Mese: Agosto 2015

Il cappellaio Matto

cappellaiomatto2

Il Cappellaio Matto è un finger food creativo quanto basta nella presentazione ma al tempo stesso buonissimo, speciale, che incuriosisce e ti spinge ad assaggiarlo. Ha un gusto tutto da scoprire. Il sapore è un gioco di equilibri tra i vari ingredienti dosati nella loro peculiarità ed essenza.
Ho realizzato questo finger food friggendo semplicemente dei capellini all’uovo e le scorze di parmigiano reggiano, che pulite accuratamente e bollite, sono ottime nelle zuppe , minestre o saltate in padella da mangiare assolute, o da inserire in una ricetta per un aperitivo. In questa preparazione il parmigiano svolge un doppio ruolo, e il risultato non può che non essere fantastico. Poi c’è l’aspetto emotivo di questa ricetta, che si presenta con un groviglio di capelli… o meglio capellini, arruffati ed intricati… Cosa nasconderà questa matassa ingarbugliata? Un cuore morbido, delicato, ma attenzione non tutto è poi così monotono…. perchè sotto sotto, c’è una nota intensa di carattere, la scorza, del parmigiano stupisce e ribalta ogni congettura e prevedibilità, facendo venir fuori la sua vera anima forte e intensa mostrandone l’eccellenza.
Questo finger food lo dedico a tutti i sognatori, inguaribili, difficili da prendere, da capire che dal loro cappello sono sempre capaci di tirar fuori qualsiasi cosa per stupire, destare sorrisi e meraviglia anche in cucina 😉 .
-Alice:”è impossibile…”
-Il Cappellaio matto:”solo se pensi che lo sia”

ingredienti per 4 persone
– 80 g di parmigiano reggiano 18 mesi
– 200 ml di panna fresca da cucina
– 150 g di fiori di zucca
– 100 g di capellini di pasta all’uovo
– sale q/b
– olio di semi q/b
– pepe q/b
– olio evo q/b

Procedimento : Prendete dei capellini di pasta all’uovo, friggeteli per circa un minuto in una padella con l’olio e quando saranno ben dorati, con una schiumarola scolateli e metteteli ad asciugare su carta assorbente da cucina. Aggiungete un pizzico di sale e pepe ai capellini, metteteli da parte. In una pentola scaldate la panna, non fatela bollire e versateci a fiamma spenta il parmigiano reggiano grattugiato al momento,mescolate, ponete la crema in frigo e fate raffreddare. Lavate e tritate i fiori di zucca, scottateli in padella con un filo d’olio Evo, salate e pepate. Pulite le scorze di parmigiano, bollitele per circa 20 minuti. Quando le scorze saranno pronte, tagliatele a cubetti e scottatele in padella per qualche minuto. Togliete il composto di panna e parmigiano e montatelo con le fruste, otterrete così una crema di formaggio deliziosa e soffice, aggiustate di sale e pepe e mettetela da parte. A questo punto procediamo con l’assemblaggio del finger food. Prendete un bicchiere o calice elegante o una piccola cocotte trasparente, versate sul fondo la dadolata delle scorze di parmigiano, aggiungete i fiori di zucca, la crema di parmigiano , un altro strato di fiori di zucca, altra crema e terminate con i capellini all’uovo, che decorerete con qualche scaglia di parmigiano e al centro un grazioso pistillo di fiore di zucca.

Pubblicato in Antipasti | Commenti disabilitati su Il cappellaio Matto

Pasta al forno. Ricetta napoletana

teg

Pasta al forno. Ricetta napoletana.
La pasta al forno è un classico della cucina partenopea, e di tutto il sud Italia. Diverse sono le sue varianti, ma quasi tutte hanno degli ingredienti magici da scoprire man mano che si gusta il proprio tegamino di pasta che racchiude i sapori della tradizione e dei prodotti locali. La ricetta che vi propongo è quella napoletana, con ricotta e la mozzarella di bufala, provola affumicata, salame , ragù e polpettine. Un ‘esplosione di bontà, semplice ma irresistibile. Un piatto che sa di famiglia, di casa, di festa….

