Pasta e ceci alla Calabrese

Pasta e ceci, un piatto tipico della cucina calabrese, più diffusamente conosciuto come lagani e ceci, o ciciri, nella tradizione popolare. In Calabria le tagliatelle sono dette lagane, da qui il nome originale del piatto lagane e ciciri, i ciciri ovviamente sono i ceci. Questo è un piatto tradizionale, si prepara con un certo rituale, bisogna mettere a bagno i ceci la sera prima, cuocerli l’indomani con tutti gli aromi, alloro, aglio, poi preparare la pasta in casa, e infine ultimare il piatto con un po’ di pancetta di maiale o guanciale e peperoncino. Tradizione vuole che in particolari festività, in diversi paesi calabresi, sia preparata la pasta e ceci, ad esempio nel giorno di San Giuseppe, giorno in cui in epoche passate si distribuiva ai poveri un piatto di minestra con i ceci, rituale che viene rievocato con momenti di aggregazione in diverse località calabresi, non solo nel giorno di San Giuseppe. Un piatto della cucina povera calabrese che nel corso degli ultimi anni ha riacquistato valore, molto spesso riproposto in menù raffinati e in ristoranti di prestigio, oltre che sulle tavole di tutti noi calabresi, io l’ho rifatto proprio oggi, e vi assicuro che anche senza fare la pasta in casa, ma con delle buone tagliatelle e con  i ceci già precotti si riesce a fare un piatto buonissimo, io ovviamente vi do le indicazioni per entrambi i piatti. Se vuoi ricevere le  mie ricette seguimi anche sulla mia pagina FACEBOOK, sugli altri social e sul mio canale Youtube Ornella Scofano Ricette che Passione.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni2 Persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 140 gtagliatelle
  • 200 gCeci precotti
  • 40 gpancetta affumicata
  • q.b.Olio di oliva
  • q.b.Aglio (Facoltativo)
  • q.b.Semi di finocchio
  • q.b.Rosmarino
  • q.b.Peperoncino
  • 1peperone crusco

Pasta fatta in casa

  • 50 gFarina di semola
  • 50 gFarina 00
  • 1uovo

Per i ceci lessi

  • 200 gCeci
  • 1 fogliaAlloro
  • q.b.Rosmarino
  • 1 spicchioAglio
  • q.b.Pepe nero in grani (o peperoncino)
  • q.b.Sale

Strumenti

  • Pentola

Preparazione

  1. La ricetta tradizionale prevede l’utilizzo dei ceci secchi, quindi prima di tutto bisogna preparare i ceci lessi.  Li mettiamo a bagno almeno 12 ore prima. Quindi la mattina scoliamo i ceci, li mettiamo in una ampia pentola, o nel coccio, li copriamo con un palmo di acqua e li portiamo sul fuoco, una volta venivano messi sui fuoco a legna cotti nella pignata, la pentola di argilla alta e stretta. Si aggiungono tutti gli aromi e si lasciano cuocere per un paio di ore, fino a che non sono ben cotti, e li conserviamo con l’acqua di cottura. Se usiamo i ceci in scatola saltiamo questa fase, ma se siete interessati alla cottura dei ceci, vi metto qui il link alla video ricetta.

  2. Intanto prepariamo la pasta, che non è una pasta all’uovo, ma preparata con farina di semola. In genere si preparare una pasta più larga delle tagliatelle, io però questa volta l’ho preparata con le tagliatelle, che ho anche colorato di rosso, per rendere un piatto tanto tradizionale un po’ diverso dal solito.

  3. pasta e ceci alla calabrese ricetta minestra gustosa

    Quindi impastiamo in una ciotola la pasta, mettiamo le due farine, e l’uovo e impastiamo fino ad ottenere un panetto omogeneo. Lo lavoriamo fino a che non è bello elastico. Lasciamo riposare un po’ prima di stenderlo con un mattarello. Se volete potete usare anche la macchinetta tira pasta, ma tradizione vuole che sia tirata a mano. Ottenuta la sfoglia possiamo con una rotella tagliare delle strisce per ricavare i maltagliati, oppure possiamo preparare le tagliatelle con nonna papera o arrotolando la sfoglia ben infarinata e tagliandola a coltello. Se prepariamo tagliatelle le tagliamo più corte, dopo averle preparate, con un coltello, in modo che si possa mangiare al cucchiaio come tradizione vuole. Se non vi va di preparare la pasta, nessun problema usate delle tagliatelle senza uova, come ho fatto io per questo piatto, che ho preparato oggi al volo. Possiamo anche preparare le tagliatelle senza uova, con acqua tiepida.

  4. A questo punto siamo pronti a preparare la pasta e ceci alla calabrese. Mettiamo sul fuoco la pentola per la pasta con un po’ di sale e la portiamo a bollore, appena prende a bollire mettiamo a cuocere la pasta, la pasta va frantumata, se usiamo quella secca, in modo da avere dei pezzi di tagliatelle, appunto maltagliati. La pasta attenzione  va scolata bene al dente, senza buttar via l’acqua di cottura.

  5. Intanto che l’acqua della pasta va, prepariamo il condimento. Rosoliamo in padella la pancetta affumicata con un filo d’olio d’oliva, aggiungiamo poi i ceci, ben sgocciolati e sciacquati se usiamo quelli in scatola, o con un mestolo di acqua di cottura, se abbiamo preparato i ceci lessi. Aggiungiamo ai ceci, un po’ di semini di finocchietto, un po’ di rosmarino, e del peperoncino, io non ho usato l’aglio, ma se vi piace mettetelo all’inizio, anche in camicia, e toglietelo prima di aggiungere la pasta. Lasciamo insaporire qualche minuto i ceci con la pancetta, usiamo un po’ di acqua di cottura della pasta se non abbiamo l’acqua dei ceci lessi.

  6. Quando la pasta è al dente la scoliamo e la trasferiamo in padella  con i ceci, allunghiamo con ancora un po’ di acqua di cottura della pasta e lasciamo cuocere ancora qualche minuto, fino a che pasta non è abbastanza cotta per i nostri gusti, e a quel punto si sarà formata una deliziosa cremina che va ad avvolgere la pasta e ceci e la rende un piatto straordinario, di un gusto unico, tanto con i ceci cotti agli odori, che con quelli precotti, così come per la pasta, fatta in casa o secca, il risultato è fantastico in ogni caso. Servitela calda, con una spolverata di peperoncino in polvere, o un peperone crusco abbrustolito e un filo d’olio d’oliva a crudo e  buon appetito.

Note

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.