Angel Cake: torta sofficissima a base di albumi.

Per la seria “Americanate” in cucina Gastronomy Love! Angel cake: una torta che ti porta dritto in paradiso! Leggera come una piuma e candida come un battito d’ali! Finalmente dopo mesi e mesi di ricerche, centinaia di foto viste online e albumi congelati ad uno ad uno, finalmente ho provato la famosissima Angel Cake ed è stato subito amore.angel cake 7 gl

La Angel Cake è una tipica torta americana preparata solo con albumi senza la benché minima presenza di altri grassi. Niente olio, niente burro, niente latte e niente tuorlo ma solo e soltanto un’impalpabile eterea candida nuvola di gusto che si scioglie in bocca.

Delicata, ariosa e soffice come panna montata è la torta americana più buona che io abbia mai mangiato! L’attesa del tempo passato ad accumulare e congelare albumi è valsa la pena e già al primo morso ero in estasi.

angel cake 3glUna torta fatta con pochi ingredienti genuini e dalla semplice esecuzione che vi permetterà di sfruttare albumi avanzati e vi regalerà momenti dolcissimi.

La ricetta è del maestro Luca Montersino e ha di gran lunga soddisfatto e superato le mie aspettative.

Ingredienti per stampo da 18 cm (10 porzioni)angel cake 4gl

  • 360 g  albumi (circa 10-12 albumi)
  • 300 g  zucchero
  • 150 g farina 00
  • 5 g cremor tartaro
  • buccia grattugiata di 1 limone
  • 12 g di amaretto (oppure 1 cucchiaino di estratto di mandorle amare)
  • 1 bustina di vanillina
  • 2 g di sale

Preparazioneangel cake preparazione

  1. Portare gli albumi a 40° e montarli aggiungendo 150 g di zucchero in 3 riprese.
  2. Setacciare la farina e unire i restanti 150 g di zucchero, la vanillina, il sale, il cremor tartaro e la buccia grattugiata di limone.
  3. Con l’uso di un cucchiaio di legno (a mano) amalgamare delicatamente gli albumi montati a neve ben ferma e le polveri precedentemente miscelate.
  4. Aggiungere l’amaretto e amalgamare il tutto con movimenti delicati ma decisi, dal basso verso l’alto, facendo molta attenzione a non far smontare il composto.
  5. Versare il tutto delicatamente nello stampo da angel cake o chiffon (18 cm di diametro del fondo, 23 cm in superficie e 10 cm di altezza) senza imburrare né infarinare. Solo in questo modo l’impasto riuscirà ad attaccarsi alle pareti permettendo la fase finale di raffreddamento a testa in giù.
  6. Livellare il composto con il dorso di un cucchiaio o con l’aiuto di una spatola.
  7. Infornare in forno statico preriscaldato a 190° per 30-35 minuti, oppure in forno ventilato preriscaldato a 170° per 25-30 minuti (io preferisco il ventilato).
  8. A cottura ultimata estrarre lo stampo dal forno e mettere a raffreddare capovolto per un paio di ore. angel cake 5gl
  9. A raffreddamento completato capovolgere lo stampo e far scivolare un coltello a lama liscia lungo i bordi interni dello stampo in modo da permettere al dolce di staccarsi dalle pareti.
  10. Liberato il dolce dalle pareti laterali dello stampo poggiarlo sul piatto da portata e  passare la lama del coltello tra il dolce e la base dello stampo, in modo di liberare completamente il dolce.
  11. Servire tal quale o decorare con zucchero a velo e filetti di mandorle tostate (questa operazione può essere fatta in forno  o con l’ausilio di un padellino su fiamma dolce).

Accompagnare la Angel Cakeangel cake 2

Benché sia una torta già favolosa da sola, se rientrate nel girone dei golosi potete arricchirla accompagnandola con delle voluttuose creme o glassandola. Il mio consiglio è di creare un legame tra l’aroma utilizzato nella torta e la crema o la glassa di accompagnamento. Ad esempio potete sostituire l’amaretto con del Cointreau e accompagnare la torta con una crema all’arancia o ricoprirla con una glassa realizzata miscelando 250 g di zucchero a velo e il succo di un’arancia (o quanto basta ad ottenere una glassa densa ma colabile). Personalmente l’ho semplicemente spolverizzata con zucchero a velo e l’ho arricchita con delle scaglie di mandorle tostate per richiamare l’aroma del liquore all’amaretto.

Trucchi & Consigli per una Angel Cake perfetta

  1. Affinché gli albumi montino alla perfezione occorre portarli alla temperatura di 40-45°; questa operazione può essere fatta con un pentolino da bagnomaria e un termometro da cucina. In alternativa, chi possiede un kenwood cooking chef o un bimby può utilizzare questi ultimi per impostare la temperatura desiderata.
  2. raffreddamento angel cakeNon imburrare né infarinare lo stampo in quanto solo così sarà possibile l’operazione di raffreddamento a testa in giù che permetterà alla torta di perdere l’umidità in eccesso senza appesantirsi.
  3. Chi non possiede lo stampo da angel cake può utilizzare uno stampo a ciambella e dopo la cottura fare raffreddare quest’ultimo capovolto sul collo di una bottiglia di vetro.
  4. Taluni uniscono il cremor tartaro setacciato direttamente agli albumi mentre questi montano per assicurarsi una montata gonfia e ben strutturata.
  5. La Angel cake si mantiene per 1-2 giorni coperta ed è meglio evitare di congelarla.

Data la scarsità di grassi la Angel Cake rappresenta un’ottima merenda per chi vuole concedersi una coccola senza esagerare con le calorie. Una generosa fetta di angel cake (senza zucchero a velo) ha circa 192 Kcal e solo 1 g di grassi. Il maggior apporto calorico è conferito in questo caso dagli zuccheri necessari a stabilizzare la quantità ingente di albume.
calorie per porzioneDetto ciò non mi resta che consigliarvi vivamente di provarla perché l’assaggio vi confermerà che è davvero la “torta degli angeli”!

Alla prossima goloseria! 🙂

Valeria <3

Precedente Panini napoletani morbidosi Successivo Ragù alla napoletana

2 commenti su “Angel Cake: torta sofficissima a base di albumi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.