Ingredienti per 6 persone:
– Ragù di carne ( 700 g di pelati – 2 involtini di vitello- due costine di maiale)
– 600 g di rigatoni
– 200 g di ricotta di bufala
– 200 g di provola affumicata
– 200 g di mozzarella di bufala
– 150 g di salame
– 200 g di macinato di vitello
– 1 uovo
– 80 g di pangrattato
– sale e pepe q/B
– formaggio grattugiato ( pecorino romano)
– basilico
– 1/2 cipolla
– 100 ml di olio evo

Procedimento : Iniziate a preparare il ragù di carne, facendo imbiondire la cipolla con l’olio e il basilico. Aggiungete i due involtini e le costine di maiale, rosolate per bene e versateci i pomodori pelati. Aggiustate di sale e pepe e lasciate cuocere il ragù per 3 ore. Per le polpettine, mettete la carne macinata in una ciotola, aggiungete un uovo, un pò di formaggio grattugiato, sale e pepe q/b , amalgamate bene il composto e ricavate tante piccolissime polpettine. Passate le polpettine nel pangrattato e friggetele in una padella con abbondante olio di semi di arachide bollente per qualche minuto. Mettete ad asciugare le polpettine su un foglio di carta assorbente. Tritate la mozzarella di bufala, tagliate la provola affumicata a fette. Lessate i rigatoni, conditeli con il sugo e la ricotta e mescolate per bene . Stendete un mestolo di ragù sul fondo del tegamino, versate uno strato di pasta, aggiungete il salame, la mozzarella, la provola e le polpettine, terminate con un altro strato di pasta, un mestolo di ragù, un pò di mozzarella e formaggio grattugiato. Cuocete i tegamini nel forno per una 20 di minuti a 170 °. Sfornate e serviteli caldi. Conquisterete tutti 😉 teg2

Pubblicato in Primi Piatti | Commenti disabilitati su Pasta al forno. Ricetta napoletana

Parmigianetti al mare

parmi

La ricetta dei Parmigianetti al mare è nata dalla voglia di abbinare il Parmigiano reggiano con il pesce, un accostamento sicuramente poco usato in cucina, ma tanto vale provare no? Così sono nati questi ravioli con le cozze, i fagioli borlotti e il parmigiano reggiano. Un equilibrio di sapori speciali, consistenze, profumi che regalano al palato un’ esperienza particolare e gustosa.
Son partita dalla tradizione :”la pasta con i fagioli e le cozze che preparava mia nonna”.
Una pasta buonissima, una specialità campana ricca di sapori. E dal momento che sono dell’idea che l’unione fa la forza, ho cercato di unire le tradizioni e le eccellenti materie prime Emiliane e Campane, in un unico piatto che porti in riva al mar.
Ingredienti per 4 persone
– 250 g di pasta all’uovo
Per il ripieno
– 300 g di fagioli borlotti
– 150 g di Parmigiano Reggiano stagionato 24 mesi
– un pizzico di noce moscata
– una manciata di prezzemolo tritato
– sale q/b

Per il condimento
– 500 g di cozze
– 4 cucchiai di olio Evo
– 1 spicchio d’aglio
– un mazzetto di prezzemolo tritato
– pepe q/b
– un pizzico di peperoncino
– sale q/b

