Le pastelle.. a ognuno la sua

Oggi vi propongo una serie di ricette per preparare le pastelle! Le ricette sono diverse perchè non si può usare sempre la stessa per tutto, per le verdure ce ne vuole un tipo, per il pesce un’altra e qui troverete quella adatta per voi. La cosa che mi raccomdando per avere una frittura eccellente di utilizzare un buon olio ed il più indicato è quello di arachide, gli chef consigliano quello extravergine di oliva ma, a mio gusto, viene troppo pesante. Ma ora passiamo alle ricette che vi saranno sicuramente utili …. Nelle pastelle non ho aggiunto sale perchè preferisco metterlo appena fritti ma se volete potete aggiungerlo a gusto.

pastelle

Le pastelle

Per le verdure: La tempura

  • 100 g farina
  • 100 g fecola di patate
  • 200 g acqua frizzante gelata

Mettere in una ciotola la farina e la fecola ed aggiungere un po’ per volta l’acqua frizzante fino ad avere un composto piuttosto liquido, mettere in frigorifero per un’ora e prima di iniziare a friggere aggiungere qualche cubetto di ghiaccio in questo modo avrete un fritto croccante grazie allo shock termico dato dalla pastella ghiacciata che entra in contatto con l’olio bollente.

oppure tempura alla birra

  • 200 g farina 00
  • 1 bicchiere di acqua frizzante gelata
  • 1 bicchiere di birra ghiacciata

Stesso procedimento della tempura solo che si aggiunge della birra messa per un’ora in congelatore senza dover aggiungere i cubetti di ghiaccio

Per filetti di baccalà o pesce 

  • 350 g farina 00
  • 1/2 bicchiere di birra
  • 1/2 cubetto lievito di birra o 1/2 bustina lievito disidratato
  • acqua q.b.
  • 1 cucchiaino di zucchero

Questa dose è per 500 g di filetti di baccalà infarinati prima di metterli nella pastella. Mettere la farina in una ciotola ed aggiungere il lievito sciolto in acqua, se usate il lievito disidratato questo passaggio non è necessario, lo zucchero, la birra e un po’ per volta l’acqua fino ad ottenere un composto fluido ma non lento, coprire e mettere a lievitare per un’ora.

Fiori di zucca

  • 150 g farina 00
  • 1 cucchiaio olio extravergine di oliva
  • 1 uovo
  • birra o acqua frizzante q.b.

Mettere in una ciotola la farina l’olio extravergine di oliva e l’uovo, mescolare ed aggiungere la birra o l’acqua frizzante un po’ per volta fino ad ottenere un composto sostenuto non troppo liquido.

oppure pastella nuvola

  • 150 g farina
  • 100 ml acqua frizzante
  • 1 albume
  • 1 pizzico di sale

Questa è una pastella soffice come una nuvola che non assorbe molto olio ed è leggerissima. Mettere in una ciotola la farina ed aggiungere l’acqua, mescolare cercando di non formare grumi. A parte montare a neve l’albune con il sale ed aggiungerlo alla farina con movimenti dal basso verso l’alto in modo che non si smonti.

La classica 

  • 200 farina 00
  • 1/2 cubetto lievito di birra
  • 1 cucchiaio olio extravergine di oliva
  • 1 uovo
  • acqua q.b.

Questa è la pastella della mia mamma che utilizzava per tutti i fritti è quella classica e antica conosciuta da tutte le mamme e nonne 😉 Mia mamma faceva tutto “ad occhio” senza pesare come si faceva una volta ma io mi sono messa a pesare per non sbagliare, per lei era facile ma io preferisco andare sul sicuro.
Mettere in una ciotola la farina, sciogliere il lievito in un po’ di acqua ed aggiungerlo, unire l’olio extravergine di oliva, l’uovo e mescolare quindi aggiungere un po’ per volta dell’acqua fino ad ottenere una pastella non troppo liquida, coprire e far lievitare in forno spento con luce accesa fino a raddoppio.

*************************

Se le ricette delle pastelle vi sono piaciute  e volete essere aggiornati sulle novità del blog, seguitemi anche sulla mia pagina GolositàSfiziose, basterà un semplice click sul Mi piace 😉
Mi trovate anche su Google+ e su Twitter vi aspetto!

 

 

2 Risposte a “Le pastelle.. a ognuno la sua”

  1. grazie. specie la classica e’ la stessa che faceva mia madre e mia nonna. Anche per me sono importanti le dosi, a me piacciono molto i fiori di zucca con alici e mozzarella, o ppure: conoscete la pizza di fiori di zucca? Con le vostre dosi della pastella classica la provero’ di nuovo, sono anni che non la mangio. Ve la do’, sicuramente, la conoscerete.
    mettere nei fiori di zucca puliti filetto di mozzarella e alici, passarli nella pastella e metterli nella tiella e versarvi sopra la pastella rimasta, che risulterò al forno scrocchiarella e che dire con alici e mozzarella filante.? E’ sempre diversa, perche’ la pastella può essere di piu’ o di mene. Buon apetito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.