Polpo alla luciana con pomodorini olive e capperi

Polpo alla luciana, una ricetta tipica campana. Io l’ho scoperta per caso in un breve soggiorno a Caserta per il matrimonio di mio fratello. Il giorno prima delle nozze andammo a mangiare in una trattoria con piatti tipici locali, a parte il classico gnocco alla sorrentina mangiammo anche il polpo alla luciana. Un piatto semplice, con polpo fresco, io l’ho usato congelato e già pulito, preparato con pomodori e olive.

Cercando la ricetta in rete ne ho trovato un po’ diverse, e alla fine come al solito ho fatto un po’ di testa mia, in base a come mi poteva venire più congeniale. Dato che volevo usare metà polpo da preparare ad insalata ho pensato di lessare tutto il polpo, e poi usarne una parte per questa ricetta, alla fine il risultato è stato ottimo, molto simile a quello mangiato a Caserta, quindi a voi la scelta di come cucinarlo. Tra le note troverete le indicazione per gli altri due metodi di cottura, ma così è proprio tenerissimo.

Se vuoi ricevere le  mie ricette seguimi anche sulla mia pagina FACEBOOK, sugli altri social e sul mio canale Youtube Ornella Scofano Ricette che Passione.

  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 50 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 2 Persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Polpo (500 g minimo) 1
  • Pomodorini 200 g
  • Olive nere q.b.
  • Capperi q.b.
  • Vino bianco q.b.
  • Olio d'oliva q.b.
  • Cipolla q.b.
  • Sale q.b.
  • Sedano (Facoltativo) q.b.
  • Carote (facoltativo) q.b.
  • Origano (a piacere) q.b.
  • Peperoncino (o pepe) q.b.

Preparazione

  1. Polpo alla luciana

    Per prima cosa puliamo il polpo o i polpi se sono più d’uno. Io ne ho usato uno congelato già pulito, ma se abbiamo il polpo fresco dobbiamo svuotare la sacca, togliere becco e occhi. Lo laviamo per bene e ci prepariamo per lessarlo, questo è il metodo che ho adottato io, una precottura in acqua bollente, con carota e sedano, poco sale, per circa 30 minuti. L’ho poi lasciato raffreddare nell’acqua di cottura, prima di continuare con la preparazione. Possiamo anche lessarlo la sera prima per l’indomani.

  2. Prepariamo il sugo con i pomodorini dove ultimeremo la cottura del polpo.

    In pentola mettiamo olio d’oliva, un trito di cipolla, o aglio se preferite, rosolate un po’ e aggiungete i pomodorini tagliati a metà. Aggiungiamo le olive, io ho usato le mie olive nere al sale, buonissime. Aggiungiamo anche un po’ di capperi, uso sempre capperi sotto sale, in questo caso non li lavo, dato che ci stanno i pomodorini e non sono ancora salati. Lasciamo cuocere i pomodori per qualche minuto prima di aggiungere il polpo.

  3. Il polpo lo scoliamo dell’acqua di cottura, lo tagliamo lasciando integri i tentacoli, altrimenti si disperde troppo nel sugo. Lo aggiungiamo ai pomodorini in cottura, bagniamo con un po’ di vino bianco, aggiungiamo prezzemolo e peperoncino oppure un po’ di pepe nero macinato e lasciamo cuocere per almeno 20 minuti, in modo da far insaporire il sugo di pomodorini col polpo, così anche il vino evapora, e il sughetto viene ancora più saporito. A fine cottura proviamo di sale e se necessario ne aggiungiamo un pizzico. Se vi piace potete anche mettere dell’origano, in questo caso ci sta benissimo. E mi raccomando munitevi di crostini all’aglio, come fare a resistere a quel sughetto che reclama la scarpetta.

Note

Nelle ricette che ho letto, alcuni preparavano il polpo in pentola, con olio d’oliva, un soffritto di aglio o cipolla a piacere, e poi a questo veniva aggiunto il polpo e sfumato con vino bianco per una cottura di circa 20-30 minuti, stufato con un po’ di acqua una volta che il vino si asciuga del tutto.  Poi il polpo veniva aggiunto al pomodoro preparato all’incirca nello stesso modo di come ho fatto io. In altri casi invece il polpo veniva aggiunto crudo direttamente nei pomodori, preparati sempre allo stesso modo. La mia ricetta sarà anche diversa dall’originale, ma devo dire che era proprio ottimo, quindi se dovessi rifarlo, penso che lo rifarei esattamente uguale, il polpo così viene tenerissimo, e il sugo gustoso, perfetto anche per condire la pasta.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.