Procedimento : Preparate la pasta all’uovo , mettendo la farina setacciata a fontana su una spianatoia e al centro versate le uova precedentemente sbattute e l’olio. Iniziate ad impastare , amalgate perfettamente gli ingredienti fino a quando non otterrete un impasto liscio ed omogeno. A questo punto avvolgete la pasta nella pellicola alimentare e ponete in frigo il panetto , lasciandolo riposare per almeno 30 minuti.
Per preparare il ripieno, sbucciate 300 g di fagioli borlotti freschi , lavateli e metteteli a cuocere in acqua e sale q/b per circa 50 minuti. Quando i fagioli saranno cotti scolateli dalla loro acqua di cottura e tenetela da parte. Mettete i fagioli nel mixer e frullateli, fino a quando non otterrete una purea consistente, se la purea dovesse risultare tropp solida, aggiungete un pò d’acqua di cottura per allentare il composto leggermente. Aggiungete alla purea di fagioli un pizzico di noce moscata, il prezzemolo tritato e il parmigiano reggiano grattugiato al momento. Amalgamate il ripieno e ponetelo in frigo per 30 minuti.
Stendete ora la sfoglia per i ravioli . Stendete la pasta con il mattarello, schiacciate l’impasto prima con le mani, e poi iniziate a stendere la pasta in modo uniforme da tutti i lati andando anche oltre i bordi della pasta, giratela di tanto in tanto su se stessa . Nella fase di stesura, usate poca farina. Una volta che avrete ottenuto una sfoglia sottile, ricavate dei dischi aiutandovi con un coppapasta . Disponete il ripieno su ogni disco, e prima di chiudere il raviolo con un altro disco di pasta, inumidite leggermente il bordo con pochissima acqua, in modo che in cottura i ravioli non si aprano. Quando chiudete i ravioli assicuratevi che non entri l’aria , fate una leggera pressione ai lati del ripieno schiacciando i bordi con i lembi di una forchetta.
Prepariamo il condimento : Prendete una padella, aggiungete l’olio , prezzemolo, aglio, pepe e peperoncino q/b e fate soffriggere, quando l’aglio si sarà appena imbiondito, toglietelo e versate le cozze, lavate e private del loro spago. Mettete un coperchio sopra alla padella e a fuoco vivace fate cuocere le cozze per 8 minuti. Lessate i ravioli in abbondante acqua salata, per circa 6 minuti ( se la pasta è molto sottile, altrimenti qualche minuto in più) a fiamma media, perchè i ravioli sono una pasta molto delicata. Quando saranno cotti scolateli e disponeteli nei piatti irrorandoli con le cozze e il loro sublime sughetto/brodetto, terminate il piatti con una spolverata di prezzemolo e delle piccole scaglie di parmigiano reggiano.
Il piatto è pronto per essere gustato .
Bon Appetit.

Pane ai semi di girasole e zucca

pane2

Preparare il pane fatto in caso è un pò come viaggiare indietro nel tempo. I preparativi e la scelta della farina sono fondamentali. Il dubbio che preparare il pane , possa essere complicato è normale, soprattutto se si è alle prime armi. Ma questa ricetta è estremamente semplice e rappresenta un primo approccio o tentativo per capire come poter realizzare la vostra prima pagnottella di pane buona e genuina. Vi lascio alcuni consigli indispensabili che vi aiuteranno nel procedimento per preparare il mio pane ai semi di girasole e zucca.

Consigli e segreti:
1- Non usate l’acqua del rubinetto, scegliete un’acqua pura in bottiglia.
2- La tempertura giusta dell’acqua per sciogliere il lievito è di 27°
3- Non mettete mai il lievito a contatto con il sale, ma aggiungetelo solo alla fine.
4- Per fare il pane si scelgono le farine di forza come la manitoba o con i valori indicati sulla confezione dai 240 w ai 350w che hanno un alto contenuto di glutine e di proteine. Molto dipende dalla tipologia di pane che si vuole ottenere, dalle ore di lievitazione ecc ecc, questo aspetto lo approfondiremo in seguito, oppure potete dare un’occhiata sul web, per eventuali approfondimenti sull’argomento.
5- lavorate l’impasto per 10/15 minuti energicamente.
6- Mettete a lievitare l’impasto in una ciotola o su una spianatoia, copritelo con un canovaccio, al caldo e senza correnti d’aria altrimenti l’impasto si secca.
7- trascorse le prime 4/5 ore di lievitazione, sgonfiate delicatamente l’impasto con le dita, appiattitelo e impastate di nuovo il pane ripiegando la pasta su se stessa. Infine date al pane la forma desiderata, in questo caso tonda come una pagnottella.
8- quando realizzate un pane come questo con i semi di girasole e zucca, mettete i semi nella seconda fase di lavorazione e impastate il tutto sempre lentamente e delicatamente.
9- è preferibile cuocere il pane a forno statico.
10-Munitevi di pazienza e tempo…. ma il risultato vi stupirà.

Ingredienti :
– 550 g di farina 00 w 240
– 170 ml di acqua frizzante
– 170 ml di latte
– 2 cucchiaini di zucchero
– 2 cucchiaini di sale
– 2 cucchiai di olio evo
– 4 g di lievito di birra
– 80 g semi di girasole
– 20 g di semi di zucca

