Crea sito

Pasta fresca al pistacchio

Pasta fresca al pistacchio, impasto per torchietto , pasta maker e “nonna papera”.

In questi giorni si è svolta a Bronte la sagra del pistacchio, come saprete questa cittadina è famosa in Italia e nel mondo proprio per la produzione pistacchio  o “oro verde”, i frutti dal colore verde brillante e dall’aroma inteso sono molto pregiati e godono della certificazione di prodotto D.O.P.

Passeggiando per le vie del centro, durante la sagra, sono stata attirata da un venditore che proponeva una pasta fresca al pistacchio e dopo averla acquistata e assaggiata, ho pensato che sarebbe stato interessante ricrearla in casa  e magari proporla sul blog.

L’iniziativa ha riscosso molto successo in casa ed ecco che adesso sono pronta a scrivere la mia ricetta, adatta sia ad una lavorazione a torchietto, sia ad una lavorazione con “nonna papera” o sfogliatrice.

Vediamo come fare:

Pasta fresca al pistacchio, impasto per torchietto , pasta maker e "nonna papera".
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni6 Persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 600 gFarina di semola rimacinata (di grano duro)
  • 60 gFarina di pistacchi
  • mlAcqua (Per un’impasto lavorabile ma piuttosto sodo)
  • 1Uovo

Preparazione

  1. Inserite tutti gli ingredienti in una ciotola, cominciate a lavorarli e poi spostatevi sulla spianatoia. Lavorate il tutto fino ad avere un impasto liscio, omogeneo e piuttosto sodo.

    Montate il vostro torchio o la macchina della pasta e cominciate a confezionare il formato che preferite.

    Se utilizzate il torchio a manovella, l’impasto se pur sodo non deve essere durissimo, nel caso invece utilizzaste un torchio elettrico, diminuite un po’ l’acqua e create un impasto molto duro e difficile da lavorare a mano.

    Se utilizzate la macchina della pasta tipo “nonna papera” o sfogliatrice, come sicuramente già saprete, dovrete passare la sfoglia più volte, fino ad averne una liscia e senza buchi.

    I tempi di cottura della pasta fresca variano molto a seconda del formato, quindi dovrete regolarvi assaggiandola, quando la pasta perderà quel sapore amarognolo e fastidioso di impasto bagnato e la consistenza sarà uguale sia in superficie che al cuore , la pasta sarà cotta.

    Vi ricordo che se la pasta fresca, soprattutto i formati tipo maccheroni, torciglioni, penne, non è ben cotta, appena scolata diventa dura e quasi immangiabile, quindi scolatela solo quando siete sicuri della cottura, i miei maccheroni hanno impiegato 7 minuti.

     

  2. Aggiornamento:

    Di recente ho acquistato la pasta maker advanced, in questo caso la dose è:

    -500g di farina di semola rimacinata di grano duro;

    -100g di farina di pistacchio;

    -190g di liquido, nel quale è compreso un uovo.

    Dovete dividere in due parti e fare due partite di pasta, la macchina non lavora più di 500g di farina alla volta.

    Se volete acquistarla anche voi, ve la consiglio assolutamente, io mi trovo benissimo e presto acquisterò altre trafile. Ecco il link per dare un’occhiata: Philips HR2375/05 Avance Macchina per la Pasta, 200 W, Design Premium

  3. Nel caso non abbiate strumenti per fare la pasta, potrete fare a mano dei piccoli maccheroncini:

    tirate la pasta e fate dei cordoncini sottili, tagliateli in modo che siano lunghi 4cm, poi con l’aiuto di un coltello, trascinateli dal lato lungo, come vedete in foto.

    Per questo formato di pasta, va bene la dose indicata per torchietto o “nonna papera”.

  1. Scopri la mia recensione sulla macchina per la pasta Philips HR2375/05

    Se questa ricetta ti è piaciuta guarda pure:
    Pasta fresca ripiena ai funghi;
    Gnocchi di zucca fatti in casa;
    Gnocchi di ricotta fatti in casa;

Note

Se vuoi restare aggiornato sulle mie ricette, seguimi su:

facebook pinterestinstagramtwitter.

Da qui, potrai tornare alla HOME e scoprire le nuove ricette!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ilcaldosaporedelsud

Salve, mi chiamo Fernanda, sono siciliana di Catania e sono nata nel 1980. Ho uno splendida brigata composta da mio marito e tre meravigliosi figli. Quando mi annoio o sono triste non perdo tempo, faccio le svolte alle maniche e poi di corsa in cucina a preparare qualcosa di buono e sfizioso. Nel mio blog troverete un ampia varietà di ricette, dalle più semplici alle più elaborate, dalle più golose a quelle più giornaliere per approntare un pasto in maniera semplice, pratica e gustosa, ma troverete anche ricette light per quando occorre rimettersi in forma... Insomma, un diario di cucina adatto ad ogni esigenza, che aspettate allora? Andiamo in cucina e prepariamo insieme qualcosa di buono!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.