperatura ambiente fino a che sarà completamente rassodata è raffreddata, ci vorranno circa due ore.

  4. Tagliate a fette la panissa in modo da avere dei bastoncini.

    Fate scaldare abbondante olio di semi di arachidi e, quando sarà ben caldo, mettiti a friggere i bastoncini di panissa genovese tre o quattro alla volta in modo da non abbassare eccessivamente la temperatura dell’olio.

  5. Fate friggere la panissa per circa otto o 10 minuti fino a che risulterà dorata poi scolatela e mettetela su carta assorbente o carta per fritti.

    Servite la panissa fritta ben calda, se volete con un pochino di sale.

  6. VARIANTI E CONSIGLI 

    Visto che il sale è già presente nell’impasto per la panissa non esagerate a metterlo a fine cottura.

    Se potete e friggete sempre con olio di semi di arachidi e in una pentola stretta e dai bordi alti, in questo modo i vostri cibi assorbiranno meno olio e risulteranno più croccanti e asciutti

  7. Se vi è piaciuta la ricetta della panissa fritta forse potrebbero interessarvi anche la PANISSA GENOVESE o anche il LATTE BRUSCO oppure le RICETTE GENOVESI.

Conservazione

La panissa fritta è buona appena fatta come tutti i fritti tuttavia potete conservarla fino al giorno dopo e poi scaldarla in forno.
Seguimi sulla pagina facebook cliccando QUI  o sul mio account Instagram (QUI) e non perderai nessuna ricetta. Torna allaHOME PAGE

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.