11900889_10206446984967370_139856815_o

Procedimento : in una ciotola sciogliete il lievito con lo zucchero , un pò d’acqua e un paio di cucchiai di farina, mescolate e lasciate riposare questo primo impasto per 30 minuti. Successivamente setacciate la farina, versatela nel primo impasto che avete preparato e iniziate a lavorare il tutto aggiungendo poco alla volta il latte, l’acqua, l’olio e il sale. L’impasto va lavorato energicamente per una decina di minuti a mano oppure in una impastatrice o planetaria. Quando la pasta sarà liscia, omogenea e soda, lasciatela lievitare per 8 ore. Trascorse le prime 8 ore di lievitazione, prendete l’impasto mettetelo sulla spianatoia e con le mani sgonfiatelo delicatamente e aggiungete i semi di girasole e zucca. Lavorate di nuovo l’impasto ripiegandolo su se stesso (come si fa con la sfoglia) e dategli la classica forma rotonda di una bella pagnottella, incidete la pasta con un coltellino e cospargete la superficie con i semi di zucca e di girasole. Ponete la pagnottella in una teglia antiaderente che usate per la pizza, leggermente unta di olio evo, e lasciatela lievitare per altre 7 ore. Cuocete il pane per 30 minuti circa a 170 °.

Pubblicato in Contorni | Commenti disabilitati su Pane ai semi di girasole e zucca

Insalata di tonno e patate

tonno

A tavola, la parola d’ordine per quest’estate rovente è :”Insalatona”. Certo a volte le idee mancano, o più semplicemente il fatto di preparare un’insalata mista e lavare, affettare e sbucciare troppe verdure, potrebbe farci perdere l’entusiasmo e la voglia, tanto da optare per qualcosa di già pronto. Ma questa insalata di tonno e patate è veramente facile da preparare e molto veloce, ricca di gusto e sapori. Con quattro semplici passaggi porterete in tavola un piatto unico, estivo e ricco di cose buone e sane.

Ingredienti:
– insalata romana
– 2 pomodori
– 100 g di olive verdi
– 1 patata
– 2 carote
– 2 scatole di tonno al naturale.
– sale q/b
– olio Evo q/b
– origano q/b
– basilico q/b

Procedimento : Pelate una patata media, lavatela e fatela a tocchetti ( riducendo la patata a tocchetti cuocerà prima) e lessatela in acqua bollente per 30 minuti. Lavate e asciugate l’insalata ( per asciugare l’insalata utilizzate una centrifuga per insalate) tagliatela a listarelle e ponetela in un piatto da portata. Lavate e tagliate i pomodori e le carote, mettete le verdurine sopra all’insalata aggiungete le olive e il tonno precedentemente sgocciolato e i tocchetti di patate. Aggiustate di sale, un filo d’olio, un pizzico di origano e qualche foglia di basilico. Servite l’insalata con qualche crostino di pane.

Samurai Salad

salad

Il mese di Agosto è quello in assoluto il più caldo di tutti. La ricerca di portare in tavola qualcosa di fresco è inevitabile. La voglia di stare ai fornelli si allontana sempre di più, ma non possiamo certo rinunciare a mangiare un buon piatto e provare nuovi sapori. Questa insalata prevede tutti prodotti freschi , ricca di vitamine e sali minerali, con l’aggiunta del tofu un “formaggio vegetale” ottenuto dalla cagliata del latte di soia , ricco di proteine vegetali, è l’alimento preferito dai vegani ,dai vegetariani e ciliaci.
Siete pronte a combattere l’afa e le temperature bollenti di questi giorni portando in tavola la Samurai salad? allora armatevi di tagliere, coltello , verdure di stagione e seguite la ricetta.

Ingredienti :
– un panetto di tofu 125 g
– 200 g di pomodorini
– 1 cetriolo
– 2 carote
– insalata lollo
– pane
– succo di limone q/b
– olio Evo q/b
– sale q/b
– un pizzico di peperoncino
– 1 spicchio d’aglio
Procedimento :In una pentola bollite il tofu per 10 minuti. Scolatelo e tagliatelo a dadini. Prendete una padella antiaderente e scottate il tofu per qualche minuto. Sbucciate il cetriolo, fatelo a fette e ponetele in uno scolapasta con del sale sopra, in questo modo il cetriolo perderà la sua acqua di coltivazione. Tagliate le carote a julienne, lavate l’insalata e disponete le verdure in un bel piatto da portata, aggiungete le fette di cetriolo, il tofu e i pomodorini tagliati a metà. Affettate delle fette di pane raffermo, stronifate sulla crosta del pane l’aglio e tostatele con un filo d’olio e un pizzico di peperoncino. A questo punto condite l’insalata con un pò di succo di limone, sale e un filo d’olio d’oliva e le bruchettine di pane.